Voxan torna con una cruiser elettrica da 200 CV

Si chiama Wattman, è disegnata da Sacha Lakic ed è spinta da un motore a batterie con potenza da supersportiva e coppia mostruosa. È la moto elettrica più potente del mondo, ma tutto questo ha un prezzo: il peso

Voxan torna con una cruiser elettrica da 200 cv

La rassegna francese della moto e dello scooter arriva dopo Eicma e il Tokyo Motor Show, quindi non è il caso di aspettarsi clamorose novità. Ma una c’è e segna il ritorno di un marchio che, qualche anno fa, aveva fatto sperare gli appassionati transalpini in un ritorno in grande spolvero della Francia tra i Paesi produttori di moto (Peugeot fa solo scooter). Ma durò poco… Parliamo di Voxan, che presenta una moto stupefacente, che guarda al futuro e vuole strabiliare con caratteristiche impressionanti.

INEQUIVOCABILMENTE ELETTRICA

Il prototipo presentato a Parigi si chiama Wattman ed è una cruiser monoposto elettrica disegnata da Sacha Lakic. Sul design non ci sbilanciamo troppo, innanzitutto perché la moto è un prototipo, poi perché può piacere ad alcuni proprio per lo stesso motivo per cui ad altri può non piacere: è futuristica, massiccia, decisamente cruiser, con una linea dominata dalla parte centrale in cui si concentrano le masse inevitabilmente dovute al gruppo propulsore/batterie. Sulla tecnica torniamo tra poco, ora andate alla gallery e ammirate la moto in tutti i dettagli. Una curiosità: il design è ispirato all’esoscheletro di uno scorpione, qui rappresentato dall’alloggiamento in alluminio che racchiude il motore e il… serbatoio. Ovviamente non c’è più nulla di visibile per quel che riguarda i tipici tratti “meccanici” di una moto, se si escludono le sospensioni. Il tutto, piuttosto, appare morbido e high tech, ma al tempo stesso muscoloso. Decisamente e inconfondibilmente elettrica.

L’ELETTRICA PIÙ POTENTE

Ecco, il motore vanta caratteristiche e numeri niente male: unità a magneti permanenti raffreddata a liquido, 200 CV da 7.500 a 10.500 giri, 200 Nm di coppia da 0 a 6.000 giri. Il tutto alimentato da un pacco batterie agli ioni di litio da 12,8 kW/h che assicura un’autonomia di 180 km e si ricarica (all’80%) in meno di 30 minuti, grazie al sistema di ricarica Combo II. È il più veloce in Europa e può essere collegato anche alla normale presa di rete. Le prestazioni? 170 km/h di velocità massima, per cominciare, ma evidentemente non è questo il dato a cui Voxan puntava per impressionare. Infatti ecco i numeri dell’accelerazione: da 0 a 100 km/h in 3,4 secondi, da 0 a 160 km/h (praticamente la massima velocità) in 5,9 secondi.

La casa dichiara sensazioni in sella coinvolgenti, ma ovviamente di questo non possiamo parlare finché non avremo l’occasione di provare la Wattman (succederà mai?). Di certo la guida è presumibilmente improntata alla stabilità e all’equilibrio, con l’obbiettivo principale di scaricare a terra tutti i CV (trasmessi alla ruota posteriore tramite cinghia dentata e gestiti dal traction control) e trasformarli in accelerazione. Ecco che quindi la gomma posteriore da 240 acquista un senso che non è più solo estetico.

FORCELLONE A DOPPIO QUADRILATERO, 5 FRENI A DISCO

La ciclistica è basata sulla struttura centrale in alluminio che contiene il gruppo propulsore, una monoscocca a cui sono collegate le sospensioni. Si distingue soprattutto quella posteriore, realizzata con un originale sistema a doppio quadrilatero deformabile e doppio ammortizzatore. Davanti, invece, c’è una “normale” forcella USD con steli da 43 mm di diametro. Le ruote sono in carbonio, mentre i freni contano su un impianto Beringer a 5 dischi da 230 mm, di cui 4 coassiali all’anteriore, morsi da pinze assiali a 4 pistoncini. Alla Voxan avranno studiato bene l’impianto frenante, dato che per questa moto sono dichiarati 350 kg di peso, che da fermare sono sempre una bella massa. L’interasse di 1.705 mm può aiutare, e anche l'ABS.

La Wattman è progettata e ingegnerizzata a Monaco ma realizzata in Francia.

SCHEDA TECNICA

Motore

Elettrico a magneti permanenti

Potenza max: 200 CV da 7.500 a 10.500 giri

Coppia massima: 200 Nm da 0 a 6.000 giri

Regime massimo: 10.500 giri

Batteria

Ioni di Litio

Potenza: 12,8 kWh

Ciclistica

Telaio: struttura monoscocca che funge anche da alloggiamento per batteria e motore battery

Sospensione anteriore: forcella USD con steli da 43 mm di diametro

Suspensione posteriore: doppio braccio a parallelogramma, due ammortizzatori orizzontali

Cerchi: da 18” in carbonio

Pneumatici: Michelin Commander II (130/70/18 - 240/40/18)

Freni

Anteriore: 4 dischi da 230 mm di diametro, pinze Beringer a 4 pistoncini

Posteriori: disco da 230 mm di diametro, pinza Beringer

Trasmissione: cinghia da 35 mm

Prestazioni

Velocità massima: 170 km/h

0-100 km/h: 3,4 s

0-160 km/h: 5,9 s

Autonomia: 180 km (ciclo NEDC standard)

Temp di ricarica: meno di 30 minutes (ricarica veloce all’80%)

Caricatore: Combo II

Misure

Lunghezza: 2.350 mm

Altezza: 1.015 mm

Larghezza: 815 mm

Interasse: 1.705 mm

Peso: 350 kg

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA