Viaggio low cost: il decalogo per risparmiare. Moto, destinazioni, siti

Ecco una panoramica dedicata a chi non vuole perdere il gusto del viaggio in moto anche se non dispone di un budget sconfinato. Regole, consigli, suggerimenti e trucchi

VIAGGI LOW COST

Il viaggio in moto è economico per definizione. È fatto per gli animi razionali, che sanno trovare il giusto compromesso fra bisogni e capacità (scarsa) di carico. Oppure per i naïf che prendono tutto come viene, con grande spirito di adattamento. Comunque richiede una predisposizione al risparmio tale da rendere il motociclista una delle categorie umane più pronte ad affrontare i periodi di crisi, come quello che stiamo vivendo. Certo, lo sappiamo, la moto, in quanto oggetto di piacere, da mezzo utilitario è diventato anche un bene di lusso e fra i mototuristi ci sono tanti fortunati che si possono permettere un furgone di assistenza al seguito, un hotel superstellato a fine tappa, una moto che, per comfort, non faccia rimpiangere l'auto. Ma ora vogliamo tendere una mano a chi, per necessità o per virtù, prima di partire per un viaggio deve farsi due conti e magari anche organizzare un briefing familiare per decidere quale spesa di casa sacrificare in nome dell'amore per l'esplorazione. A costui dedichiamo 10 accorgimenti che, sicuramente, lo potranno aiutare a limare i costi della sua impresa, senza ricorrere a degli sponsor! Cliccate sui link sotto oppure sfogliate le pagine successive (e poi guardate la gallery, con splendide foto di viaggi low cost)

  1. CHE VIAGGIATORE SONO?
  2. QUANDO ANDARE
  3. LA MOTO GIUSTA
  4. SCEGLIERE I PAESI EMERGENTI
  5. IL WEB TI DÀ UNA MANO
  6. L'AIUTO DEL CLAN
  7. MI BASTA UN DIVANO
  8. UN PANINO & UN’OSTERIA
  9. NO AUTOSTRADA
  10. LA “COLLETTA” DIGITALE
     

CHE VIAGGIATORE SONO?

1. CHE VIAGGIATORE SONO?
Il popolo dei viaggiatori si divide in due grandi categorie: quelli che vivono alla giornata, improvvisando, godendo degli imprevisti che ogni giorno l'avventura “on the road” offre. E i fondamentalisti della programmazione, che stanno male solo al pensiero di non avere un letto e un desco assicurati. Diciamo subito che ci sono pro e contro in entrambe le tipologie: le prenotazioni (di alberghi, ristoranti, voli, ecc.) sono sempre frutto di un scelta fatta nella direzione del comfort, che ha quasi sempre un prezzo o, comunque, obbligano ad affrontare dei costi che il viaggio “improvvisato” ti aiuta ad evitare. Ma è anche vero che se si ha molto tempo a disposizione per organizzare il raid avrete anche modo di trovare le occasioni piú convenienti che aiuteranno ad alleggerire le spese. Anzi, possiamo azzardarci a dire che il viaggiatore low cost ha bisogno di molto tempo per elaborare i suoi “piani” di risparmio. 

 

  1. CHE VIAGGIATORE SONO?
  2. QUANDO ANDARE
  3. LA MOTO GIUSTA
  4. SCEGLIERE I PAESI EMERGENTI
  5. IL WEB TI DÀ UNA MANO
  6. L'AIUTO DEL CLAN
  7. MI BASTA UN DIVANO
  8. UN PANINO & UN’OSTERIA
  9. NO AUTOSTRADA
  10. LA “COLLETTA” DIGITALE

 

QUANDO PARTIRE

2. QUANDO ANDARE
C’è un tempo per il viaggio “in economia”. Dipende da che lavoro si fa, certo, ma in generale scegliere la giusta "bassa stagione" è d'obbligo. Primo perché questo permette di godere di luoghi anche blasonati evitando la ressa dei turisti con pullman e bandierina, poi ovviamente perché tutto costa in media almeno un terzo in meno. Un esempio ve lo possiamo fare prendendo Ikaria, la splendida isola greca dove, a fine settembre, per dormire vi chiedono 18 euro in 2 invece di 50, per affittare un motorino 6 euro al giorno invece di 15, c'è la possibilità di fare campeggio libero in spiagge praticamente sempre vuote (impossibile farlo ad agosto!), e il meteo è ancora perfetto. A proposito: per il viaggiatore della "bassa stagione" i siti meteorologici sono i migliori amici (www.ilmeteo.it, www.meteo.it). 

 

  1. CHE VIAGGIATORE SONO?
  2. QUANDO ANDARE
  3. LA MOTO GIUSTA
  4. SCEGLIERE I PAESI EMERGENTI
  5. IL WEB TI DÀ UNA MANO
  6. L'AIUTO DEL CLAN
  7. MI BASTA UN DIVANO
  8. UN PANINO & UN’OSTERIA
  9. NO AUTOSTRADA
  10. LA “COLLETTA” DIGITALE

 

LA MOTO GIUSTA

3. LA MOTO GIUSTA
In un vademecum sul low cost non possiamo certo consigliarvi di cambiare moto. Tenetevi pure quella che avete! Andrá sicuramente bene, se non altro perché avete imparato a conoscerla e a convivere con i suoi difetti e, magari, anche a sfruttarli al meglio. Peró, non possiamo esimerci dal delineare la moto in grado di offrire il miglior compromesso fra prestazioni e risparmio: una 250 4 tempi. Ovvio: si puó estremizzare ulteriormente la scelta e optare per una motoretta da un ottavo di litro o addirittura un motorino. Siamo convinti che tutti saprebbero divertirsi (e riscoprirsi) facendo un grande viaggio su una piccola moto (e la rubrica che dedichiamo sulla rivista a questo tipo di esperienze vi serva di garanzia). Si tratta solo di mettersi nella disposizione d'animo e rassegnarsi al fatto che il viaggio low è anche un po' slow. Il mezzo piccolo, fra l'altro, suscita molta simpatia e vi mette più facilmente in contatto con il prossimo. Va bene qualsiasi cosa, meglio se semplice, raffreddato ad aria. Non escludete l’opzione noleggio: vi eviterete le spese del trasporto o del trasferimento e proverete l’ebbrezza di entrare davvero nella dimensione dei biker locali, anche se nulla è romantico come iniziare un viaggio da casa con la propria moto. Spesso basta chiedere all'hotel in cui siete ospitati o avvicinarsi ad un'officina per avere indicazioni al riguardo.

 

  1. CHE VIAGGIATORE SONO?
  2. QUANDO ANDARE
  3. LA MOTO GIUSTA
  4. SCEGLIERE I PAESI EMERGENTI
  5. IL WEB TI DÀ UNA MANO
  6. L'AIUTO DEL CLAN
  7. MI BASTA UN DIVANO
  8. UN PANINO & UN’OSTERIA
  9. NO AUTOSTRADA
  10. LA “COLLETTA” DIGITALE

 

SCEGLIERE I PAESI EMERGENTI

4. SCEGLIERE I PAESI EMERGENTI
Oggi si chiamano cosí, Paesi emergenti, ma fino a ieri erano i Paesi della "B Economy". La crisi li ha "elevati" al nostro rango. Era ora! Ci riferiamo a realtá vicine come Albania, Balcani, Bulgaria, Romania (guardate i programmi dei tour operator degli ultimi due anni: improvvisamente riscattano queste "nuove" mete che custodiscono bellezze millenarie). Sono belli e offrono prezzi non ancora allineati ai piú noti spot turistici)e piú lontane come molti Paesi del Sudest asiatico (India su tutti, ma anche Cambogia, Vietnam, Laos, Thailandia, e ora anche Birmania). Sono esotiche, abbastanza sicure e offrono anche interessanti possibilità di noleggiare moto. Anche molte mete sudamericane hanno vantaggi simili, ma il volo per raggiungerle è meno abbordabile e la sicurezza meno garantita. 

 

  1. CHE VIAGGIATORE SONO?
  2. QUANDO ANDARE
  3. LA MOTO GIUSTA
  4. SCEGLIERE I PAESI EMERGENTI
  5. IL WEB TI DÀ UNA MANO
  6. L'AIUTO DEL CLAN
  7. MI BASTA UN DIVANO
  8. UN PANINO & UN’OSTERIA
  9. NO AUTOSTRADA
  10. LA “COLLETTA” DIGITALE

 

IL WEB TI DÀ UNA MANO

5. IL WEB TI DÀ UNA MANO
Le nuove generazioni di globe-trotter rispetto a quelle passate possono usufruire di uno strumento utilissimo alla programmazione del viaggio e, in particolare, alla filosofia low cost: parliamo del web e del mare magnum di offerte che ci regala. Significa sconfinate possibilità di confrontare opinioni ma soprattutto prezzi: da www.booking.com a www.tripadvisor.com avrete modo di tagliarvi la vacanza su misura. Certo l’estrema socializzazione toglie un po’ di fascino all’esperienza esplorativa ma vi mette in connessione con il mondo, almeno quello che vuole essere connesso. La comunicazione, il racconto, il passaparola, da sempre sono il modo migliore per scoprire posti nuovi. Adesso tutto questo si amplifica grazie al web, ai blog di viaggio, ai forum sugli argomenti più disparati. Qualsiasi posto vi venga in mente sappiate che qualcuno c'è già stato, e ci sono buone possibilità che abbia reso disponibile la sua esperienza on-line e vi possa suggerire altri luoghi o modalità di viaggio che non avreste mai preso in considerazione. Ovviamente in mezzo a questo oceano di informazioni c'è un sacco di immondizia, di notizie superflue, espresse male o semplicemente distanti dalla nostra idea di viaggio. Ma con un po' di pratica e con i giusti filtri imparerete a fare la dovuta selezione.

 

  1. CHE VIAGGIATORE SONO?
  2. QUANDO ANDARE
  3. LA MOTO GIUSTA
  4. SCEGLIERE I PAESI EMERGENTI
  5. IL WEB TI DÀ UNA MANO
  6. L'AIUTO DEL CLAN
  7. MI BASTA UN DIVANO
  8. UN PANINO & UN’OSTERIA
  9. NO AUTOSTRADA
  10. LA “COLLETTA” DIGITALE

 

L'AIUTO DEL CLAN

6. L'AIUTO DEL CLAN
Il web ti permette anche di entrare in contatto con i gruppi o le community che raccolgono quanti condividono la vostra passione per la moto. Prima di partire può essere d’aiuto fare una chiamata al vostro club di riferimento: oltre a nuovi compagni di viaggio potrete avere assistenza, consigli sugli itinerari e, magari, anche ospitalità. Il nostro consiglio è quello di puntare non solo sulle “compagnie di bandiera” (ovvero siti e forum legati ad un marchio particolare di moto) ma anche su  interessanti realtà trasversali.

 

  1. CHE VIAGGIATORE SONO?
  2. QUANDO ANDARE
  3. LA MOTO GIUSTA
  4. SCEGLIERE I PAESI EMERGENTI
  5. IL WEB TI DÀ UNA MANO
  6. L'AIUTO DEL CLAN
  7. MI BASTA UN DIVANO
  8. UN PANINO & UN’OSTERIA
  9. NO AUTOSTRADA
  10. LA “COLLETTA” DIGITALE

 

COUCHSURFING

7. MI BASTA UN DIVANO
È la moda del momento: trovare ospitalità gratuita su un divano di casa. Si chiama couchsurfing (surfando il sofà) e per parteciparvi basta registrarsi al sito www.couchsurfing.com: è una vera e propria comunità per cui è possibile avere, previo contatto, libero accesso ai salotti di tutto il mondo, senza essere costretti (è importante!) a ricambiare il favore. La cosa bella è che il padrone di casa è spesso un viaggiatore, che saprà aprirvi non solo la porta di casa ma anche della sua città. Come abbiamo scritto nell’articolo pubblicato su Motociclismo di febbraio 2013: “Il vostro ospite si rivelerà spesso la miglior guida del luogo che desiderate visitare”. Inoltre spesso succede che ciò che vi viene dato è molto più di un divano amico: un vero e proprio letto, wi-fi, colazione, del tempo. Per chi ne volesse sapere di più rimandiamo all’intervista fatta a Francesco Ristori, studente viaggiatore, che ha affrontato il suo raid Firenze-NordKapp contando sulla comunità dei sofà e, soprattutto, all'articolo da lui scritto su Motociclismo di aprile.

 

  1. CHE VIAGGIATORE SONO?
  2. QUANDO ANDARE
  3. LA MOTO GIUSTA
  4. SCEGLIERE I PAESI EMERGENTI
  5. IL WEB TI DÀ UNA MANO
  6. L'AIUTO DEL CLAN
  7. MI BASTA UN DIVANO
  8. UN PANINO & UN’OSTERIA
  9. NO AUTOSTRADA
  10. LA “COLLETTA” DIGITALE

 

UN PANINO & UN’OSTERIA

8. UN PANINO & UN’OSTERIA
Il cibo è un'altra importante voce che incide molto nel budget quotidiano di un globe-trotter. Sarebbe troppo facile consigliarvi di portarvi da casa pasta e tonno in scatola, oppure di ricorrere al supermarket... Vi perdereste uno degli aspetti piú belli del viaggio: conoscere la cucina locale e gustarla in uno di quei bei locali tipici che sanno regalare molto dell'atmosfera del luogo. Pertanto siamo del partito del panino volante a pranzo e cena in una ruspante osteria, una di quelle che hanno un rapporto qualità prezzo incoraggianti.

 

  1. CHE VIAGGIATORE SONO?
  2. QUANDO ANDARE
  3. LA MOTO GIUSTA
  4. SCEGLIERE I PAESI EMERGENTI
  5. IL WEB TI DÀ UNA MANO
  6. L'AIUTO DEL CLAN
  7. MI BASTA UN DIVANO
  8. UN PANINO & UN’OSTERIA
  9. NO AUTOSTRADA
  10. LA “COLLETTA” DIGITALE

 

NO AUTOSTRADA

9. NO AUTOSTRADA
È una scelta economica ma anche filosofica: le strade secondarie sono più divertenti e più in linea con lo spirito di esplorazione che ci auguriamo persegua ogni viaggio. Ma non basta uscire dall'autostrada per trovare belle strade. Qui sì, occorre prepararsi: sia una mappa cartacea (scala 1:200.000, che dà la visione d’insieme ma è già dettagliata) o Google Earth, studiate, studiate, studiate! È forse l'unica deroga al viaggio improvvisato che vi concediamo. Le belle strade tortuose bisogna scovarle, mettete in conto che anche questo richiede tempo.

 

  1. CHE VIAGGIATORE SONO?
  2. QUANDO ANDARE
  3. LA MOTO GIUSTA
  4. SCEGLIERE I PAESI EMERGENTI
  5. IL WEB TI DÀ UNA MANO
  6. L'AIUTO DEL CLAN
  7. MI BASTA UN DIVANO
  8. UN PANINO & UN’OSTERIA
  9. NO AUTOSTRADA
  10. LA “COLLETTA” DIGITALE

 

LA “COLLETTA” DIGITALE

10. LA “COLLETTA” DIGITALE
L'abbiamo detto: non ci piacciono i viaggi sponsorizzati, perché, secondo noi, sono meno romantici, meno veraci, meno ispirati. Se proprio non ce la fate ad autofinanziarvi potete ricorrere ai siti di raccolta fondi che vi permettono di proporre il vostro raid come un progetto in cui assume una grande importanza l'aspetto solidale: finanzierete (davvero) una realtà no profit (www.indiegogo.com, www.fundraiisingideas.com), come ha fatto Daniel Rintz, un filmaker tedesco, che abbiamo intervistato all' Eicma (cliccate qui), anche se va detto che, in questi ultimi anni, troppa gente ricorre alla solidarietà come a un metodo per raccogliere sponsor.

 

  1. CHE VIAGGIATORE SONO?
  2. QUANDO ANDARE
  3. LA MOTO GIUSTA
  4. SCEGLIERE I PAESI EMERGENTI
  5. IL WEB TI DÀ UNA MANO
  6. L'AIUTO DEL CLAN
  7. MI BASTA UN DIVANO
  8. UN PANINO & UN’OSTERIA
  9. NO AUTOSTRADA
  10. LA “COLLETTA” DIGITALE

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli