Scozia

Quella strada nel verde

Antipioggia e via




Aspettatevi pioggia. Tanta. Se però volete farci le vacanze d’agosto, magari per assistere agli spettacolari festival di Edimburgo, verrete ripagati da paesaggi verdi e rilassanti.

Edimburgo è la partenza del nostro viaggio attraverso la Scozia che ci porterà in posti sperduti, tra stradine lontano dalle città, immerse nella natura desolata e maestosa delle Highlands. Un viaggio in quello che si potrebbe definire il “deserto scozzese”, fatto di montagne, foreste e vallate che si perdono all’orizzonte, pochissimi segni di presenza umana, soltanto i pali della luce: paesaggi spettacolari, per certi versi inospitali. Da conquistare, tappa dopo tappa, a bordo di una moto.
La parte più caratteristica della città è quella vecchia, medievale, lontana da banche e uffici, contraddistinta da continui dislivelli, ponti, scalette, vicoli e stradine che portano all’Edinburgh Castle
, il castello che dalla cima di un vulcano estinto domina questa antica cittadella. Nemmeno la regina Elisabetta resiste al fascino della città e ogni anno viene qui a trascorrere parte delle sue vacanze estive e applaudire i campioni di cornamuse e di lancio del peso del Tattoo Festival che, con il Fringe Festival, richiama turisti a migliaia.

Si parte


Finalmente in sella alle nostre Triumph Sprint! Eccitati per la partenza siamo contenti di lasciarci il centro di Edimburgo alle spalle e di dirigerci verso West End, per poi imboccare il Forth Bridges, in direzione di St. Andrew: piccola cittadella sul mare e prima meta del nostro itinerario.
La guida a sinistra non sembra dare molti problemi e da subito ci concediamo il lusso di guardare il paesaggio e i piccoli paesini di pescatori sparsi lungo la A985, strada a doppio senso che costeggia il North Sea. Le strutture dei paesi si ripetono con piccole variazioni: case, pescherecci, pub.
Eccoci fermi davanti alla St. Andrew Cathedral, cattedrale del 1160 che conserva le ossa di Sant’Andrea: il santo della croce bianca su campo blu,  della bandiera scozzese.
Oggi rimane solo la torre, a pochi metri dalle rovine del castello omonimo da dove si gode un’ottima vista sul mare. Tutto è valorizzato con estrema attenzione: percorsi pedonali, faretti, visite guidate, ordinate file di turisti che attendono il biglietto d’ingresso.
Dopo la breve pausa per il pranzo ci rimettiamo in sella: direzione Inverness, capoluogo delle Highlands. Dopo un’ora di marcia, però, ci accorgiamo di aver sbagliato strada. La direzione è giusta, ma siamo sull’A9, l’autostrada e non sulla strada panoramica. A una piazzola di sosta ci consultiamo con altri motociclisti, anche loro fermi per una pausa. The A93 is better, ci assicura con forte accento scozzese uno dei piloti che arriva proprio da lì. È una strada turistica, tutta curve… “If you like to bend, it’s the right street” (Se ti piace piegare, è la strada giusta), spiega un altro motociclista.
Eccoci sull’A93. Gruppi di smanettoni con super sportive, chopperisti, harleysti, perfino qualche trike, l’asfalto è in buone condizioni, anche se con un po’ di brecciolino e alcuni rami caduti dagli alberi; il traffico ridottissimo. Anzi, per un bel pezzo non incontriamo auto, solo motociclisti.
Sole, pioggia e freddo si alternano in un pochi minuti e il vento gelido delle Hihglands può far battere i denti anche a Ferragosto. E’ importante avere l’abbigliamento corretto.
Avevamo progettato di raggiungere Inverness per la notte, ma il tragitto si è rivelato più lungo del previsto, complice l’A93 che con il proseguire dei chilometri diventa sempre più stretta e il paesaggio da cartolina, o meglio da fotografia, con conseguenti e numerose pause. Alcune pecore ci guardano incuriosite e insieme ad altri animali selvatici ci scruteranno anche per il resto del viaggio, che prosegue tra splendide contrade, costellate da ripidi rupi ed ombrose foreste, laghi, castelli, fiumi.

Inverness e ritorno





Braemar, piccolo paesino ai piedi delle Grampian Mountains
, ci fermiamo per la notte, scoprendo con grosso disappunto, che dopo le 20 è impossibile acquistare qualsiasi cosa da mangiare. Per fortuna la proprietaria del B&B che ci ospita ci prepara un’apprezzatissima zuppa di pesce in scatola. Il mattino seguente ci rifacciamo con una scottish breakfast: cereali, latte, uova, pancetta, salsicce, pomodori alla griglia, fagiolini, pane e burro.
Ci servirà per affrontare il freddo e l’acqua che ci separano da Inverness, a cui arriviamo lentamente percorrendo una strada avvolta nella nebbia, con qualche sprazzo di luce che a fatica penetra attraverso le nuvole, illuminando un paesaggio molto suggestivo e per certi versi eroico. Che affrontiamo gocciolanti, ben aggrappati al manubrio e scrutando impavidi da sotto le visiere appannate.
Arrivati a Inverness, togliersi la tuta antipioggia è un vero piacere e la giornata prosegue tra le strade di questa vivace cittadina, bagnata dal fiume Ness e affollata da tanti turisti, soprattutto italiani. Venuti anche con la ovvia speranza di avvistare il mostro più famoso della Scozia, Nessie, le cui vicende di cronaca hanno fatto la fortuna turistica di Loch Ness. Lago che costeggiamo il giorno seguente percorrendo l’A82, una bella strada tutta curve, larga e con un ottimo asfalto, che vede il susseguirsi di molti motociclisti, giunti come noi ai ruderi dell’Urquhart Castle, dal quale si può osservare un magnifico paesaggio sul lago. Ma di Nessie neanche l’ombra.
Proseguiamo sulla A87, una strada fantastica, la migliore di questo itinerario, che si srotola a perdita d’occhio tra le Highlands occidentali, immerse in un verde pregno, denso, umido e impreziosito da laghi, boschi, muschio.
Senza lasciarci distrarre troppo dal paesaggio ci concentriamo sulla carreggiata deserta davanti a noi. Finalmente qualche piega seria, la visibilità è ottima, le curve larghe, non c’è traffico e la Sprint si rivela pronta ad esaudire brillantemente le nostre momentanee aspirazioni da pilota. Senza correre troppo, visto il limite di velocità (50 miglia orarie, pari a 80 km/h) ma abbastanza per divertirsi, curva dopo curva, con un occhio alla strada e l’altro al paesaggio.
L’idea era di raggiungere l’isola di Sky, la terza meta prediletta dai turisti, dopo Edimburgo e Loch Ness, ma un inaspettato matrimonio scozzese in un magnifico castello ci trattiene più del previsto. È l’Eilean Donan Castle, un maniero ancora in perfette condizioni sul Loch Long, lago dalle atmosfere antiche, romantiche, con le Highlands che si stagliano all’orizzonte: luogo ideale per una cerimonia di nozze, con tanto di cornamuse e kilt. Cerimonia che si può ottenere sborsando l’incredibile cifra, a detta della proprietaria del bed and breakfast che ci ospiterà per la notte, di 1.000 sterline. Senza nemmeno il buffet! E poi dicono che gli scozzesi sono tirchi!

Il giorno seguente ci attende una lunga giornata di pioggia, un cielo grigio e fitto di nuvole che non lascia alcuna speranza di schiarite
. “È la Scozia”, ci dirà salutandoci la schietta proprietaria del B’n’B. Così, dopo un breve riunione, decidiamo di non proseguire oltre. Non con questo tempo, meglio tornare verso Edimburgo, l’isola di Sky la vedremo da lontano, avvolta da infinite goccioline di pioggia e dall’Oceano. Ma in fondo, non ce ne rammarichiamo troppo, perché come ci hanno appena detto: “E’ la Scozia!”.

I festival d'agosto





Edimburgo ospita un’incredibile quantità di festival. I più noti sono l’Edinburgh International Festival, il Fringe Festival e il Military Tattoo, che si svolgono all’incirca nello stesso periodo, ad agosto, quando la città è affollata da milioni di turisti. Giochi tradizionali, parate militari, artisti da strada provenienti da tutto il mondo, teatro, musica e tanta birra. Ce n’è veramente per tutti i gusti, come potete vedere in queste immagini. La prima edizione dell’Edinburgh International Festival si tenne nel 1947 per celebrare il ritorno alla pace dopo la Seconda guerra mondiale. Da allora la manifestazione ha assunto una notorietà internazionale che le è valsa tutta una serie di superlativi: il più antico, il più grande, il migliore.

A proposito, se vi chiedete come mai il tipo seduto sugli scalini abbia un occhio al posto della testa, la risposta è molto semplice:
sta pubblicizzando se stesso, o per meglio dire il teatro dell’assurdo di cui era uno dei protagonisti.
La foto è piccola, ma lui stesso - in quanto occhio sul mondo - è ritratto sul giornale che tiene in mano. Non vi sembra che una foto del genere valga da sola il viaggio?

Single or Blended?





Un single malt è un whisky distillato dall’orzo germinato ed è prodotto di una sola distilleria. Un pure malt è una miscela di malti provenienti da distillerie diverse, mentre un blended whisky è una mescolanza di vari whisky di cereali (circa 60%) e di malto (circa 40%), sempre provenienti da varie distillerie.
Non si può tornare dalla Scozia senza aver assaggiato un whisky; anche perché nella produzione ha un’importanza fondamentale la purezza dell’acqua, e qui in Scozia ci sono le “minerali” tra le più pure del mondo.

Purtroppo nel Regno Unito, dove una bottiglia di single malt costa di solito da £20 a £30 (da 30 a 44 euro circa), le tasse sull’alcool incidono per circa il 72% sul prezzo. Sicché, sembra un paradosso, la Scozia è uno dei posti in Europa dove il whisky costa di più.

Dormire, mangiare



DORMIRE


A Inverness
: stanze semplici ma comode e a due passi da Nessie: “Strome Lodge” Bed & Breakfast; Marion MacDonald, 41 Fairfield Road; tel. 0044-1463-221553; email: stromelodge@tesco.net.
A Lochalsh
: un castello d’altri tempi, con vista mozzafiato sul lago ma a prezzi decenti; “The Loch Duich Hotel”, Ardelve, By Kyle of Lochalsh; IV40 8DY; tel. 0044-1463-1599-555213; email: info@lochdiuch.f9.co.uk.

MANGIARE


Si sa, per un italiano la vacanza nel Regno Unito non è certo il massimo dal punto di vista della gastronomia. Il piatto nazionale scozzese, l’haggis, è spesso guardato con sospetto a causa degli ingredienti con cui è preparato: polmoni, cuore e fegato di pecora tritati fini, mescolati a farina d’avena e cipolla e bolliti nello stomaco dell’animale. Eppure... L’haggis va accompagnato da puré di patate e rape, con un bel pezzo di burro e una buona spolverata di pepe nero. Si mangia tutto l’anno, Ferragosto compreso, ma non può mancare il 25 gennaio, quando la Scozia celebra il poeta nazionale Robert Burns. Se volete due spaghetti, mettetevi il cuore in pace: meglio il classico Fish&Chips dei baracchini. Nei pub si possono trovare ottime torte. La situazione è migliore per chi apprezza il salato a colazione: il breakfast è eccezionale e, complice il clima, non è un problema bruciarlo. Conviene approfittarne e, come sempre, seguire il ritmo alimentare dei locali. Super colazione e poi qualche spuntino per il resto della giornata. Comunque, l’haggis provatelo: potrebbe piacervi.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA