di Luca Nagini - 07 novembre 2017

790 Adventure: il prototipo della nuova offroad

KTM presenta il prototipo di una Adventure sviluppata sulla base della nuova Duke 790 con un design che ricorda quello delle 450 impegnate nella Dakar

Una nuova Adventure prende forma

KTM entra di prepotenza nel segmento delle enduro stradali “medie”. La 790 Adventure sfrutta la base tecnica della sorella Duke 790, dove il motore bicilindrico parallelo da 799cc viene sfruttato dal telaio in acciaio cromo-molibdeno con funzione di irrigidimento. Simile anche il comparto freni, con due pinze ad attacco radiale 4 pistoncini sulla ruota anteriore, e pinza a singolo pistoncino al posteriore (prodotte dalla spagnola J.Juan). Ma le similitudini si fermano qui, perché questa Adventure è una vera moto da fuoristrada, molto più aggressiva delle 1090R-1290R. Riprende molti canoni estetici direttamente dalle 450 Rally che corrono la Dakar, soprattutto in zona serbatoio, che scende fino a collegarsi con l’ampio paramotore (cliccate qui per le foto). Ma si tratta di una struttura unica, a forma di ferro di cavallo, che abbraccia motore e telaio da entrambi i lati: non sono due serbatoi separati come sulla 450 Rally, o sulla vecchia 950-990 Adventure. Ha i cerchi a raggi da 21-18 (il posteriore ospita una gomma presumibilmente di 150/70-18), nelle foto del prototipo sono montati due raggi arancioni che consentono di trovare la valvola ruota al volo, come si usa fare sulle MTB. Sospensioni WP dalla lunga escursione, ben oltre i 200mm, con il monoammortizzatore vincolato direttamente al telaio, senza leveraggi, come di tradizione KTM, ma montato molto inclinato.
1/15 Il prototipo della enduro stradale di KTM, la 790 Adventure

Sguardo di famiglia

Il doppio faro anteriore a LED riprende il design della famiglia 1290 Adventure R e S, il plexiglass trasparente è molto compatto, ma le due inedite appendici inferiori dovrebbero aiutare a deviare l’aria che colpisce il busto del pilota. Sulla struttura triangolare di supporto è montato un porta road-book e tutta la strumentazione da rally, a sottolineare l’animo racing della moto (potrebbe correre in gare come l’Africa Race, dove non c’è il limite a 450cc).
Questo prototipo è dotato di parafango alto, ma la versione definitiva uscirà di serie con il parafango basso, come si è visto nelle foto spia del prototipo intercettato su strada. Mancano anche le pedane passeggero e lo scarico Akrapovič, senza Db killer, non è omologato per strada. Il manubrio a sezione variabile è vincolato alla piastra di sterzo (ricavata dal pieno) tramite riser ammortizzati. E’ presente anche un ammortizzatore di sterzo lineare.

Non sono stati dichiarati peso, potenza e prezzo; la Casa ha dichiarato però che la versione definitiva della 790 Adventure dovrebbe arrivare ad Aprile 2019.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli