13 settembre 2012

Protestiamo contro il pedaggio sullo Stelvio!

Domenica 23 Settembre il Coordinamento Italiano Motociclisti chiama a raccolta i cittadini in moto, contro l'imposizione del pedaggio sullo Stelvio e sugli altri Passi

Protestiamo contro il pedaggio sullo stelvio!

Ormai lo sapete, dal 2013 la strada che porta al passo dello Stelvio (versante altoatesino) sarà a pagamento. Ne abbiamo parlato qui sul sito (cliccate qui per l’articolo) e abbiamo preso una posizione netta anche sul giornale, con l’editoriale del direttore Marco Riccardi sul numero di settembre (cliccate qui o aprite l'allegato all'articolo). Ma la cosa ha fatto inviperire un po’ tutti e ha spinto a pensare a delle forme di boicottaggio e protesta. Ad esempio c’è quella del Coordinamento Italiano Motociclisti, che chiama a raccolta i cittadini in moto per esprimere, direttamente in cima al passo, il dissenso nei confronti del provvedimento. Ecco il comunicato ufficiale del CIM.

Nonostante le proteste che si sono alzate da molte parti, la Provincia Autonoma di Bolzano guidata da Luis Durnwalder ha proseguito sulla propria strada: dal 2013 il versante altoatesino del Passo dello Stelvio sarà a pedaggio.

Per il Coordinamento Italiano Motociclisti si tratta di una scelta sbagliata ed inaccettabile. Soprattutto perché questo pare essere solamente la prima di tante possibili gabelle: dopo lo Stelvio dovrebbe toccare a Gardena e Sella, facendo diventare quindi a pagamento il famoso 'Sellaronda'.

Ritrovarsi in un Paese dove ogni Ente Locale può arrogarsi il diritto di sottoporre a gabelle gli utenti della strada avrà inoltre ricadute negative dal punto di vista economico e turistico. A parere del Coordinamento Italiano Motociclisti, inoltre, le imposizioni a carico degli automobilisti e motociclisti, introitate da Stato ed Enti Locali italiani (accise ed Iva sui carburanti, imposta sulle assicurazioni, tassa di proprietà etc.), hanno già raggiunto un livello insopportabile, che di fatto sta provocando il crollo del mercato delle immatricolazioni di auto e moto, con gravi ricadute in ambito produttivo ed occupazionale.

Il Coordinamento Italiano Motociclisti, che sta già raccogliendo adesioni alla propria petizione online (cliccate qui) ha quindi deciso di organizzare un evento di protesta proprio in cima allo Stelvio

Domenica 23 settembre dà appuntamento dalle 9,30 alle 16 a tutti i Cittadini In Moto che vogliano far sentire la propria voce presso il gazebo del CIM che sarà montato per l'occasione proprio in cima al Passo più alto d'Italia.


www.cim-fema.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli