di Fabio Meloni - 07 marzo 2019

Test BMW S 1000 RR 2019: wet race

Rivista in tutte le sue parti, a partire dal motore (ora a fasatura variabile), la supersportiva tedesca è più potente, più leggera e vanta un pacchetto elettronico di prim'ordine. Abbiamo provato la S 1000 RR 2019 all'Estoril e vi raccontiamo come va
1/67 BMW S 1000 RR 2019

Si rinnova l'arma da cordoli Made in BMW

La BMW S 1000 RR si rinnova dopo 10 anni dalla sua presentazione. Rispetto al modello precedente, la versione 2019 viene completamente rivista: il look spigoloso viene abbandonato per accogliere una linea più filante, il doppio faro anteriore asimmetrico è sostituito da due luci a LED incastonate nel frontale, mentre nella coda la luce di stop è integrato nelle frecce, donando uno stile racing alla “millona” tedesca. Le colorazioni previste sono attualmente due: una Racing Red ed una versione Motorsport. Qui, invece, trovate il prezzo.

Ora, è il momento di salire in sella. Vi diciamo come va la nuova supersportiva di Monaco dopo averla provata all'Estoril. Poco più in basso, invece, trovate tutte le informazioni che vi servono per conoscerla nei dettagli.

Come va?

10 anni dopo il suo arrivo sul mercato è finalmente giunto il momento di guidare la nuova S 1000 RR. Ce l'abbiamo davanti. È piccola, cattiva, ha i cerchi in carbonio (e tutto il resto dell'appettitosissimo pacchetto M). Ha 207 CV. Pesa 193,5 kg col pieno. Il circuito di Estoril è tutto per noi... e piove. Sì. Asfalto fradicio, visi cupi, tecnici preoccupati. Saliamo in sella e ci facciamo accompagnare in giro per la pista, ma non è quello che speravamo, né noi né voi, che avreste voluto sapere: come diavolo va 'sto missile?

Ci troviamo in difficoltà di fronte a questa domanda, anche perché l'unico modo mediamente sicuro per affrontare la pista con queste condizioni è settare tutti i sistemi elettronici sull'attenti, col risultato di trasformare il diavolo in un angioletto. Di sicuro il controllo di trazione funziona bene, e la dimostrazione è che ora siamo qui a scrivere queste righe invece che star rotolando nella ghiaia. Di certo l'ABS funziona bene, e la dimostrazione è la stessa di prima. Senza dubbio il quickshifter è molto buono, sia a salire sia a scendere. E in generale la moto dà una gradevole sensazione di sicurezza. Girare in queste condizioni può essere spaventoso o divertente, nient'altro, e dipende solo dall'amichevolezza della moto: e con lei ci siamo divertiti. Ci è parsa molto maneggevole. C'è una esse molto stretta e serve davvero poca forza per fare sinistra-destra. L'attacco della frenata è più gentile che in passato e diremmo che di potenza ce n'è tanta ma in queste condizioni oltre una certa decelerazione interviene l'ABS - è solo una sensazione, quindi. Un piccolo passo indietro ci sembra essere stato fatto in termini di protezione aerodinamica, mentre la posizione di guida è davvero molto simile. Qualcosa in più lo possiamo dire sul motore, perlomeno dalla quarta in su, perché con la mappatura di erogazione Rain le prime tre marce sono "castrate". Bene: se il vecchio quattro-in-linea era già un riferimento per coppia ai medi e uno tra i migliori per la spinta agli alti, questo è un passo avanti su entrambi i fronti. La schiena che ha questo motore diremmo che non l'ha nessun mille e lo stesso per quanto riguarda la grinta con cui punta i 15.000 giri/min (Panigale V4 R esclusa). Non ci sentiamo di dire più di questo, se non che non vediamo l'ora di tornare in sella per capire se queste ottime premesse si concretizzeranno in una moto capace di restare sulla cresta dell'onda per altri 10 anni.

Il motore

Il 4 cilindri di 999 cc guadagna 8 CV e perde 4 kg rispetto al modello precedente. Risultati ottenuti grazie ad una riprogettazione completa, che ora vede l’introduzione della tecnologia a fasatura variabile BMW Shiftcam ed una rivisitazione dell’aspirazione e dello scarico (quest’ultimo perde 1,3 kg rispetto a quello vecchio). La coppia viene sprigionata linearmente su tutta la curva d’erogazione, grazie alla fasatura variabile, rendendo così la moto più facile da gestire e prevedibile nonostante gli oltre 200 CV dichiarati. Rispetto alla S 1000 RR precedente, il motore eroga appena 1 Nm in più, ma la curva d’erogazione è stata abbassata e resa più lineare. ciò si traduce in maggior coppia ai bassi e medi regimi. A 5.500 giri si hanno già 100 Nm di coppia mentre il picco massimo di 113 Nm è a 10.500 giri, la potenza massima di 207 CV viene sprigionata a 13.500 giri. La linea rossa si sposta più in alto di 400 giri (limitatore a 14.600 giri), risultato possibile grazie a valvole il 25% più leggere. Alesaggio e corsa rimangono invariati: 80 mm per 49,7 mm. A domare tutta questa potenza c’è un’elettronica di prim’ordine oltre che materiali sopraffini: le valvole d'aspirazione, per esempio, sono in titanio.

L'elettronica

Il pacchetto elettronico della supersportiva bavarese è la massima espressione del know-how BMW. Di serie la S 1000 RR 2019 prevede le modalità di guida Rain, Road, Dynamic e Race. La Rain ha una risposta del gas più gentile e coppia limitata ai bassi regimi, la Road più coppia rispetto alla mappa precedente ed un’erogazione più decisa, la Dynamic è pensata per la guida più intensa tra le curve ma la coppia erogata ai bassi regimi è sempre limitata. Per provare la massima espressione della S 1000 RR c’è la Race, che prevede il massimo della potenza in tutte le marce. A migliorare l’esperienza in pista c’è un cambio elettronico in salita ed in scalata, che può essere rovesciato per i più esigenti. Il controllo di trazione ha un sensore a 6 assi e un sensore per l’inclinazione, in modo da assicurare sicurezza e performance sempre al top durante la fase di accelerazione. Presente anche il sistema regolabile anti impennata DTC Wheelie Function regolabile.

Pensata anche per un utilizzo nelle strade di tutti i giorni, è possibile equipaggiare la S 1000 RR anxhe con il cruise control previsto tra gli optional. Sempre come optional sono presenti poi tre Race Pro Modes (optional) che possono essere configurate. In queste modalità è possibile gestire anche il freno motore su tre livelli. Il pacchetto include anche il Dynamic Brake Controlo (DBC), che migliora la sicurezza: durante la frenata, il sistema annulla le accelerazioni non intenzionali del pilota. Ovvero: durante la fase di staccata, ogni apertura del gas viene considerata “non plausibile” e l’apertura del gas viene soppressa. Il risultato è una moto più stabile in frenata. Sempre pensate per la pista sono le funzioni Launch Control, Pit Lane limiter e il cronometro integrato regolabili tramite la strumentazione TFT da 6,5 pollici..

La ciclistica

Altra novità importante della S 1000 RR è il telaio, completamente ridisegnato. Il Flex Frame vede il propulsore, ruotato di 32° in avanti, ancora più integrato nella struttura. La riduzione del peso di 1,3 kg è data anche dal fatto che al motore viene fornito un maggior ruolo nella sopportazione dei pesi, riducendo così le dimensioni della struttura in alluminio. Sono nuovi anche il telaietto posteriore a traliccio e le geometrie delle sospensioni, anteriori e posteriori, studiate per garantire una maggiore tenuta di strada. Nella zona anteriore l’inclinazione del canotto di sterzo è portato a 66,9°, mentre l’avancorsa è diminuito di 2,4 mm (ora è 93,9). Nel posteriore invece il Full Floater Pro la fa da protagonista, rendendo la moto più stabile e precisa. Le sospensioni sono gestite elettronicamente dal Dynamic Dumping Control (DDC, optional), regolabile sulle modalità Rain, Road, Race e Track; come optional c’è la mappa Race Dynamic.

L'impianto frenante si avvale di un doppio disco flottante anteriore con pinza a 4 pistoncini ad attacco radiale e un disco posteriore di 220 mm con pinza flottante a pistoncino singolo; l'ABS è di serie e disinseribile.

I cerchi sono da in alluminio da 17", come optional sono disponibili anche nella versione forgiata o in carbonio. In configurazione "standard" il peso della moto (in ordine di marcia) è di 197 kg, che scendono a 195,4 con il pacchetto "Race" e 193,5 con il pacchetto "M". Il serbatoio è da 16,5 litri e la sella si trova a 824 mm.

Scheda tecnica BMW S 1000 RR 2019

Motore
Tipologia 4 cilindri raffreddato a liquido
Valvole DOHC, attivazione valvole tramite
Cilindrata 999 cc
Alesaggio/corsa 80/49.7 mm
Potenza 207 CV @ 13 500 rpm
Coppia 113 Nm @ 10 500 rpm
Rapporto di compressione 13.3:1
Carburante Benzina senza piombo, 95/98 ottani (dati di riferimento con benzina a 98 ottani)
Attuazione valvole DOHC (doppio albero a camme, valvole attuate da bilancieri singoli, fasatura variabile BMW ShiftCam
Valvole per cilindro 4
Ø aspirazione/scarico 33,5/27,2 mm
Diametro valvola a farfalla 48 mm
Gestione motore BMS-O
Catalizzazione Circuito chiuso con convertitore catalitico a 3 vie, EURO 4
Sistema elettrico
Alternatore 450 W
Batteria 12 V/8 Ah
Luci anteriori LED – 0,8 kW
Trasmissione
Frizione Anti saltellamento, a dischi multipli a bagno d’olio, azionata meccanicamente
Cambio 6 rapporti a presa continua
Rapporto primario 1.652
I marcia 2.647
II marcia 2.091
III marcia 1.727
IV marcia 1.500
V marcia 1.360
VI marcia 1.261
Azionamento secondario Catena
Trasmissione secondaria 2.647
Ciclistica
Telaio Tubolare in alluminio, motore autoportante
Sospensione anteriore Forcella telescopica a steli rovesciati da Ø 45 mm, regolazione precarico, compressione ed estensione regolabili. DDC optional
Sospensione posteriore Forcellone in alluminio con mono ammortizzatore regolabile in compressione ed estensione. DDC Optional
Escursione sosp.
(ant./post.)
120 mm /117 mm
Avancorsa 93,9 mm
Inclinazione canotto di sterzo 66,9°
Freno anteriore Doppio disco flottante, Ø 320 mm, pinza a 4 pistoncini ad attacco radiale
Freno posteriore Disco singolo, Ø 220 mm, pinza flottante a pistoncino singolo
ABS BMW Motorrad ABS Pro (disinseribile)
Controllo di trazione BMW Motorrad DTC
Cerchi In alluminio di serie, in alluminio forgiato nel Race Package (optional), fibra di carbonio nel M Package (optional)
Misura cerchio ant. 3,50 x 17”
Misura cerchio post. 6,00 x 17”
Misura pneumatico ant. 120/70 ZR17
Misura pneumatico post. 190/55 ZR17
Dimensioni
Lunghezza totale 2.073 mm
Larghezza totale con specchietti 846 mm
Altezza sella 824 mm
Peso in ordine di marcia Standard: 197 Kg
Race Package: 195.4 Kg
M Package: 193.5 Kg
Peso massimo concesso 407 Kg
Capacità serbatoio 16,5 lt
Prestazioni
Consumo di carburante (WMTC) 6,4 l/100 km
Emissioni C02 149 g/km
Accelerazione 0-100 km/h 3,1 “

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultime notizie news