13 April 2013

Honda CRF250M: più motard per tutti

All’inizio dell’estate 2013 arriverà questa piccola motard derivata dalla enduro CRF250L. Grintosa nel look, vanta un avantreno che promette divertimento su strada. Ma la Casa dichiara un consumo bassissimo

Honda crf250m: più motard per tutti

Fin da quando la Casa di Tokyo ha presentato la piccola enduro dual-purpose CRF250L (cliccate qui per il video ufficiale, il nostro test lo trovate invece qui) abbiamo cominciato ad aspettare la versione motard, che infatti non si è fatta attendere molto. La Honda annuncia che tra pochi mesi (inizio estate) lancerà sul mercato europeo la CRF250M, basata sulla tecnica della on/off ma caratterizzata da ruote da 17 pollici con pneumatici stradali ribassati, dalle sospensioni più rigide per un assetto sportivo e dall’impianto frenante potenziato con un disco anteriore flottante di grande diametro. Per il resto le caratteristiche tecniche rimangono invariate: motore monocilindrico a 4 valvole con raffreddamento a liquido e cambio a 6 rapporti (23,1 CV, quindi rientra nei limiti previsti per la patente A2); telaio perimetrale in tubi a sezione ovale.

 

FACILE DISTINGUERSI

Come per tutte le motard, le modifiche alla ciclistica sono orientate ad assicurare maggiore agilità e controllo nell’uso stradale. Ecco quindi sospensioni (Showa) con molle dalla costante elastica maggiore per irrigidire l’assetto; freno anteriore flottante da 296 mm e la pinza a due pistoncini ma soprattutto ruote e pneumatici con misure e caratteristiche totalmente stradali (110/70-17 all’anteriore e 130/70-17 al posteriore). Tutto questo comporta tra l’altro anche un abbassamento generale della moto, con modifiche collaterali delle quote ciclistiche che comportano un assetto decisamente… da asfalto. Il peso di 145 in ordine di marcia forse non sarà un valore top, ma questa non è certo una moto racing. Più che altro si tratta di un mezzo che si presenta facile e divertente per i giovani che vogliono distinguersi nel panorama cittadino, senza rinunciare a qualche uscita più divertente.

 

DIVERTIMENTO SÌ, CONSUMI NO

Come abbiamo visto provandolo sulla versione “L” (cliccate qui), il motore 250 - con contralbero anti vibrazioni - ha un’erogazione lineare e disponibile fin dai bassi regimi, è progettato per minimizzare gli attriti e vanta numeri sufficienti per far divertire: 23,1 CV a 8.500 giri/min e 22 Nm a 7.000 giri/min. In più la rapportatura finale è allungata rispetto alla enduro (ora la corona ha 39 denti) e la Casa dichiara un consumo conseguente di ben 34 km/l di media (con i 7,7 litri di capacità del serbatoio si possono percorrere oltre 250 km).

 

TRA IL ROSSO E IL NERO

L’estetica caratterizza molto questa versione motard rispetto alla enduro da cui deriva. Aggressiva è l’alternanza tra il rosso e nero, colore riservato anche al telaio e ai cerchi, le grafiche sono inedite e rinnovano efficacemente le sovrastrutture, riprese in toto dalla CRF250L (da cui arriva anche la strumentazione digitale che integra anche l’indicatore di livello del carburante e l'orologio.

 

 

Arriverà all’inizio dell’estate 2013 in tutte le concessionarie d’Europa. Non ci sono informazioni sul prezzo ma, a titolo informativo, la versione enduro costa 4.700 euro.

 

 

 

CARATTERISTICHE TECNICHE

Motore

Tipo                                                    4T, monocilindrico, DOHC (bialbero), raffreddato a liquido

Cilindrata                                             250 cc

Alesaggio e corsa                                76×55 mm

Rapporto di compressione                   10,7 : 1

Potenza massima                               17 kW (23,1 CV) a 8.500 giri/min (95/1/CE)

Coppia massima                                  22 Nm a 7.000 giri/min (95/1/CE)

Capacità olio                                       1,8 L

Alimentazione                                      Iniezione elettronica programmata (PGM-FI)

Capacità serbatoio                               7,7 L

Consumi                                              34 km/l (ciclo medio WMTC)

Accensione                                          Digitale transistorizzata

Limitatore                                            10.500 giri/min

Avviamento                                         Elettrico

Regime minimo                                    1.450±100 giri/min)

Capacità batteria                                 12 V 6Ah (10H)

Alternatore                                          12V – 24A a 5.000 giri/min

Diametro corpo farfallato                       36 mm

 

Cambio

Tipo                                                     6 marce sempre in presa

Frizione                                               Lubrificata, multi disco

Trasmissione finale                               A catena

 

Ciclistica

Tipo telaio                                           Perimetrale semi-doppia culla in acciaio

Inclinazione cannotto di sterzo              25°45’

Avancorsa                                           71 mm

 

Dimensioni e peso

Peso in o.d.m. e con il pieno                  145 kg

Interasse                                              1.446 mm

Altezza della sella                                 855 mm

 

Ruote, sospensioni e freni

Freno anteriore                                    Disco idraulico da 296 mm con pinza a 2 pistoncini

Ruota anteriore                                    In alluminio da 17”, a raggi

Pneumatico anteriore                           110/70-17M/C 54S

Freno posteriore                                   Disco idraulico da 220 mm con pinza a pistoncino singolo

Ruota posteriore                                   In alluminio da 17”, a raggi

Pneumatico posteriore                          130/70-17M/C 62S

Sospensione anteriore                           Forcella telescopica a cartuccia a steli rovesciati da 43 mm

Sospensione posteriore                         monoammortizzatore e architettura Pro-Link

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA