Provate in anteprima le nuove BMW serie G 650

Nuove BMW serie G 650

La Serie X





Abbiamo provato in anteprima tutte e tre le nuove BMW G 650 X. La gamma delle entry-level bavaresi, dopo le bicilindriche F 800 S e ST si amplia con queste tre inedite monocilindriche, accomunate dalla stessa base tecnica: motore Euro 3 di 651 cc e telaio misto acciaio/alluminio. Si può scegliere tra la scrambler (X Country), l’enduro (X Challenge) e la supermotard (X Moto). I tre modelli differiscono nel peso: 156 kg dichiarati per la X Challenge, 159 per la X Moto e 160 la X Country. Quest’ultima è anche la sola ad avere di serie le pedane e le maniglie per il passeggero (nonostante tutte le moto siano omologate per due). Se si vuole portare la fidanzata sulla X Challenge e sulla X Moto occorre comprare le pedane a parte e, francamente, se si considerano gli 8.780 euro della X Moto e gli 8.630 della enduro, ci pare eccessivo. L’Abs disinseribile è un optional (800 euro).

La prova è a cura di Marco Marini, inviato di Motociclismo, che racconta le sue prime impressioni.

X-Challenge






X Challenge


Nasce come la enduro della serie X.

GUIDA
Piacevolmente stretta tra le gambe nella zona centrale, permette di spingere sul gas guidando in piedi per la corretta posizione di manubrio e pedane. La forma della sella, invece, non consente di avanzare quanto si vorrebbe per controllare le uscite di curva e il silenziatore disturba la gamba sinistra quando si arretra per affrontare le discese più ripide. In derapata, poi, si avverte l’inerzia del serbatoio della benzina posto nella triangolatura del telaietto reggisella, che rendono la gestione della sbandierata un po’ più problematica.

CAMBIO
Buono il comportamento della frizione e gli innesti precisi del cambio, anche se è rimasto un comando a pedale dall’eccessiva corsa e una spaziatura che non convince del tutto: prima eccessivamente corta e seconda marcia un po’ troppo distesa. C’è uno stacco eccessivo tra le prime due marce e questo, in mulattiera, porta a dover lavorare eccessivamente con la frizione.

CICLISTICA
 Cerchi 21-18 Sospensioni morbide, ma non flaccide e peso non eccessivo.

PREZZO
8.630 Euro chiavi in mano.

X Country





X Country


Seicentocinquanta cc non sono mai stati così facili
. La nuova monocilindrica BMW si distingue dalle sorelle X Challenge e X Moto per la ruota anteriore da 19” e una postura di guida comoda.

NUOVA
E’ la moto più nuova delle tre, soprattutto per filosofia di progetto. Il piccolo faro tondo, la sella. Disponibile nel colore Deep Black/White Aluminium metallic con sella nera.

SCRAMBLER Sella larga ben imbottita comoda e bassa
, ruota anteriore con pneumatici moderatamente tassellati e manubrio piacevolmente rialzato per non stancare le braccia sono tutti elementi tipici delle scrambler. Il largo manubrio e il basso baricentro dato dal serbatoio posto sotto la sella regalano una grande maneggevolezza e facilità. La posizione di guida si discosta molto da quella delle altre G 650: sella bassa e manubrio alto lasciano le braccia completamente scariche per una guida molto rilassante.

MOTORE
L’avviamento del monocilindrico 4 valvole raffreddato a liquido è solo elettrico e pronto anche a freddo. Stupisce positivamente la fluidità di marcia ai bassi e medi regimi: non si avvertono quelle leggere irregolarità di erogazione a gas costante che invece manifesta il 660 Minarelli montato sulla Aprilia Pegaso. Il carattere docile del propulsore aiuta l’approccio per chi ha poca esperienza di moto e rende questa X Country davvero propedeutica al mondo del motociclismo anche per le ragazze. Ma chi ha già un po’ di esperienza rimpiangerà un motore più brioso, ma è la dura legge della Euro 3, che specialmente sui monocilindrici, appare castrante sotto l’aspetto prestazionale.

GUIDA
Su strada la X Country piace e mostra una maggior propensione a spingere ai bassi regimi rispetto alle sorelle. Merito della mappatura dedicata della centralina, perché, per il resto, la moto è identica alle altre. La gamba sinistra rimane molto vicina al serbatoio dell’olio motore, e la trasmissione di calore risulta davvero fastidiosa. Questo problema non si ritrova sulle altre, grazie al diverso profilo delle selle.  E’ la più facile delle tre, una vera nave scuola per muovere i primi passi nel mondo della moto. Molto maneggevole, mostra una notevole fluidità di erogazione e una buona stabilità anche in velocità.

CICLISTICA
Anche la taratura delle sospensioni, piacevolmente morbide, regala un buon livello di comfort. La forcella non regolabile ha una taratura morbida che ben si sposa con la filosofia on-off road del mezzo. Cerchio da 19 anteriore e 17 posteriore.

FRENI
L’impianto frenante si avvale di un generoso disco anteriore da 300 mm abbinato a una pinza a due pistoncini che brilla più per modulabilità che per potenza. L’Abs, disinseribile, è molto ben tarato sia all’anteriore, sia dietro.

PREZZO
sarà di 8.480 Euro indicativo chiavi in mano.

X-Moto





X-moto


ORIGINE
La X Moto è una X Challenge con cerchi da 17”, freni maggiorati, piccolo cupolino e monoammortizzatore tradizionale a molla.

CICLISTICA
Grande agilità e avantreno solido, mai sottosterzante, come accade a volte quando si adotta una piccola ruota da 17” su una ciclistica che nasce con il 21” da enduro. L’arma vincente della X Moto è indubbiamente l’equilibrio dinamico, grazie al quale è possibile imparare l’arte dell’intraversata e tenere un notevole ritmo sulle strade tortuose.

MOTORE
Come sulla X Challenge la mappatura dell’iniezione favorisce il tiro agli alti regimi, mentre ai bassi la X Country convince di più.

FRENI
Ottima la frenata, che porta a vistosi alleggerimenti del posteriore in staccata, ma capace di rimanere sempre modulabile.

PREZZO
8.780 Euro chiavi in mano.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA