Proposta di legge: ritiro patente a vita e omicidio stradale

Online la petizione per portare avanti questa proposta di legge popolare che prevede norme ancora più severe per chi provoca incidenti mortali guidando in stato di alterazione

Proposta di legge: ritiro patente a vita e omicidio stradale

 

Ora si può mettere la propria firma per supportare il percorso di questa proposta di legge popolare. Si articola sostanzialmente su due punti: l’aumento della pena prevista (ora da 3 a 10 anni, passerebbe da 8 a 18 e senza possibilità di patteggiare), la revoca a vita della patente e l’arresto immediato se colti in flagranza di reato.

 

Una proposta promossa da Stefano, Stefania e Valentina Guarnieri, familiari di Lorenzo che a 17 anni è stato ucciso da un ubriaco, travolto mentre era alla guida del suo scooter. “Quell'uomo - ha detto il padre di Lorenzo, Stefano Guarnieri - non ha fatto un giorno di galera e domani riprenderà la patente” a distanza di un anno esatto dalla morte di Lorenzo. La proposta è stata subito appoggiata dal sindaco di Firenze, Matteo Renzi, e da associazioni come l’Asaps; punta a prevenire gli incidenti causati da persone che guidano sotto effetto di alcol o droghe.

 

Perché questa proposta possa essere portata in Parlamento ha bisogno di 50.000 firme. Quindi, chiunque volesse appoggiarla può andare sul sito www.occhioallastrada.it. Dite la vostra nello spazio qui sotto riservato ai commenti.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA