10 November 2014

Vertemati: ad Eicma tre versioni della maxi bicilindrica Infect

La Casa italiana ha portato al Salone di Milano tre modelli differenti della Infect: NVR1 (naked), RVR1 (racing) e l’ultima arrivata, la motardona MVR1. Il motore, condiviso, è disponibile in tre versioni. Info, descrizione e foto

Vertemati: ad eicma tre versioni della maxi bicilindrica infect

Vertemati è un'azienda italiana fondata nel 1991 a Triuggio (MB) che prende il nome dal cognome dei due fratelli soci fondatori, Alvaro e Guido. Agli inizi, la Casa si è specializzata nella costruzione di moto da competizione per fuoristrada, cross, enduro e supermotard; solo nel 2000 hanno iniziato a produrre modelli per l’uso stradale. Ad Eicma Vertemati ha portato le sue ultime creazioni: Infect NVR1, RCR1 e MVR1. Le prime due possiamo definirle “sorelle” in quanto condividono telaio, ciclistica e motore, un maxi V2 realizzato dal pieno. Le differenze consistono nel fatto che la NVR1 è il modello stradale mentre la RCR1 quello racing. La MVR1 invece è un progetto nuovo, si tratta di un motardone stradale dal peso piuma. Date un’occhiata alle nostre foto nella gallery , poi andiamo a conoscere meglio queste novità.

 

MOTORE E IMPIANTO FRENANTE CONDIVISO

Tutti e tre i modelli condividono lo stesso motore bicilindrico a V, disponibile in tre versioni: 1000, 1100 e 1200 cc. Attualmente il "mille" èil più collaudato e sviluppa oltre 110 CV alla ruota. Questi propulsori hanno un cambio estraibile a sei marce, distribuzione monoalbero a 4 valvole comandata da una cascata di ingranaggi e viteria e particolari in titanio. Sono molti i componenti realizzati dal pieno: carter, teste, cilindri, flange, coperchi e minuteria. Per quanto riguarda l’impianto frenante, su tutti e i tre modelli, troviamo due dischi dal diametro di 320 mm con pinza freno Brembo da 4 pistoncini all’anteriore e un disco da 220 mm al posteriore con pinza a due pistoncini.

 

INFECT NVR1 E RVR1

Le due versioni più sportive sono dotate di telaio in lega leggera ricavato dal pieno, forcella anteriore Marzocchi e monoammortizzatore posteriore Bitubo, entrambi completamente regolabili. Il forcellone è realizzato artigianalmente in lega leggera dal pieno. Al primo sguardo balza subito all’occhio che tutto è ridotto al minimo essenziale. Le molte parti in carbonio (cerchi, serbatoio, codino, parafanghi e tutte le coperture) contribuiscono a donarle un peso piuma, la bilancia si ferma a 145 kg. La versione “Naked stradale” e quella “Racing” si differenziano solo dal fatto che sulla prima sono montate luci, frecce, specchietti e portatarga.

 

INFECT MVR1

L’ultima arrivata in casa Vertemati è la versione Motard stradale, dotata di telaio perimetrale a tubi ovali in lega leggera e, anche qui, forcella Marzocchi e un un’unità Bitubo al posteriore, entrambi completamente regolabili. Guardando la moto si fanno notare le molte parti in carbonio (cerchi, serbatoio, codino, parafanghi e tutte le coperture) e i due terminali Virex sotto al codone. La strumentazione, posta sopra al serbatoio, contribuisce a donarle un look aggressivo. La Infect MVR1 è realizzata su richiesta con un prezzo a partire da 100.000 euro.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA