SPECIALE SALONE EICMA 2021
Tutte le novità Casa per Casa

SBK 2009: A Imola Haga vince Gara 1 e Fabrizio Gara 2

In Gara 1 vittoria perentoria del giapponese Haga in sella alla Ducati ufficiale, che precede sul traguardo di due secondi il ritrovato Biaggi, secondo con l’Aprilia, ed il compagno di squadra ducatista Michel Fabrizio, giunto in scia. Nella seconda manche trionfa Michel Fabrizio con la Ducati, che vince di forza relegando il compagno di squadra Haga al secondo posto. Sorprendente terzo posto per Marco Simoncelli, al debutto nella categoria con l’Aprilia e giunto al traguardo con poco più di tre

Cronaca Gara 2




di Silvano Di Giovanni

Imola (BOLOGNA) 27 settembre 2009
-  GARA 2 Trionfa Michel Fabrizio con la Ducati, che vince di forza relegando il compagno di squadra Haga al secondo posto. Sorprendente terzo posto per Marco Simoncelli, al debutto nella categoria e giunto al traguardo con poco più di tre secondi di distacco. Con un ritmo velocissimo sin dalle prime battute e con una serie di duelli e colpi di scena che si sono succeduti per tutti i 21 giri sia nelle posizioni di testa, sia nelle retrovie, Gara 2 è vissuta ancora una volta contesa tra Haga, Biaggi e Fabrizio. Nella seconda manche, però, Biaggi non è mai sembrato in grado di contrastare le Ducati, che si sono saldamente inserite nelle prime due posizioni e le hanno mantenute sino alla fine. Ma è nel corso del tredicesimo giro che la gara cambia fisionomia. Fabrizio riprende di prepotenza la testa della gara e prova ad allungare inanellando una serie di giri impressionanti sull'1’49” basso. Haga perde quel secondo, secondo e mezzo che non riuscirà più a recuperare. Nel frattempo colpo di scena alla staccata della variante bassa. Simoncelli in forte recupero su un Max Biaggi in difficoltà, infila il romano all’interno con una manovra ai limiti. Biaggi è costretto a rialzare bruscamente la moto per evitare la collisione e taglia la chicane. Al rientro è sulla traiettoria di Spies, che seguiva come un ombra i due piloti dell’Aprilia. Per evitare lo scontro Spies finisce nella ghiaia e perde tre secondi preziosi che si riveleranno fatali per il ricongiungimento nella lotta per il terzo posto. Simoncelli è davanti, e a nulla vale il tentativo disperato di Biaggi di rifarsi sotto negli ultimi giri. Più che recuperare pochissimo tempo non può ed è costretto a lasciare il podio al compagno di squadra, che lo precede sul traguardo di 8 decimi. Bella prova di Byrne e grande rimonta di Rea, protagonista di un paio di fuori pista acrobatici dovuti ad un eccesso di foga che finiscono col relegarlo al sesto posto della classifica finale. La  
gara di Imola riapre un campionato che sembrava destinato a finire nella mani di Ben Spies. L’americano se ne va da Imola con 3 punti di distacco da Haga, dopo che i 18 di vantaggio in suo possesso questa mattina sono evaporati come neve al sole… È che la grande giornata di Ducati e di Aprilia, ha scombussolato i piani e le ambizioni di Yamaha. Sicuramente bisognerà aspettare l'ultima gara di Portimao per designare il Campione mondiale Superbike 2009. In tanto domenica prossima prepariamoci ad una infuocata Magny Cours.

Classifica Gara 2



POS NAT RIDER LAPS TIME
1 Michel Fabrizio 21 38'23.143
2 Noriyuki Haga 21 38'26.735
3 Marco Simoncelli 21 38'29.653
4 Max Biaggi 21 38'30.588
5 Ben Spies 21 38'37.821
6 Jonathan Rea 21 38'39.539
7 Shane Byrne 21 38'40.253
8 Leon Haslam 21 38'45.645
9 Jakub Smrz 21 38'48.411
10 Carlos Checa 21 38'53.346
11 Lorenzo Lanzi 21 38'55.732
12 Tom Sykes 21 38'59.386
13 Ruben Xaus 21 38'59.511
14 Karl Muggeridge 21 39'01.952
15 Broc Parkes 21 39'05.578
16 Matteo Baiocco 21 39'12.492
17 Ryuichi Kiyonari 21 39'24.966
18 Luca Scassa 21 39'29.997
RT Matthieu Lagrive 16 29'48.230
RT David Checa 14 26'30.912
RT Yukio Kagayama 12 22'30.236
RT Fonsi Nieto 11 20'28.285
RT Vittorio Iannuzzo 9 20'38.950
RT Troy Corser 4 7'29.559
RT David Salom 3 5'45.451
NS Makoto Tamada




Cronaca Gara 1





di Silvano Di Giovanni

Imola (BOLOGNA) 27 settembre 2009
-  GARA 1 Vittoria perentoria del giapponese Haga in sella alla Ducati ufficiale, che precede sul traguardo di due secondi il ritrovato Biaggi, secondo con l’Aprilia, ed il compagno di squadra ducatista Michel Fabrizio, giunto in scia. È stata un gara tiratissima dal primo all’ultimo giro con un terzetto composto da Haga, Biaggi e Fabrizio che si è dato battaglia senza sosta.  Al via scatta al comando con una partenza lampo Max Biaggi, che fa subito la lepre seguito come un ombra da Haga e Fabrizio. Fino al secondo giro fa parte del gruppetto di testa anche il giovane Rea con la Honda, ma, nel corso del terzo giro, un lungo per un impercettibile contatto nel curvone che porta alla staccata della Rivazza, lo costringe ad un fuoripista con relativa scivolata. L’inglesino comunque risale in sella e, dopo una rimonta temeraria, riesce a concludere in settima posizione. Per tutta la gara Haga rimane alle spalle di Biaggi, provando ogni tanto l’affondo, ma senza troppa convinzione. Al decimo passaggio dal via, il giapponese passa in testa, ma una tornata dopo Biaggi riprende la guida della gara. A quattro giri dal termine la svolta: Haga passa Biaggi e sfodera un paio di giri sul passo dell’1'49", un ritmo a quel punto impossibile per i suoi avversari. È il segno che si era tenuto qualcosa di riserva e guadagna quel paio di secondi che gli consentono di gestire il vantaggio sino alla bandiera a scacchi. Fabrizio dietro prova ad attaccare Biaggi in tutti i modi. Quando mancano due giri alla conclusione il ducatista lo passa, ma dopo poche curve è costretto a cedere ad un deciso attacco del più esperto Biaggi. Gara in sordina per l’americano Spies, che non si mostra mai della partita. Pur essendo arrivato a soli cinque secondi da Haga, ma suor ritmo non è mai sembrato poter infastidire concretamente il terzetto di testa. È lotta serrata per quinto posto fra Kyonari e Haslam, tutti e due con le Honda. La spuntata il giapponese proprio all’ultimo giro dopo una lunga rimonta. Bella prova di Simoncelli, costretto però al ritiro nel corso della decima tornata, al termine di una rimonta che lo aveva portato fino al quinto posto. Dopo Gara 1 il vantaggio di Spies su Haga si è assottigliato a soli 6 punti in un campionato che sembra improvvisamente riaperto a tutte le soluzioni.

Classifica Gara 1



POS NAT RIDER LAPS TIME
1 Noriyuki Haga 21 38'32.199
2 Max Biaggi 21 38'34.273
3 Michel Fabrizio 21 38'34.389
4 Ben Spies 21 38'37.637
5 Ryuichi Kiyonari 21 38'46.669
6 Leon Haslam 21 38'46.884
7 Jonathan Rea 21 38'59.021
8 Jakub Smrz 21 39'04.893
9 Tom Sykes 21 39'06.016
10 Broc Parkes 21 39'07.000
11 Troy Corser 21 39'07.485
12 Ruben Xaus 21 39'08.641
13 Karl Muggeridge 21 39'10.897
14 Matteo Baiocco 21 39'14.346
15 Yukio Kagayama 21 39'18.709
16 Luca Scassa 21 39'18.827
17 David Checa 21 39'48.320
18 David Salom 21 39'48.597
RT Vittorio Iannuzzo 13 24'42.177
RT Marco Simoncelli 9 16'39.360
RT Shane Byrne 8 14'52.880
RT Carlos Checa 7 13'03.862
RT Fonsi Nieto 7 13'10.441
RT Makoto Tamada 5 9'25.639
RT Luca Conforti 5 9'27.121
RT Matthieu Lagrive 3 5'41.663





Calssifica Campionato Mondiale SBK 2009



Noriyuki Haga Ducati 391
Ben Spies Yamaha 388
Michel Fabrizio Ducati 330
Jonathan Rea Honda 263
Max Biaggi Aprilia 257
Leon Haslam Honda 219
Carlos Checa Honda 183
Tom Sykes Yamaha 176
Jakub Smrz Ducati 155
Shane Byrne Ducati 149
Ryuichi Kiyonari Honda 141
Yukio Kagayama Suzuki 104
Shinya Nakano Aprilia 86
Règis Laconi Ducati 77
Troy Corser BMW 76
Max Neukirchner Suzuki 75
Ruben Xaus BMW 57
Broc Parkes Kawasaki 41
Matthieu Lagrive Honda 24
John Hopkins Honda 17
Fonsi Nieto Ducati 17
Marco Simoncelli Aprilia 16
Lorenzo Lanzi Ducati 15
Leon Camier Yamaha 13
Karl Muggeridge Suzuki 13
Gregorio Lavilla Ducati 12
Jamie Hacking Kawasaki 9
James Ellison Yamaha 8
Makoto Tamada Kawasaki 8
Sheridan Morais Kawasaki 8
Simon Andrews Kawasaki 6
Tommy Hill Honda 6
Matteo Baiocco Ducati 5
Luca Scassa Kawasaki 5
Brendan Roberts Ducati 3
Roberto Rolfo Honda 3
Vittorio Iannuzzo Honda 2
Alessandro Polita Suzuki 1
Jake Zemke Honda 1




I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA