Honda presenta il team HRC World Motocross

Dopo anni di latitanza la Casa alata torna nelle piste da cross in forma ufficiale. Max Nagl e Evgeny Bobryshev guideranno le due Honda CRF450RW factory nel Mondiale MXGP (ex MX1)

Honda presenta il team hrc world motocross

Dopo il debutto stagionale sulla sabbia di Riola Sardo lo scorso fine settimana nella prima tappa degli Internazionali d’Italia 2014, il Team HRC World Motocross è stato presentato ufficialmente a Tokio, di fronte ai vertici della Casa alata comandata dal Presidente Takanobu Ito. Un segnale forte, che ufficializza l’impegno diretto della HRC nel Mondiale cross con i due piloti Max Nagl e Evgeny Bobrishev (riconfermati dall’anno scorso) con Roger Harvey a fare da General Manager. Già da Riola si sono visti i primi occhi a mandorla impegnati sotto la tenda di Paolo e Maurizio Martin (che restano come fornitori della base logistica in pista), a conferma del fatto che l’impegno della HRC non si limiterà alla fornitura dei materiali, ma ci sarà un concreta presenza sul campo di gara dei men in red (e ne servirà di impegno per battere il nostro Cairoli…).

 

LA NUOVA MOTO

Il team sarà schierato nella classe MXGP (ex MX1) con le due Honda CRF450RW prototipo di cui si sa ben poco, se non che siano mezzi factory al 100% (ma ci sono molte foto nella gallery). A Riola siamo comunque riusciti a carpire qualche indiscrezione tecnica che ci parla di una forcella Showa SFF (uno stelo per l’idraulica, l’altro per l’aria, senza molla) di ultima generazione a tripla camera interna, uno scarico con collettore con uscita sul lato destro della testa, con percorso più corto rispetto al modello di serie che anticipa il my 2015, doppio terminale Termignoni in titanio e fondello in carbonio e un inedito radiatore dell’olio posizionato alle spalle del radiatore sinistro per migliorare l’efficienza del motore. Questo è ciò che si vede da fuori, ma i tecnici gongolano nel farci capire che le vere chicche siano all’interno del propulsore. Si parla di materiali speciali per carter e distribuzione (che resta Unicam), ma soprattutto di un largo uso di elettronica derivante dalla MotoGP su cui c’è il riserbo più assoluto.

Honda ha latitato per quasi vent’anni dal motocross e questo ritorno, unito a quello parallelo alla Dakar, non può che far felici gli appassionati, perché potrebbe sottintendere un progressivo rientro anche di altre Case ultimamente troppo concentrate sulle competizioni stradali. Anche nella MX2 ci saranno due moto molto ben preparate, affidate alla struttura di Giacomo Gariboldi con i piloti Tim Gajser e il giapponese Yuki Yamamoto, anche se non avranno un supporto diretto con la Casa, pur vantando i loghi HRC sulle moto.

Ricordiamo che il Mondiale cross 2014 partirà dal Qatar il 1 marzo con il primo dei 18 GP previsti, due dei quali si terranno in Italia ad Arco di Trento (14 aprile) e a Maggiora (15 giugno).

 

IL VIDEO UFFICIALE E I COMMENTI DEI PROTAGONISTI

 

 

Roger Harvey Gerneral Manager

La stagione 2014 è un’importante pietra miliare per Honda nel Mondiale motocross grazie al supporto della HRC. Honda ha una lunga tradizione nel motocross con la CRF e ha conquistato numerosi titoli mondiali nella 125, 250 e 500 a cavallo tra gli Anni 80 e 90 e dopo un sostegno sempre maggiore negli ultimi tre anni, il passo inevitabile era una completa presenza ufficiale della Casa con un Team HRC.

  

Max Nagl

Mio padre mi ha sempre detto che il passo più importante per un pilota era arrivare a guidare una Honda ufficiale, perché era sempre un passo avanti a tutti. Ora sono molto felice di aver realizzato questo sogno e di essere nel Team HRC. Rispetto all’anno scorso è tutto diverso perché lavoriamo a stretto contatto con la fabbrica e con gli ingegneri giapponesi, abbiamo molte parti da testare e siamo già molto migliorati. L’esperienza e il successo di HRC porta grandi giovamenti alla nostra squadra. Siamo stati presentati di fronte al Presidente, assieme a piloti come Pedrosa e Marquez. Questo mostra quanto Honda creda in questo progetto MXGP.

 

Evgeny Bobrishev

Rappresentare il Team HRC è un grande onore per me. Hanno una lunga storia di successi anche nel motocross e dopo tanti anni è meraviglioso vedere questo ritorno nel Mondiale MXGP. L’impegno di tutta la squadra è concentrato sui risultati che dobbiamo ottenere quest’anno e il pre stagione ha già dato ottimi riscontri. Lavorare direttamente con la Honda Giappone dimostra che siamo in un momento di cambiamento e il loro aiuto ci ha già aiutato a cambiare passo. Per questo dico che mi sento forte per questa stagione. Spero che la storia si possa ripetere anche grazie a noi. 

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA