KTM: "tra 10 anni il 50% delle moto sarà elettrico!"

Abbiamo intervistato Stefan Pierer, Amministratore Delegato di KTM, che ci ha raccontato la "politica verde" della Casa di Mattighofen, le loro idee attuali e quelle per il futuro
Stefan Pierer, Amministratore Delegato di KTM
Sig. Pierer, perché avete deciso di investire nell’elettrico?
“Non certo per fare come Tesla, la cui politica sembra essere “più vendi, più perdi” perché i suoi costi generali non sono ripagati dalle vendite delle loro auto. Siamo convinti che in futuro la tecnologia elettrica sostituirà quella attuale; prenderà piede tra gli scooter fino alle moto vere e proprie”.

Quando è partito il progetto del motore elettrico?
“L’idea è nata 10 anni fa. Il mercato della mountain bike era in crescita e sono cominciati i primi problemi di transito in fuoristrada per le moto. Dovevamo trovare una strada alternativa e abbiamo intrapreso quella dell’elettrico, ma ci sono voluti anni di sviluppo, anche perché nessuno di noi aveva mai lavorato a un progetto del genere. L’investimento è costato 20 milioni di euro ed è stato un grande passo per un’azienda che non era ancora quella delle dimensioni attuali".
In alcune nazioni i veicoli con motore a scoppio non potranno più circolare dopo il 2040.
“La politica a volte non ha la minima idea di cosa siano la fisica e le formule chimiche. Se questo succederà davvero, si dovrà prendere in considerazione quali materiali verranno usati per la produzione di veicoli unicamente elettrici. Nessuno ha oggi la conoscenza di come maneggiare in sicurezza questi materiali in caso di incidenti seri. Un’auto elettrica che brucia ha lo stesso effetto di una centrale nucleare”.

Come vede il prossimo futuro delle due ruote?
“Moto e scooter sono, ad oggi, la soluzione migliore per la mobilità urbana. La nostra strategia, oltre a quella di continuare a costruire moto da strada e fuoristrada di grande successo con motore a scoppio, è quella di sviluppare due ruote con motore elettrico in un range di potenza ben definito, tra i 250/400 W fino ai 1500W. Nei prossimi dieci anni prevediamo che circa il 50% del totale dei veicoli leggeri a due ruote sarà elettrico. Abbiamo in mente vari progetti, tra cui uno scooter, ma il primo riguarda le minicross elettriche, arriveranno nel 2019 o 2020. Comunque, la nostra transizione in quella direzione dovrà, però, essere supportata dal successo nella produzione delle moto con motore a scoppio. Questo ci permetterà di avere i fondi necessari da poter investire nelle future tecnologie”.
KTM Freeride E

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>

Tags

© RIPRODUZIONE RISERVATA