SPECIALE SALONE EICMA 2021
Tutte le novità Casa per Casa

Prova: Honda DN-01

LA DN-01 è una cruiser futuristica super tecnologica con motore bicilindrico. Ma la sua particolarità non è solo l’estetica: la DN-01 è dotata del cambio automatico/sequenziale Badalini, un’invenzione italiana, che sfrutta la pressione dell’olio in circolazione nel motore per determinare i rapporti. Nella nostra prova la DN-01 si è rivelata facilissima e divertentissima da guidare SEGUE...

Comfort






COMFORT
La Honda DN-01 potrebbe essere definita come una maxicruiser, qualcosa a metà tra il maxiscooter e la cruiser. Ha il cambio automatico/sequenziale di tipo Badalini ed è eccellente per il comfort di guida, prerogativa di tutti i maxiscooter, che sulla nuova Honda stravince ogni confronto grazie alla scorrevolezza delle sospensioni, all’assenza totale di vibrazioni e all’altezza limitata (690 mm) e all’imbottitura (morbidissima) della sua sella. Senza contare che le doti dinamiche di questa bicilindrica sono sbalorditive rispetto alla sua mole (260 kg) e alle sue quote ciclistiche (1.605 mm di interasse): la frenata è poderosa in virtù dell’assenza di trasferimenti di carico, e la maneggevolezza, complice il baricentro bassissimo, è nettamente superiore a quella di qualsiasi altra moto più pesante di due quintali e mezzo. Purtroppo pecca nella mancanza di un accettabile vano portaoggetti, che non si trova né sotto la sella né sotto la voluminosa carenatura anteriore, quando invece tutti i maxiscooter e anche le moto automatiche come la Aprilia Mana possono ospitare almeno un casco integrale. E il turismo è sì praticabile, ma con un raggio d’azione ridotto a causa della scarsa protezione aerodinamica: per un lungo viaggio, meglio un maxiscooter. Gli specchietti sono ingombranti nel traffico urbano ed offrono una visibilità limitata.

Guida





GUIDA
Le piccole incertezze urbane della DN-01 si limitano alle manovre sotto i 10 km/h, dove occorre qualche minuto per prendere confidenza con la ruota anteriore: è laggiù, lontanissima, e sembra rispondere in modo un po’ macchinoso rispetto ai comandi che il pilota impartisce al manubrio. Ma tutto è ampiamente ripagato da una trasmissione morbida come il burro e da sospensioni che sanno copiare il pavé come raramente (forse mai) ci è capitato di verificare. Insomma, con la DN-01 vien voglia di girovagare senza meta, dolcemente cullati dalle sospensioni, almeno finché il manto stradale non presenta un grosso avvallamento: in quel caso il monoammortizzatore posteriore va facilmente a pacco a causa della voluta “morbidezza”. La centralina offre due modalità di guida: una più tranquilla (D – drive) e ed una più sportiva (S – Sport), ma è preferibile guidare con la D, in virtù della guida in totale relax, con il motore che ronza fra i 3.000 ed i 4.000 giri, piuttosto che con la S, che porta il propulsore a 5.000 giri. La protezione aerodinamica è scarsa, ma alle alte velocità la moto risulta stabilissima in rettilineo e precisa quanto basta sui curvoni: nonostante l’effetto vela della braccia, l’avantreno sembra incanalato lungo un binario invisibile e il retrotreno non ondeggia affatto come talvolta succede su moto di questa mole e con sospensioni così “soffici”. Non capita mai, invece, di spostare da un lato all’altro 3 quintali con tanta naturalezza e rapidità: evidentemente il manubrio largo e il baricentro basso sono un mix efficacissimo per rimediare agli oggettivi limiti di peso e di mole della moto. La posizione rialzata delle pedane offre una luce a terra ben superiore a quella di qualsiasi cruiser, cosa che permette discreti angoli di piega: tanto per intendersi, la facilità con cui la DN-01 striscia a terra i piolini sotto le pedane è paragonabile a quella con cui un normale scooter striscia il cavalletto. L’impianto frenante è talmente efficace da non aver bisogno di collaborazione da parte del motore: la buona potenza decelerante e l’eccellente funzionamento combinato del CBS e dell’ABS (entrambi disponibili di serie) vengono esaltati dall’assetto della moto, talmente lunga e bassa che è quasi impossibile turbarne l’assetto anche con staccate violente.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA