Rischio più elevato in moto che in auto: l’assicurazione alza il prezzo

Gli incidenti aumentano proporzionalmente con il numero dei veicoli in circolazione, e le moto restano il mezzo più colpito in caso di sinistri. Niente di nuovo sulla strada. L’assemblea annuale dell’ANIA (Associazione Nazionale fra Imprese Assicuratrici), non ha potuto che presentare un quadro poco rinfrancante per il comparto a due ruote: rischio più elevato del 6% rispetto a chi usa l’auto e trend di incidenti che non accenna a diminuire.

Rischio più elevato in moto che in auto: l’assicurazione alza il prezzo


Milano 29 luglio 2009 - Gli incidenti aumentano proporzionalmente con il numero dei veicoli in circolazione, e le moto restano il mezzo più colpito in caso di sinistri. Niente di nuovo sulla strada. L’assemblea annuale dell’ANIA (Associazione Nazionale fra Imprese Assicuratrici), non ha potuto che presentare un quadro poco rinfrancante per il comparto a due ruote: rischio più elevato del 6% rispetto a chi usa l’auto e trend di incidenti che non accenna a diminuire. Anche un problema di costi per le assicurazioni: “L’introduzione del risarcimento diretto ha prodotto risultati positivi in termini di qualità del servizio di liquidazione – ha spiegato il Presidente Fabio Cerchiai - e nel 2008 c’è stata una diminuzione del 3,6% del prezzo medio delle r.c. auto. Ma non è corrisposta una diminuzione dei costi dei sinistri e di gestione di impresa: nel 2008 su 100 euro di premi incassati ne sono stati spesi 101 per sinistri e costi gestionali”. L’ANIA auspica che anche in Italia si introduca l’esame pratico, e non solo teorico, per il conseguimento del Patentino.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA