SPECIALE SALONE EICMA 2021
Tutte le novità Casa per Casa

Spettacolo in Australia: Stoner (Ducati) vince. Valentino (Yamaha) parte dodicesimo, rimonta, conclude secondo

Stoner è il migliore sul circuito di casa. Con la vittoria a Phillip Island si prende una piccola rivincita, dopo aver perso il titolo iridato. A strappaglielo Rossi, che per difendere l’onore dell'iride, nonostante i dolori dovuti alla caduta di sabato, fa una gara fantastica. Il Dottore, partito dodicesimo, è già quarto in cinque giri, poi passa Toseland (Yamaha Tech3), Hayden (HRC) e conclude secondo.

Spettacolo in australia: stoner (ducati) vince. valentino (yamaha) parte dodicesimo, rimonta, conclude secondo




Phillip Island (AUSTRALIA) 5 ottobre 2008
DOPPIA SODDISFAZIONE Casey Stoner è stato il protagonista del Gran Premio d’Australia. Ha guadagnato la vittoria davanti ai suoi tifosi connazionali e ha dato un segno di presenza, dopo la sconfitta nel Mondiale. Valentino Rossi, successivamente alla caduta di sabato, è partito dodicesimo in griglia, era dolorante, ma ha voluto esserci comunque. Di prima mattina Vale aveva mal di testa. Nel pomeriggio, il pesarese ha fatto venire il mal di testa agli avversari: ha recuperato posizioni, fino ad arrivare quarto. Poi il Dottore si è trovato in bagarre con James Toseland (Yamaha “clienti” Tech 3), lo ha sverniciato e si è lanciato all’inseguimento di Nicky Hayden (Honda HRC ufficiale), che era in seconda posizione con 6” di vantaggio. Valentino era una furia, ha macinato prima decimi, poi secondi e ha ridotto a zero il distacco, raggiungendo il Kentucky Kid al penultimo giro. Rossi ha assestato il colpo di grazia, sverniciando l’americano, dopo l’ultimo passaggio dal via e portandosi in seconda posizione. Non si può dire dietro a Casey Stoner, perché l’australiano ha mantenuto i 6,5” di vantaggio, guadagnati dopo i primi giri (quando Hayden gli era quasi incollato). Stoner ha corso praticamente in solitario, concludendo al primo posto.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA