Comparativa Globetrotter 2016: la rivincita delle piccole

La giornata di oggi è quella che (finora) ci ha permesso di conoscere meglio le nove moto della sfida per quanto riguarda la guida su asfalto. Tutte ci hanno dato grandi soddisfazioni, ma ci ha colpito quanto vadano bene le “piccole” del gruppo

UNA SPECIE IN VIA D’ESTINZIONE

Causa piccolo errore di valutazione - abbiamo trovato un posto meraviglioso per fare delle foto (alcune le trovate qui), ci siamo rimasti fino a sera inoltrata, salvo poi scoprire che eravamo molto più lontani dall'hotel di quanto ci aspettassimo - mi ritrovo a scrivere della giornata di oggi alle due del mattino, con la sveglia pericolosamente vicina, e mi scuserete quindi se sarò sintetico. Ho comunque alcune cose interessanti da raccontare. La prima è che finalmente siamo riusciti ad osservare un bell'esemplare di Pirata della Strada Albanese, specie che pareva dover essere diffusissima e che invece fino ad oggi era rimasta nascosta. Procedevamo belli ordinati lungo una via di Pogradec quando sulla corsia di sinistra è passata una Mercedes nera a tutto gas, Mercedes che all'altezza della metà del nostro gruppo ha pensato bene di tagliare la strada per infilarsi in un cortile sulla destra. Nessuna conseguenza, per fortuna.

ANCHE LE PICCOLE SANNO EMOZIONARE

Altra cosa importante: siamo finalmente riusciti a guidare - a lungo - su belle strade ben asfaltate. Quasi tutte le nostre moto ci hanno dato grande soddisfazione, chi con un motore esaltante chi con una ciclistica impeccabile, tutte cose di cui vi racconteremo sul numero di maggio di Motoociclism. Mi (ci) ha colpito però quanto vadano bene le piccole del gruppo. Con trenta, quaranta, addirittura sessanta CV meno delle concorrenti più agguerrite, KTM Adventure 1050 e Suzuki V-Strom 1000 hanno motori che nella stragrande maggioranza dei casi non fanno rimpiangere proprio niente, e anzi, sono forse tra i più divertenti! Per non parlare del fatto che sono un po' più piccole e a sensazione leggere delle altre "muccone", e quando sono cinque giorni che ti fai venire un'ernia ogni volta che sali su una moto e devi sollevarla per tirare su il cavalletto, fa molto, molto piacere. Ultima cosa: che bella l'Albania! Paesaggi vari e affascinanti - si passa nel giro di poco dal mare blu a colline tutte boschi ad altipiani isolati a montagne innevate - e persone super gentili e disponibili. Pirata a parte...

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA