CCM presenta le nuove Street Moto e Street Tracker

Le nuove Street Moto e Street Tracker 2021 sono spinte da un motore monocilindrico di 600 cc raffreddato a liquido da 55 CV. Praticamente identiche tra loro, si distinguono solo per cerchi e pneumatici. CCM le realizza in serie limitata

1/19

CCM Street Tracker e Street Moto 2021

1 di 2

CCM presenta le nuove Street Moto e Street Tracker 2021. Ad affiancare la Spitfire Six, la bobber completamente personalizzabile di cui vi abbiamo parlato l’estate scorsa, e ad espandere la gamma di modelli della Casa inglese arrivano quindi due nuove versioni. Come tutti gli altri modelli in gamma, anche le nuova Street Moto e Street Tracker sono spinta da un motore monocilindrico di 600 cc raffreddato a liquido e con cambio a sei marce. Si tratta dello stesso motore che attualmente equipaggia le SWM ed in passato abbiamo trovato sulle Husqvarna, il monocilindrico bialbero progettato dall'ing. Macchi, un propulsore in grado di erogare una potenza massima di 55 CV e con un picco di coppia di 58 Nm a 5.500 giri/min. Il telaio è un traliccio in acciaio saldato a mano al tig che lavora abbinato ad una forcella a steli rovesciati e un monoammortizzatore posto in posizione centrale, entrambi con 120 mm di escursione. A frenare la moto ci pensano i due dischi a margherita, con l’anteriore da 320 mm e il posteriore da 240. Il serbatoio ha una capacità di 14 litri.

Sulla Street Moto i cerchi sono a raggi da 17” e montano pneumatici stradali Avon, la sella (rigorosamente monoposto) si trova a 790 mm dal suolo e il peso della moto (a secco) è di 145 kg. Sulla Stree Tracker, invece, i cerchi sono sempre a raggi, ma da 19” e montano pneumatici semitassellati Maxxis; l’altezza della sella sale a 830 mm dal suolo, non cambia il peso.

In quattro livree disponibili, le nuove CCM Street Moto e Street Tracker sono in vendita ad un prezzo di 10.995 sterline, pari a circa 13.000 euro. Entrambe le moto sono realizzate in serie limitata di 250 pezzi e attualmente sono in vendita solo in Gran Bretagna, ma CCM ha annunciato di voler iniziare a commercializzare le proprie moto anche fuori dal Regno Unito.

Per maggiori informazioni vi rimandiamo al sito dell’azienda. Qui sotto trovate le foto delle due moto, nella pagina successiva la storia di CCM.

Street Moto

1/9

CCM Street Moto 2021

Street Tracker

1/9

CCM Street Tracker 2021

Il papà delle CCM si chiama Alan Clews, è un inglese classe 1930 che, dopo gli studi tecnici, comincia a lavorare aggiustando bilance. La sua grande passione sono le moto e così decide di partecipare alle competizioni di Trial e Regolarità. Il desiderio di guidare moto sempre più competitive lo porta a realizzare (grazie al sostegno di un suocero abbiente) due special con motore BSA. Sono talmente ben fatte che riusce a venderle prima ancora di usarle!

Questo exploit gli permette di entrare in contatto con la BSA ottenendo materiali e motori per le sue realizzazioni. Nasce così, nell’aprile del 1971, il marchio CCM (Clews Competition Machines), che negli anni realizze molte moto da fuoristrada con i motori BSA ma anche con i 2 tempi dell’italiana Hiro. La 500 Cross 4 tempi con motore BSA diventa con il tempo poco performante e troppo costosa rispetto alle nuove 2 tempi. La CCM viene così ceduta alla Armstrong, che non ottiene però alcun risultato di rilievo, né tecnico né commerciale.


La passione e l’amore per il marchio da parte del fondatore e di suo figlio Austin fanno sì che nel 1995 la produzione riprende utilizzando motori Rotax. Nel 1998 viene acquisita dal gruppo MBO e venduta al Fermec Holdings Ltd.

Alan Clews è scomparso il 2 maggio del 2018 e ora suo figlio maggiore, Austin, egli stesso pilota e campione di motocross, porta avanti l’azienda a fianco del cognato Gary Harthern e il fratello minore Russell e i figli Ben e Jack. CCM ha ancora sede in Inghilterra, a Bolton, nel Lancashire.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA