Covid-19: la situazione in diretta dalle aziende di abbigliamento

Abbiamo chiesto a tutte le più importanti aziende di settore dell'abbigliamento per moto come stanno affrontando il blocco imposto dal Governo per far fronte alla pandemia causata dal Coronavirus. Tra smart working e commercio on-line si guarda alla ripartenza

Il Decreto del 22 marzo 2020 messo in atto dal Governo per cercare di contrastare la diffusione del Covid-19 ha imposto anche la chiusura delle aziende di abbigliamento moto sparse sul nostro territorio. Tra smart working, commercio on line, implementazioni dei siti web si guarda alla ripartenza, sperando che questa possa avvenire il 3 maggio (come da ultimo decreto del 10 aprile) e non ci siano ulteriori proroghe. Sia perché significherebbe che la pandemia di Coronavirus è stata debellata, sia per ridare ossigeno a tutto il settore delle due ruote, che ne ha davvero bisogno!

Dopo aver sentito alcuni dei più grandi rivenditori italiani, siamo andati -da remoto- a parlare direttamente con le aziende di abbigliamento, in cima all'articolo trovate il video con le opinioni di Alpinestars, Arai - Nos - Forcefield (BER Racing), Nolan, Shoei, Spidi, REV'IT!, Shark, TCX e Tucano Urbano.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA