di Nicolas Patrini - 21 luglio 2018

Haga, Van der Mark e Lowes incontrano Motobot

Al Goodwood Festival of Speed la Casa di Iwata ha portato anche Motobot. L'umanoide ha incontrato Michael Van der Mark, Noriyuki Haga e Alex Lowes. Ecco cosa pensano i tre del robot capace di guidare autonomamente una YZF-R1
  • Salva
  • Condividi
  • 1/9 Yamaha Motobot

    Motobot è l’automa di Iwata in grado di guidare una moto senza aiuti da parte dell’uomo. Grazie ai dati che raccoglie in tempo reale (velocità, regime del motore, assetto, ecc) il robot è in grado di controllare sei attuatori (sterzo, acceleratore, freno anteriore, freno posteriore, frizione e cambio) e questo gli permette quindi di guidare autonomamente una motocicletta.

    Il progetto, attualmente, è nel vivo dello sviluppo: presto vedremo l’umanoide girare da solo tra i cordoli di un circuito. Yamaha però non si accontenta “solamente” di riuscire a far terminare alcuni giri di pista a Motobot, ma vuole che lui sia in grado di farlo ad una velocità superiore di 200 km/h scegliendo da solo le migliori traiettorie. Questo progetto ha un obbiettivo ben preciso, quello di aumentare la sicurezza del pilota (umano) in sella ad una moto. Infatti, i frutti di questi studi verranno presto resi disponibili per la creazione di sistemi elettronici avanzati per la sicurezza.

    Di seguito trovate il video dell'incontro tra Motobot e Noriyuki Haga, Alex Lowes e Michael Van der Mark.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA