di Beppe Cucco - 05 novembre 2019

BMW S 1000 XR 2020, turistica dall’animo racing

Completamente rivista rispetto al passato la BMW S 1000 XR 2020 trasporta il carattere della sportiva “RR” nel mondo del turismo, ora in modo ancor più accentuato. Ecco tutti i dettagli della nuova muscolosa crossover bavarese

1/65

In occasione di Eicma BMW toglie i veli alla nuova S 1000 XR. In versione 2020 la muscolosa crossover bavarese si presenta più leggera, più tecnologia e più prestazionale rispetto al passato, grazie alla ciclistica completamente rivista, una dotazione di serie al top e al motore derivato da quello della sorella sportiva S 1000 RR.

Vediamo nel dettaglio le novità introdotte.

1 di 6

Iniziamo proprio dal motore, che come detto è derivato da quello della sorella sportiva, ma ha rapporti di trasmissione adattati ed è studiato per offrire maggior potenza ai bassi e medi regimi. Rispetto al passato la 4a, 5a e 6a marcia ora hanno rapporti più lunghi al fine di ridurre il rumore, il consumo di carburante e il regime di rotazione. Oltre a ciò, e a una nuova frizione antisaltellamento, la nuova S 1000 XR presenta per la prima volta anche il controllo della coppia in rilascio (MSR). Controllato elettronicamente, l'MSR impedisce alla ruota posteriore di slittare a causa di brusche decelerazioni o cambi di marcia repentini.

In questa configurazione il 4 cilindri in linea di 999 cc è in grado di erogare una potenza di 165 CV a 11.000 giri/min. con un picco di coppia massima di 114 Nm a 9.250 giri/min. La Casa dichiara che i consumi di carburante calano del 8% (rispetto al vecchio modello), da 6,7 a 6,2 litri/100 km, e il peso del solo propulsore di 5 kg rispetto al precedente.

Quattro i riding mode a disposizione del pilota: “Rain”, “Road”, “Dynamic” e “Dynamic Pro”, che lavorano in simbiosi con il Dynamic Traction Control DTC con funzione anti-wheelie, gestiti da una piattaforma inerziale a sei assi in grado di rilevare i parametri della moto 100 volte al secondo. Di serie anche Hill Start Control Pro, cambio elettronico Shift Assistant Pro up&down e ABS Pro con DBC (Dynamic Brake Control).

1/25

BMW S 1000 XR 2020

Il telaio resta un doppia trave in alluminio, ma è stato completamente rivisto rispetto al passato, consentendo un risparmio in termini di peso di circa il 2%. L’unità principale è composta da quattro elementi in lega leggera saldati tra loro, che sfruttano il motore (alloggiato con un’inclinazione in avanti di 32°, come sul modello precedente) come elemento stressato, ora ancor più di prima. Anche il telaietto posteriore è nuovo, e più leggero (il 9% in meno). Telaio, telaietto e forcellone sono stati studiati per essere più leggeri (2,1 kg in meno) e ottenere il giusto mix tra rigidità e flessibilità, da qui il nome “Flex Frame”. Tutte le modifiche apportate permettono alla nuova S 1000 XR di fermare l’ago della bilancia a 226 kg, in ordine di marcia (2 kg in meno rispetto al modello precedente).

Grazie al nuovo telaio, più stretto, cambia anche l’ergonomia per il pilota. La zona tra le gambe del pilota è ora più compatta e rispetto alla versione precedente la seduta è stata spostata in avanti di 20 mm, per una posizione di guida “più attiva” e allo stesso tempo più rilassata. La nuova S 1000 XR beneficia anche di un manubrio più stretto, di 30 mm, e nuove boccole in gomma e inserti antivibrazioni.

Nello sviluppo delle sospensioni della nuova XR, gli obiettivi principali erano aumentarne l'agilità e la precisione di guida. Per questo motivo, l’inclinazione del cannotto di sterzo è stata modificata da 64,5 ° a 65,1 °. L’avancorsa è stato ridotto a 116 mm (precedentemente 117 mm) e allo stesso tempo l'interasse è stato esteso a 1.552 mm.

Anche il forcellone è stato completamente ridisegnato, con 6,6 kg di peso totale è più leggero del 20% rispetto a prima. Il monoammortizzatore è collegato ora direttamente al forcellone. L’escursione della molla posteriore è di 150 mm (precedentemente 140 mm), pari a quella della forcella.

Sempre in ottica di riduzione del peso, la nuova S 1000 XR utilizza gli stessi cerchi in lega leggera da 17” utilizzati per la S 1000 RR. Rispetto al modello precedente, il nuovo set di cerchi pesa 1,8 kg in meno (17%) o il 17% in meno. Tra gli optional, cerchi forgiati “M” e sistema di monitoraggio della pressione delle gomme.

1/18

BMW S 1000 XR 2020

Di serie la nuova BMW S 1000 XR è equipaggiata con Dynamic ESA (Electronic Suspension Adjustment), in grado di settare le sospensioni automaticamente in base allo stato della strada e al proprio stile di guida. Il Dynamic ESA offre un solo setting per le sospensioni (Street) e la possibilità di modificare in manuale il carico (Pilota, pilota + bagagli, pilota + passeggero). Come optional è disponibile il Dynamic ESA Pro, che offre due modalità di smorzamento (Street e Dynamic) e la compensazione del carico automatica.

A frenare la moto ci pensano due dischi anteriori da 320 mm (da 4,5 mm di spessore) morsi da pinze radiali a 4 pistoncini e un disco singolo posteriore da 220 mm, con pinza flottante a pistoncino singolo. Il tutto assistito dall’ABS Pro, di tipo cornering; altre novità introdotte in questo campo sono la possibilità di disattivare l’ABS al posteriore nella modalità di guida “Dynamic Pro” e l’intervento dedicato dell’impianto antibloccaggio quando si utilizza la mappa “Rain”. Come detto in precedenza, per la prima volta sulla S 1000 XR, troviamo anche il DBC Dynamic Brake Control che impedisce l'attivazione accidentale dell'acceleratore nelle frenate d’emergenza.

La nuova S 1000 XR è dotata poi dello schermo TFT da 6,5​ “utilizzato sulla S 1000 RR, ma in una versione ottimizzata per la crossover. Ad esempio, oltre a mostrare tutte le informazioni utili del viaggio, la strumentazione, in combinazione con l'app “BMW Motorrad Connectivity”, offre di serie un sistema di navigazione “a freccia”.

1/29

BMW S 1000 XR 2020

Completamente rivista anche l’estetica della moto, che ora si presenta più compatta e muscolosa rispetto al passato. Grande importanza è stata data all’aerodinamica, studiata per ottimizzare la protezione del pilota, anche nella zona delle gambe, ora maggiormente protette dal vento e dalle intemperie. La carenatura è stata modificata anche per offrire anche maggior protezione nelle aree dell'addome, della parte superiore del corpo e delle spalle. Il parabrezza sfrutta un nuovo sistema di regolazione, che consente di bloccarlo in due posizioni, anche durante la guida. Il parabrezza comfort, disponibile come optional, è più alto di 50 mm.

Tutti i fari della moto sono ora di tipo full LED e anche in questo caso ritroviamo un netto richiamo all’impianto di illuminazione della S 1000 RR, con il doppio faro anteriore e la luce posteriore e lo stop integrate negli indicatori di direzione. A proposito, le frecce godono ora della disattivazione automatica. Come optional sono inoltre disponibile l’Headlight Pro, con fascia luminosa DRL e cornering light, e i faretti supplementari.

1/25

BMW S 1000 XR 2020

La nuova BMW S 1000 XR sarà disponibile in due varianti cromatiche: Ice Grey e Racing Red/White Aluminium.

Ancora non si conosce la data di arrivo sul mercato e nemmeno il prezzo della moto.

1/11

BMW S 1000 XR 2020

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli