Sykes Re di Donington: Gara 1 è sua!

L'inglese del Kawasaki Racing Team è il pilota più vincente sul tracciato di Donington Park. Gara autorevole per Giugliano, Rea lotta con il cambio. Grande bagarre tra Savadori, Hayden e Camier. Per Davies niente va per il verso giusto. Ecco com'è andata 

SBK 2016, DONINGTON: LA CRONACA DI GARA 1 GIRO PER GIRO

Le Kawasaki ufficiali montano le SC2 all’anteriore, le Ducati di Davies e Giugliano la SC1, mentre Savadori monta la SC3 sempre all'anteriore

Partenza: parte bene Rea, che si porta all’interno ed è 3°, Davies parte a cannone ed è 1°, Sykes 2°. Rea viene infilato da Giugliano che ottiene la terza piazza. Savadori è 5°, già staccato di 150 millesimi da Rea che lo precede. Giugliano entra cattivissimo all’ultima curva e infila Sykes per il 2° posto. Nel frattempo arriva la caduta di Cameron Beaubier.

1/23: Rea infila Sykes alla prima curva, ora il poleman è 4°. Davies è inseguito a ruota da Giugliano, più staccato Rea, mentre Sykes ha mezzo secondo dal compagno. Savadori è sempre 5° davanti a Torres, Camier, Hayden, Abraham e VD Mark che completano la top 10

2/23: Giro Veloce: 1’28”020 per Rea, che ora è ufficialmente alle spalle di Giugliano. Van Der Mark risale in nona piazza, infilando Abraham nel T2. Rea va largo nel tornantino, e va largo anche nella curva successiva, mentre le Ducati sono impeccabili

3/23: Davies ha guadagnato qualcosa su Giugliano, Sykes cerca in ogni modo di non perdere contatto con il compagno di squadra che lo precede.

4/23: Giugliano è mezzo secondo più lento di Rea che lo insegue. Davies è al comando con 1,4 secondi di distacco da Giugliano, Rea (3°) ha mezzo secondo dall’italiano.

5/23: Giro veloce per Rea: 1’27”988 per il nordirlandese, che è sempre 3°. Savadori è riuscito a distaccarsi dal gruppetto composto da Camier, Torres e Hayden che è molto agguerrito. Infatti Hayden infila Torres nel T2, ora lo statunitense è 7°. ATTENZIONE: Caduta per Chaz Davies! Brutto errore per il gallese che risale in sella il prima possibile

6/23
: Ora Giugliano è in testa alla corsa, ed è francobollato da Rea. Nel giro precedente Rea era di 3 decimi più veloce del Ducatista. Nel frattempo Brookes infila Ramos per la 13esima posizione

7/23: Giugliano ha rallentato il ritmo di Rea che lo insegue, e Sykes ringrazia: ora riduce a 6 decimi il suo gap da "Johnny". Savadori è 4°: davanti e dietro di lui ci sono almeno 1,5 secondi di vuoto. ATTENZIONE: errore di Rea che all’ultima curva va largo. Sykes lo infila, Savadori ne approfitta: è 3°!

8/23: Rea però non vuole saperne di lasciare punti preziosi agli avversari: nel T2 riesce a recuperare Savadori e si riporta in terza piazza. Giugliano (1°) ha 6 decimi di vantaggio su Sykes (2°)

9/23: Rea (4°) adesso ha 6 secondi di ritardo da Sykes (3°), il quale sta gradualmente recuperando terreno su Giugliano: ora il loro gap è di 6 decimi. Nel frattempo arriva il ritiro di Lussiana.

10/23: Rea recupera solo 1 decimo da Sykes, il quale si è portato a 3 decimi scarsi da Giugliano che è ancora al comando della corsa. Sykes si avvicina in maniera netta a Giugliano nell’ultimo settore

11/23: Rea ha ripreso ritmo, e sta letteralmente martellando: 1’28”3, ben 6 decimi più veloce di chi lo precede. Nel frattempo, nelle retrovie, Scassa supera Szkopek per la 19esima piazza

12/23: Davies sta recuperando terreno: ora è 12°, e ha davanti a sé un gruppo composto da West, De Angelis e Abraham. West ottiene il 10° posto. Giugliano è sempre in testa, Sykes lo insegue, ma Rea è incredibile.

13/23: Davies infila De Angelis e West, Alex cade e costringe West ad allargare. Un peccato per il sanmarinese! Il suo compagno di squadra invece è ancora al quarto posto, seguito da Hayden (5°), Camier (6°), Torres (7°) e VD Mark (8°).

14/23: Sempre 3 decimi il gap tra Giugliano (1°) e Sykes (2°). Rea nel giro precedente ha perso 1 secondo in un solo settore. Solo i primi 3 girano in 1’28”. Arriva la seconda caduta di Chaz Davies! Dopo aver superato Karel Abraham, ha perso l’anteriore e finisce a terra. Gara finita per lui

15-16/23: Giugliano e Davies sono ancora attaccatissimi, Rea porta a 4 secondi scarsi il suo svantaggio. Sykes attacca Giugliano nella penultima curva, ma va largo, e Giugliano si rimette in testa. Inizia la bagarre! Ancora lungo Rea, che ha problemi al cambio: non riesce a passare dalla seconda alla prima marcia.

17/23: Rea si riporta a 7 secondi da Sykes, che nell’ultimo settore riesce a mettersi davanti a Giugliano e ottiene la testa della corsa. Che battaglia!

18-19/23: La gara rischia di decidersi in questi giri, perché Sykes inizia a staccare Giugliano di un decimo a settore. Savadori è 4° ma gira veloce come chi comanda la corsa, Rea (3°) ha rallentato. Sykes e Giugliano sono gli unici a girare in 1’28”, Rea è 3° ed è ormai fuori dai giochi. Nel frattempo Brookes scende in 12esima piazza, dopo essere stato infilato da Reiterberger e West. Anche Ramos ne approfitta e sorpassa Brookes, che è 13°. Top 10 composta da: Sykes, Giugliano, Rea, Savadori, Hayden, Camier, Torres, Van Der Mark, Abraham e Reiterberger.

20-21/23: Savadori perde due posizioni: viene infilato da Hayden e Camier che ora occupano le posizioni numero 4 e 5. Nel frattempo Sykes continua a pennellare giri in 1’28”6, e porta a 1,7 secondi il vantaggio su Giugliano che lo insegue. Camier sorprende Hayden nel T2 e gli ruba la quarta piazza, Savadori cerca di infilarsi tra Hayden e Camier nel penultimo giro ma è troppo veloce: Savadori rimane 6°. Nel frattempo arriva la caduta di Luca Scassa.

Ultimo Giro: Sykes ha 2 secondi da Giugliano, che non può fare nulla. Rea ha alzato bandiera bianca, e cercherà di terminare sul podio questa gara difficile. Intanto c’è sempre bagarre tra Hayden, Camier e Savadori, anche se le posizioni rimangono invariate rispetto al giro precedente.

​Bandiera a scacchi: Vince Sykes, 2° Giugliano, 3° Rea

Sykes come in Malesia: pole e vittoria in Gara1

Una gara ricca di colpi di scena quella della classe SBK, andata in scena a Donington. Chaz Davies cade all'inizio della corsa, quando era in testa davanti a Davide Giugliano; Davies si rimette in sella ma negli atti conclusivi della gara cade per la seconda volta, ed è costretto al ritiro. Jonathan Rea accusa forti difficoltà nelle cambiate in scalata, soprattutto nelle ultime curve dove si utlizzano marce molto basse: alla fine riesce a concludere con il 3° posto, e con il giro più veloce della gara: 1’27988. Davide Giugliano, è stato al comando della corsa per diversi giri, commettendo pochissimi errori, ma Tom Sykes era in una forma strepitosa: si porta al comando dopo 17 giri, e ottiene la vittoria con diversi decimi di vantaggio dal pilota laziale che, con il 2° posto, ottiene il terzo podio stagionale. Per Tom Sykes si tratta della settima vittoria a Donington, il che lo rende il pilota più vittorioso di sempre su questo tracciato. Lorenzo Savadori mantiene la quarta posizione per più di 20 giri, ma proprio nel finale entra in bagarre con Hayden e Camier che lo inseguivano. Alla fine, Camier conclude con il 4° posto, Hayden 5° e 6° Savadori, che ha tenuto un ritmo di gara come non ha mai fatto in stagione. Leon Camier ed MV Agusta eguagliano il loro miglior risultato mai ottenuto nella massima serie del Campionato Mondiale delle Derivate Sportive: il 4° posto in Gara 1 ad Assen. Tra le BMW di Jordi Torres (7°) e Karel Abraham (9°) c'è la Honda di Michael Van Der Mark (8°), che riesce a ritrovare il giusto feeling con la CBR1000RR SP del Team Ten Kate. Chiude la top 10 Anthony West, con la Kawasaki del Team Pedercini. Weekend nero per il Team Pata Yamaha: Cameron Beaubier cade nei primi giri, e non ha concluso la corsa, mentre Alex Lowes non ha preso parte alla corsa, Cadute anche per Scassa e De Angelis. Domani ci sono le gare di STK1000, Supersport e Gara2 della Superbike: controllate gli orari TV!

MONDIALE SUPERBIKE 2016, DONINGTON: CLASSIFICA GARA

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA