SPECIALE SALONE EICMA 2021
Tutte le novità Casa per Casa

Nuova Royal Enfield SG650 Concept, il futuro è qui

È la moto che indica la strada per il futuro di Royal Enfield. La nuova SG650 Concept 2022 è spinta dal bicilindrico 650 Twin ed equipaggiata con serbatoio e cerchi in alluminio ricavati dal pieno, forcella a steli rovesciati e scarichi bassi satinati

1/21

Royal Enfield SG650 Concept 2022

1 di 2

Royal Enfield svela ad Eicma la SG650 Concept, un prototipo che segna un altro capitolo nei 120 anni del marchio. SG650 Concept è il risultato di una sfida lanciata da Mark Wells, Chief of Design di Royal Enfield, al team di progettazione industriale, con la quale l’Azienda si è posta l’obiettivo di avviare un nuovo percorso creativo, partendo dallo stile tipico di RE per poi proiettarlo in una nuova era.

La moto è spinta dal motore bicilindrico 650 Twin, abbinato ad un sistema di scarico total black. Troviamo poi sagome in alluminio lucidato che si snodano lungo la moto, serbatoio lavorato dal pieno con una macchina CNC partendo da un unico blocco di alluminio, così come i cerchi con ABS integrato, pinze dei freni su misura e doppio disco del freno anteriore. Continuando ad osservare la nuova SG650 Concept vediamo forcella a steli rovesciati, piastra forcella/alloggiamento faro integrato in alluminio, manubri bassi con blocchetti interamente in alluminio, doppi ammortizzatori posteriori montati al classico telaietto e sella monoposto sospesa in pelle nera con impunture cucite a mano.

Siamo un’azienda in fase di transizione, che si sta affrancando dall’era analogica – commenta Mark Wells – Stiamo sviluppando nuovi prodotti che, pur mantenendo lo spirito genuino di sempre, sono completamente integrati con il presente digitale. Per sottolineare questo momento, volevamo proporre un progetto che desse al nostro team design la possibilità concreta di lasciare campo libero alla creatività. Lo scopo era realizzare una concept bike unica, che rendesse omaggio alle tante, storiche moto custom Royal Enfield senza rimanere incatenata al passato. Un’interpretazione neo-rétro che rivoluzionasse i potenziali canoni estetici delle Royal Enfield, senza comunque tradire l’iconico DNA dell’azienda. Le innovative tecnologie dei giorni nostri, dagli smartphone agli smart watch o persino i viaggi nello spazio, spesso si ispirano alle fantasie del passato. La voglia di guardare al futuro con ottimismo e di ipotizzare dove potrebbe portarci è il motore della nostra cultura. Ecco perché, per accostarci a questo concept, non siamo partiti da una domanda, bensì da un contesto: abbiamo cercato di immaginare il prossimo futuro e ci siamo chiesti quale posto avrebbe occupato il nostro brand in quel mondo. Nella nostra mente ha preso forma una cyber-giungla urbana, satura di neon, in cui vecchio e nuovo dialogano in un groviglio di cemento, metallo, luci accecanti e vicoli oscuri, dove analogico e digitale si intrecciano e fondono. Calati in questa ambientazione al tempo stesso aliena e familiare, siamo stati costretti a pensare a un modo del tutto diverso per trattare l’estetica di una moto Royal Enfield. Siamo convinti che il risultato che ne è scaturito, rivelato per la prima volta a EICMA 2021, sia perfettamente a proprio agio in quello scenario e costituisca qualcosa di completamente inedito, originale e unico per i cultori del brand e, più in generale, delle due ruote. Il team di progettazione ha svolto un lavoro egregio, riuscendo a mantenere lo spirito analogico (le linee e le sfumature di design che sono la cifra della nostra azienda, un sottile omaggio al suo passato) e riscrivere al tempo stesso quello che le Royal Enfield di domani potrebbero idealmente rappresentare in termini di forma e funzionalità”.

Siamo entusiasti di aver presentato questo concept e aver scritto un altro capitolo nella storia del design Royal Enfield, assecondando la sua rapida evoluzione – aggiunge Adrian Sellers, Group Manager della divisione Industrial Design e responsabile del progetto SG650 Concept – Alcuni elementi di questo prototipo sono davvero speciali e rappresentano un’anteprima assoluta per un concept Royal Enfield: molti componenti sono stati prodotti o disegnati singolarmente e in esclusiva assoluta per questa moto. Il serbatoio è stato lavorato dal pieno con una macchina CNC partendo da un unico blocco di alluminio, così come i cerchi con ABS integrato, le pinze dei freni su misura e il doppio disco del freno anteriore. Le forcelle rovesciate, l’assieme piastra forcella / alloggiamento faro integrato in alluminio e i manubri bassi extra-ampi con blocchetti interamente in alluminio aggiungono al concept un fattore di originalità e di design all’avanguardia, bilanciato da chiare eco al nostro passato come i doppi ammortizzatori posteriori montati al classico telaietto e la sella monoposto sospesa in pelle nera con impunture cucite a mano. Dal punto di vista visivo, il motore 650 Twin e il sistema di scarico total black completano il quadro di questo prossimo futuro immaginario, mentre le sagome in alluminio lucidato che si snodano lungo la moto in una sorta di “trasformazione digitale” grafica raccontano l’evoluzione del brand. Siamo soddisfatti del risultato finale e crediamo fermamente che apporterà qualcosa di completamente nuovo alla storia Royal Enfield, ancora in fieri dopo 120 anni”.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA