09 October 2008

Nella quinta tappa del Faraoni, classifiche ridisegnate e 450 sul podio

La quinta tappa del rally egiziano si conclude con la vittoria del polacco Jakub Przygonski, in sella alla KTM 690 rally, ma sul podio salgono finalmente le 450 italiane. Luca Manca è secondo con la TM e Alex Zanotti è terzo con l’Aprilia. Il nostro Angelo Barbiero (Aprilia RXV450 Africa, Team Giofil) è tredicesimo nella tappa e mantiene l’ottava posizione nella classifica generale.

Cronaca tappa 5






Siwa (EGITTO) 9 ottobre 2008
– La quinta tappa del Faraoni si è corsa in un anello di 380 km di fuoripista, disegnato vicino al confine libico. Otto piloti tagliano insieme il traguardo. Rispetto ai tempi dell’ordine di partenza è primo il polacco Jakub Przygonski, che corre in sella alla KTM 690 Rally. Dietro di lui arrivano il pilota della TM 450 Luca Manca e quello dell’Aprilia Alex
Zanotti. Un vero successo per le moto italiane.

Partito dietro al suo compagno di squadra Frans Verhoeven (KTM 690 Rally), David Casteu (KTM 690 Rally) tenta una strategia differente Inizialmente lascia navigare l’olandese, ma dopo il secondo crono prende il controllo, anche perché Verhoeven cade con un impatto pauroso. Il tentativo del francese di seguire il percorso scegliendo traiettorie alternative e più difficili fallisce clamorosamente. Casteu rallenta e perde tempo, offrendo la possibilità agli inseguitori di ridurre la distanza da lui e dal compagno, che sono davanti a tutti. Il duo Casteu Verhoeven è subito raggiunto da diversi piloti. La testa della corsa si trasforma da una coppia ad un gruppo di piloti, che percorrono insieme buona parte della tappa e raggiungono il traguardo allineati. Oscar Polli è quarto davanti a Matteo Graziani e, a sorpresa, la svedese Annie Seel è sesta. Paolo Ceci con l’Aprilia precede Casteu, Butuza e Sartori. Il nostro Angelo Barbiero è tredicesimo di tappa, ma nella classifica assoluta rimane in top ten, dove occupa l’ottava posizione.

Casteu è ancora leader della classifica con tre minuti di vantaggio su Verhoeven e 27 su Graziani, ma il distacco in partenza, alla sesta tappa, tra il francese e l’olandese sarà ridotto a tre minuti e mezzo. Se Verhoeven dovesse raggiungere Casteu potrebbe portarsi al comando della generale.

Il racconto di Angelo Barbiero





Il tester di Motociclismo Fuoristrada Angelo Barbiero, alle prese con il suo primo rally africano, della quinta tappa racconta: “Oggi, ampie distese e grandi velocità. E’ stata la tappa meno “divertente”, nel senso di meno guidata. Il fondo era tutto sabbia, con basse e dolci dune da superare. Il problema è che non si vede di là: può esserci una discesa dolce o più secca, sabbia morbida riportata o chissà cos’altro. Io non mi sono fidato a tenere aperto alla cieca. Sarebbe stato come prendere una curva in contromano: non me la sono sentita. Se c’è da spingere forte in un tratto guidato, su sassi o su un cordone di dune non mi tiro indietro, ma filare alla massima velocità senza sapere cosa passerà sotto le ruote tra due secondi… Alla fine, il mio 13° posto di tappa è anche dovuto a questo, perché andare a 130 e poi rallentare a 50 km/h sugli scollinamenti oppure tenere spalancato a 130 km/h fa una bella differenza. Ho visto piloti che mi hanno passato a gas aperto, completamente alla cieca… Il “rischiatutto” qui non è un gioco. Al via della 6° tappa sono sempre 8° dell’Assoluta e 3° della Classe 450. Va benissimo così. La prossima tappa, la numero 6 sarà per metà su sabbia e metà su duro, sassi, per cui c’è più da guidare e mi sento di attaccare, anche perché fisicamente sono a posto. Anche l’ultima tappa, la 7, sarà sul duro: oggi, infatti, daremo l’addio alla sabbia. Incrociamo le dita…”

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA