Trofeo Moto Guzzi Fast Endurance 2022 con la nuova V7, si correrà anche di notte

La quarta edizione del monomarca dell’Aquila vedrà il debutto in versione “racing” della nuova Moto Guzzi V7. Entrano nel calendario del Trofeo Moto Guzzi Fast Endurance 2022 anche la tappa a Cremona e quella al Mugello. A Misano si correrà anche di notte

1/4

La Moto Guzzi V7 del Trofeo Fast Endurance 2022

1 di 3

Il Trofeo Moto Guzzi Fast Endurance torna nel 2022 con una novità: la quarta edizione del monomarca dell’Aquila vedrà il debutto in versione “racing” della nuova Moto Guzzi V7.

L’allestimento che trasforma la Moto Guzzi V7 nella versione da competizione nasce dalle mani dei fratelli Guareschi, storici preparatori Moto Guzzi, che hanno realizzato il Kit Racing GCorse dedicato alla nuova V7 sfruttando l’esperienza raccolta nelle prime tre edizioni del monomarca.

Nell’edizione 2022 sarà ancora possibile, però, schierarsi al via con la versione “racing” della Moto Guzzi V7 III. Gli equipaggi in sella alla “sette e mezzo” di Mandello con Kit Racing GCorse correranno insieme a tutti gli altri, ma ad essi sarà dedicata una classifica, di gara e di campionato, separata.

È infine confermata anche nel 2022 la preziosa collaborazione con Pirelli, fornitore unico del Trofeo. Tutte le V7 al via calzeranno gomme Pirelli Phantom Sportscomp RS, coperture racing sviluppate appositamente per la Moto Guzzi V7.

Sei le gare “mini endurance” in calendario, con partenza da Vallelunga il 14 e 15 maggio, dove si correranno due gare, della durata di 60 minuti. Seguiranno il Cremona Circuit (17 luglio) e il Mugello (28 agosto), entrambi teatro di una “mini endurance” di 90 minuti, prima del gran finale, previsto a Misano il 15 e 16 ottobre. La prima gara in riva all’Adriatico scatterà il sabato sera e si correrà in notturna con la luce dei riflettori - e dei fari delle V7, montati soltanto in questa particolare occasione - a illuminare la pista. A Misano la gara in notturna si svolgerà sulla durata di 90 minuti, mentre la “mini endurance” della domenica sarà di 60 minuti.

Ogni fine settimana di gara prevede due turni di prove cronometrate, entrambi della durata di 20 minuti per ciascun pilota. La media dei migliori rilievi cronometrici ottenuti dai due piloti dell’equipaggio determinerà la posizione di partenza di ciascun team nello schieramento della gara o di entrambe le gare, nel caso di weekend con gara doppia.

In corsa, ciascun pilota non può guidare per più di 15 minuti (più 5 minuti di tempo per rientrare ai box dall’esposizione dell’apposito cartello “cambio”): ciò significa che la gara è movimentata da almeno tre o cinque cambi pilota in corsia box, a seconda che sia prevista sulla durata di 60 o 90 minuti. Il rifornimento non è consentito. Al termine della gara verranno assegnati punteggi ai primi 15 team classificati.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA