11 May 2013

Sykes e Laverty vogliono la vittoria, Melandri almeno il podio

Lui ed ombre, soddisfazione e delusione, dichiarazioni bellicose o… diplomatiche nei commenti dei piloti SBK dopo la Superpole a Monza

Sykes e laverty vogliono la vittoria, melandri almeno il podio

Dopo le libere e le qualifiche con la pista in condizioni non ottimali, la Superpole monzese ha riservato emozioni e incertezze fino agli ultimi minuti. A spuntarla è stato lo specialista Tom Sykes, che per l’ennesima volta si candida alla vittoria (cliccate qui). È infatti suo il nuovo record della pista, anche se i piloti Aprilia, Rea e Melandri non staranno certo a guardare.

 

Ora non resta che seguire le gare (qui gli orari in TV).

Chi gioca a FantaMOTOCICLISMO avrà tempo fino alle 11,55 per fare il proprio pronostico e guadagnarsi  l’opportunità di diventare tester di Motociclismo per un giorno (cliccate qui per il regolamento e sul pulsante arancione per giocare).

 

 

 

Tom Sykes

Non sapevo che tempo avesse fatto Laverty, ma certo sapevo che le Aprilia qui sarebbero state veloci. Non vedo l’ora che arrivi la gara, perché abbiamo un gran passo: in certi tratti siamo avvantaggiati, abbiamo fatto il record del circuito e partiamo dalla casella ideale. Spero in due belle gare. Monza mi piace perché è veloce e gli spettatori sono pazzi, come me.

 

Eugene Laverty

Ad un certo punto pensavo di avercela fatta, ma Tom mi ha battuto di 78 millesimi. In realtà il secondo posto della prima fila è comunque un ottimo risultato, considerando il nostro passo di gara. Domani spero di sfruttare al meglio la potenza della mia RSV4, le Aprilia sono costantemente le più veloci e questo per noi rappresenta un importante vantaggio. Monza è una pista speciale, le sue caratteristiche si adattano perfettamente sia alla mia moto che ai punti forti del mio stile di guida.

 

Sylvain Guintoli

Abbiamo fatto un grande lavoro, preparandoci al meglio per quanto riguarda il passo di gara e l’utilizzo delle gomme. È la mia migliore Superpole con Aprilia ma non abbiamo ancora conquistato la piazza migliore, in ogni caso partire dalla prima fila è importante. Anche perché sembra che ci sia più di un pilota in grado di lottare per la vittoria, quindi si preannunciano due gare combattute. Domani speriamo di divertirci, divertire i tifosi e lasciare Monza con un bottino pesante.

 

Jonathan Rea

Un po’ dono deluso perché fino all’ultimo secondo sono stato in prima fila. Però sono anche contento perché, guardando ai nostri punti forti e a quelli deboli, Monza non è mai stata una delle nostre piste preferite. Comunque io sarò lì nella lotta. Nel settore tre andavo forte, ma una piccolo fuoripista nelle libere ha diminuito un po’ la mia fiducia in quel tratto. Fortunatamente l’ho ritrovata in Superpole, così spero di avere in gara un ritmo che mi permetta di stare coi primi, poi vedremo cosa succederà. Possiamo migliorare in certe aree, ad esempio il freno motore e la stabilità in curva.

 

Marco Melandri

Sono contento del risultato in Superpole, perché sappiamo di essere un pelo lenti in qualifica, quindi la seconda fila va bene. La moto mi piace, specialmente l’avantreno, mentre per il posteriore c’è ancora del lavoro da fare. In configurazione gara la BMW è più stabile, anche in frenata, infatti il passo è buono. Ora spero in una gara col bel tempo. Mi piace Monza quando la pista è asciutta, specialmente la Parabolica. Ho fiducia e vorrei il podio, per i tifosi e la squadra.

 

Davide Giugliano

Abbiamo fatto dei passi avanti per tutto il week end e alla fine abbiamo fatto una buona Superpole. Certo, il 6° posto non mi soddisfa, perché sono veramente contento solo quando riesco a stare davanti, ma qui a Monza partire dalla seconda fila non è un dramma. Potrebbe anzi rivelarsi una cosa positiva, perché chi deve fare la lepre si troverà a subire una gran pressione e a sfruttare molto le gomme. Saranno comunque due gare difficili, ma la moto è a posto e io ce la metterò tutta.

 

Chaz Davies

Tra le Libere e la Superpole abbiamo fatto qualche modifica alla moto e la situazione, che non mi aveva completamente soddisfatto, è migliorata: 1,3 secondi più veloce con gomme da gara! Ma ancora fatico in ingresso curva, la moto non ha ancora il bilanciamento ottimale e questo, unito al maggior grip delle gomme da qualifica, ha reso la moto troppo nervosa. Ecco perché sono uscito di pista un Superpole 3, la moto non ha reagito come mi aspettavo all’entrata della curva. Ma la squadra sta lavorando per risolvere il problema e io sono fiducioso. L’importante è partire bene, perché sul passo siamo competitivi.

 

Jules Cluzel

Per la prima volta sono contento in questo week end. È la mia prima volta in SBK su una pista così veloce, quindi ho dovuto imparare a gestire la moto sui curvoni veloci e memorizzare i punti di frenata. Non è la cosa più facile per un debuttante, se poi ci si mettono anche le condizioni meteo incerte… Ringrazio la squadra, che mi ha dato una buona moto e ha continuato a lavorare per trovare il miglior set up per la mia Suzuki. In gara sarà dura, perché non sono a posto al 100%, ma la direzione è buona e credo che potremo migliorare.


Leon Camier

Sono frustrato per non essere riuscito a sfruttare al meglio le gomme da qualifica. Hanno tantissimo grip e la cosa mi ha addirittura sorpreso. In Superpole 3 sono andato forte con gomme da gara e avrei voluto avere tempo per provare ad usare ancora le gomme da qualifica, ma quel che è fatto è fatto. Cercherò di partire bene in gara e di tenere la scia dei ragazzi davanti. Poi vedremo cosa succede col procedere delle gare.

 

Loris Baz

Non siamo veloci sul giro singolo e la cosa negativa è che non sappiamo perché. Con gomme da gara andiamo bene, ma dobbiamo migliorare in qualifica, per potere partire davanti. Il passo è buono, ma serve più velocità, speriamo di trovarla nel warm up. Abbiamo stabilità in frenata e grip, ma la maneggevolezza credo sia la chiave di tutto: la moto va bene ma non riesco ad essere più veloce sul giro (la mia top speed è quasi come quella di Tom).
 

Ayrton Badovini

Il fatto che siamo riusciti a passare alla seconda fase della Superpole è già positivo,  considerando che noi soffriamo qui a Monza. La gomma da qualifica mi ha dato più grip rispetto alla gomma da gara, ma purtroppo non abbastanza da far vedere una grande differenza. La mia posizione in griglia per domani è abbastanza centrata, dietro ad un gruppo di piloti veloci. Abbiamo visto che il nostro punto critico è l’uscita dalla Parabolica, quindi lavoreremo per colmare un po’ il gap in quella sezione e provare a fare due belle gare domani.

 

Carlos Checa

Purtroppo questo weekend dovrò seguire le gare solo sullo schermo e mi dispiace molto per il Team, gli sponsor e tutti i tifosi che sono venuti qui a Monza, ma ho già cominciato a lavorare per tornare in forma e lavorerò ancora più duramente nei prossimi giorni per tornare al 100%. Attendo con ansia Donington per rimettermi in sella.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA