11 December 2014

Yamaha: prova generale di WSBK con la R1 nell'IDM 2015

Il team Yamaha MGM, emanazione ufficiale di Yamaha Germania, scenderà in pista nel campionato tedesco con due YZF-R1M, condotte da Damian Cudlin e Max Neukirchner. Per vincere in Germania, ma soprattutto in preparazione al ritorno nel Mondiale previsto nel 2016

Yamaha: prova generale di wsbk con la r1 nell'idm 2015

Come avevamo accennato in questo articolo, Max Neukirchner scende dalla Ducati del team 3C (campione IDM 2014 con Xavi Fores) per diventare pilota ufficiale Yamaha. Lo farà nel Campionato Tedesco 2015, con la R1M del team MGM Yamaha, diramazione diretta di Yamaha Germania.

 

2015 in idm in vista della sbk mondiale nel 2016

Lo scopo principale della prossima stagione Yamaha in IDM è ovviamente quello di cercare di vincere il titolo, ma anche (e soprattutto) sgrezzare la nuova YZF-R1M in vista del debutto internazionale in WSBK, previsto nel 2016. A questo proposito, sono ovviamente allo studio alcune partecipazioni come wild card nel mondiale Superbike 22015, che ha come unica tappa concomitante con l'IDM quella di Assen (qui il calendario della SBK 2015) e che quindi offre poche possibilità di un confronto indiretto. Max Neukirchner si è detto soddisfatto dell'accordo ed ha aggiunto: "Non vedo l’ora che scatti la stagione 2015. Sono certo che la nuova Yamaha YZF-R1M sarà molto competitiva, l’ideale per puntare in alto“. Insieme a lui scenderà in pista Damian Cudlin, fratello di Alex ,neo acquisto del team GoEleven in WSBK. Max e Damian sono i piloti con cui Yamaha farà anche ritorno in SBK nel 2016.

 

Chi é max neukirchner

Max ha una lunga carriera nelle derivate dalla serie. Il suo esordio internazionale risale a 10 anni fa, con la CBR 600 RR del team Klaffi Honda, concluso al nono posto finale con 63 punti. Nel 2005 passa direttamente in SBK e vi resta fino al 2010, passando da Honda a Suzuki, a Ducati e poi nuovamente a Honda. Il suo miglior risultato a livello mondiale è nel 2008, quando con la Suzuki del team Alstare giunge in quinta posizione con 311 punti all'attivo. Nel 2009 ha due incidenti gravi: quello in gara il 10 maggio a Monza lo costriinge ad un lungo stop, conclusosi coi test di Imola a metà luglio. All'Enzo e Dino Ferrari, però, cade di nuovo fratturandosi le vertebre...: stagione finita. Negli anni successivi Max sembra un altro pilota e non ottiene quei risultati che la classse dimosttrata fino al momento dei crash avrebbe fatto presagire. Nel 2010 entra una sola volta in Top 10, dal 2011 Max passa alla Moto2 dove resta per due anni senza raggiungere risultati eclatanti per poi tornare alla SBK con la Ducati Panigale del team MR Racing (due sole volte in Top 10, miglior risultato il 7° posto in Gara1 a Mosca). Il suo miglior risultato assoluto è però quello del 2014 (per quanto solo in ambito nazionale), secondo nell'IDM dietro al campione Xavi Fores sulla Ducati del team 3C (la moto con cui ha corso da wild card a Magny Cours, portando a casa un 9° e un 6° posto).

 

In bocca al lupo, Max!

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA