27 June 2018

Cartelli stradali in plastica per la sicurezza dei motociclisti

In caso di impatto i pali stradali e i cartelli metallici diventano una vera e propria trappola per i motociclisti. Per questo in Germania si stanno sperimentando soluzioni in materiale plastico. Un video ci mostra l'incredibile differenza in caso di incidente tra le due soluzioni
1/11 In Germania si stanno sperimentando pali e cartelli stradali in materiale plastico, al posto dell'acciaio utilizzato finora, che in caso d'impatto esplodono letteralmente.
Tutto ciò che si trova a bordo strada si trasforma in un potenziale pericolo per i motociclisti in caso d'incidente. Pali metallici e cartelli stradali diventano delle vere e proprie trappole. Per questo in Germania si stanno sperimentando soluzioni in materiale plastico (al posto dell'acciaio utilizzato finora) che in caso d'impatto esplodono letteralmente.
Alcuni di questi nuovi cartelli, realizzati da Dekra, sono già stati installati nella regione del Baden-Württemberg, in Germania, dove le vecchie" installazioni in metallo verranno pian piano sostituite. Inoltre è in arrivo l'approvazione da parte del Ministero Federale dei Trasporti per l'utilizzo della nuova segnaletica stradale in plastica in tutta la Germania.

I crash test eseguiti da Dekra sui nuovi segnali stradali in plastica hanno dato risultati impressionanti: l'urto di un motociclista contro un palo d'acciaio molto probabilmente avrà conseguenze fatali; una collisione con questo nuovo sistema causerebbe al centauro invece solo lievi ferite, perché il palo si romperebbe all'improvviso. Più che le parole però sono impressionanti le immagini: il video qui sotto ci mostra un pilota che a 60 km/h va a sbattere prima sul palo in metallo e poi su quello in plastica; la differenza è incredibile! Giudicate voi stessi.
Speriamo che dispositivi di questo tipo, pensati per la sicurezza dei motociclisti possano prendere sempre più piede anche da noi. Basta davvero poco per salvare delle vite!

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA