di Beppe Cucco - 27 novembre 2019

"Stop&go" al posto delle multe per eccesso di velocità

I conducenti pizzicati sopra al limite di velocità possono scegliere se pagare la multa “tradizionale” oppure fermarsi in posto per un determinato arco di tempo. Questa idea alquanto curiosa è in corso di sperimentazione in Estonia

1/7

È in fase di sperimentazione in Estonia una nuova forma di “punizione” per chi supera il limite di velocità. I motociclisti e gli automobilisti che vengono sorpresi a correre lungo la strada che collega Tallinn e la città di Rapla, se fermati dalla Polizia, hanno la possibilità di scegliere come rimediare al loro errore. Possono pagare una multa, come di consueto, oppure effettuare uno “stop&go”, ovvero devono fermarsi in posto per un determinato arco di tempo (compreso tra i 45 minuti e l'ora, a seconda della velocità a cui si viaggiava).

Il progetto è nato dalla collaborazione tra il Ministero degli Interni dell'Estonia e le forze di polizia e fa parte di un programma che ha l'obiattivo di incoraggiare l'innovazione nei servizi pubblici. Lo scopo dell'esperimento è quello di vedere come i conducenti percepiscono il rapporto tra velocità, tempo e denaro. Stando a quando dichiarato dalla Polizia ai colleghi inglesi del magazine “The Economist”, i conducenti estoni hanno spesso affermato che dover passare del tempo fermi in posto con le forze dell’ordine è ben peggio che ricevere, e pagare, una multa. Questo perché la gente paga le multe, e se ne dimentica (in Estonia le multe non hanno alcun effetto cumulativo e non si perde la patente se se ne prendono molte).

Altro aspetto apprezzato dagli utenti è il fatto che in questo caso la multa è più egualitaria nei confronti delle persone: non tutti hanno gli stessi soldi, ma tutti abbiamo lo stesso numero di ore al giorno. Dopo questa prima fase di test il governo non esclude la possibilità di estendere la sperimentazione anche in altre zone del Paese.

1/7
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli