15 September 2008

Il Team Suzuki si aggiudica il quarto Mondiale Endurance consecutivo

La squadra di endurance ufficiale della Suzuki, il Team SERT 1, si aggiudica matematicamente il Mondiale con 109 punti in classifica, in anticipo di una tappa. Si deve intatti ancora correre sul circuito di Doha, in Qatar, la sesta ed ultima gara dell’anno, ma i punti in palio per il vincitore sono solo 35 e la seconda squadra al momento in classifica (Yamaha) è a quota 65.

Il team suzuki si aggiudica il quarto mondiale endurance consecutivo





Nevers Magny-Cour (FRANCIA) 14 settembre 2008
SERT CASTIGATORE Suzuki conquista il quarto titolo iridato nella storia del Mondiale Endurance, con una GSX-R1000. Le squadre ufficiali della Casa di Hmamatsu sono due: il Team Suzuki Endurance Racing Team 1 (SERT1) ed il Team Suzuki Endurance Racing Team 2 (SERT2). La meglio nel Mondiale è andata alla squadra SERT 1 che si è aggiudicata il titolo con 109 punti e una gara di anticipo, grazie all’abilità dei piloti Vincent Philippe, Mathieu Lagrive e Julien Da Costa. Il team SERT 2 potrà comunque giocarsi il secondo gradino del podio nella classifica iridata, perché al momento si trova in terza posizione a 63 punti, preceduto dalla Yamaha Austria che è a quota 65. Grazie ai 35 punti rimasti da assegnare l’8 novembre a Doha, in Qatar, la sfida per il secondo posto è ancora aperta.

IL MEGLIO DI HAMAMATSU
Sono ormai quattro anni consecutivi che la Suzuki vince il Campionato Mondiale Endurance con vantaggi importanti sul secondo classificato. Tutto è cominciato nel 2005, quando la squadra si chiamava ancora Suzuki Castrol Team: arrivò la vittoria con 133 punti, che lasciò indietro il secondo, Kawasaki Bollinger, con un totale di 77. L’anno successivo fu ancora la volta del Suzuki Castrol Team che vinse con 185 punti davanti a Yamaha Austria, rimasta a 150. Suzuki guadagnò il terzo titolo come SERT1 nel campionato dell’anno passato raccogliendo 165 punti e lasciandosi dietro Kawasaki France a 75.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA