SPECIALE SALONE EICMA 2021
Tutte le novità Casa per Casa

BMW GS Trophy - le selezioni italiane

Sabato 20 e domenica 21 settembre, si sono volte Castelfalfi (FI) le selezioni per il BMW GS Trophy. Noi eravamo lì, ecco come è andata.

Solo per pochi




Castelfalfi (Firenze) 21 settembre 2008 - SOLO PER POCHI Degli oltre 1.900 iscritti, sono stati scelti 80 finalisti che si sono giocati la partecipazione al GS Trophy, in Tunisia il prossimo mese di maggio, sfidandosi in 4 prove di abilità. Alla fine di questa “due giorni” sono stati scelti i 4 riders che rappresenteranno l’Italia, in una squadra di sei che comprenderà anche due giornalisti (uno dei quali di Motociclismo). Il BMW GS Trophy è infatti una sfida nel deserto tunisino, in sella a BMW F 800 GS, dove si scontreranno, in prove di abilità e non di velocità, squadre provenienti da 5 Paesi, tra cui Germania, Italia e Giappone. A ideare le 4 prove che gli 80 prescelti hanno dovuto sostenere è stato Beppe Gualini, ex dakariano nonché responsabile tecnico della GS Academy a Castelfalfi.

Le prove




LE PROVE I ragazzi sono stati divisi in 4 gruppi da dieci per ognuno dei due giorni e, a rotazione, ogni gruppo doveva cimentarsi in una prova: corsa di 5 km, prova di guida, prova di smontaggio/rimontaggio ruote e leve e prova scritta teorica. La prima consiste in un percorso con salite e discese su fondo misto asfalto/terra, dove si ha un massimo teorico di 60 minuti di tempo, ma che i migliori hanno compiuto in poco più di 20’. La seconda è la prova di guida in sella a BMW R 1200 GS e F 800 GS, entrambe dotate di pneumatici tassellati. Il percorso principe dei corsi della GS Academy, date le grandi piogge scese fino al giorno prima è stato scartato, nella giornata di sabato, in favore del percorso B, sempre molto tecnico, ma ricavato in un grande piazzale con fondo misto ghiaia. Le varie prove consistevano in frenate al limite del bloccaggio, ovviamente sempre senza ABS, slalom stretto tra birilli e salite e discese viscide con spazi ridotti di rincorsa e di manovra. Qui si è visto un po’ di tutto, da ragazzi con buone o ottime doti di guida ad altri che, evidentemente, si sono sopravvalutati, dichiarando, al momento dell’iscrizione sul sito www.bmw-motorrad.it, decisamente superiore a quella reale. Ma va bene così, in fondo tutti si sono divertiti come matti e comunque sono risaltati ancor  di più i più bravi. I quattro prescelti, i cui nomi verranno comunicati entro questa settimana, sono realmente ottimi motociclisti, con buona esperienza, non solo di guida. Infatti, l’altra prova è stata quella della manutenzione, dove sono state formate delle coppie di piloti che dovevano smontare ruote e leve di una 650 Xchallenge con l’ausilio delle chiavi date in dotazione dagli istruttori. Anche qui si è assistito a un po’ di tutto: da chi potrebbe lavorare in un team di Formula 1 (o quasi...), a chi proprio non sa da che parte guardare un perno ruota. L’ultima prova ha una duplice funzione: capire quanto si conosce delle tecnico motociclistica e verificare un minimo di conoscenza della lingua inglese. Il questionario di teoria, infatti, era tutto in inglese.

32 GS nella sabbia




32 GS NELLA SABBIA Tutto è pronto per il grande evento e a Monaco si stanno finendo di allestire le 32 F 800 GS che verranno spedite in Tunisia per dare il via al raid-race. Come ha più volte sottolineato Gualini, l’importante non è la velocità, ma l’abilità, la tenacia e lo spirito di gruppo. Insieme ai nostri 4 italiani e all’inossidabile Beppe Gualini, ci saremo anche noi di Motociclismo e vi racconteremo da dentro l’emozione di questa prima edizione del BMW GS Trophy. Il via è fissato per il 14 ottobre, seguiteci e fate il tifo per l’Italia!

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA