29 July 2008

I piloti dell’Italiano Trial richiamati dalla federazione per comportamento antisportivo

Singolare richiamo della Federazione Motociclistica Italiana che ha avvertito i piloti del campionato nazionale di trial, mettendoli in guardia dal ripetere alcune azioni ritenute dannose per le classifiche e manifestazione di un comportamento antisportivo. Nel comunicato si legge che i piloti: “Hanno modificato le zone, alterandole e addirittura rimovendo e riposizionando le segnalazioni”.

I piloti dell’italiano trial richiamati dalla federazione per comportamento antisportivo


ROMA 29 luglio 2008 - Per il momento è solo un richiamo ufficiale, ma potrebbe presto trasformarsi in un provvedimento disciplinare il comunicato diffuso dalla Federazione Motociclistica Italiana che diffida i piloti dell’Italiano di trial dal ripetere azioni ritenute lesive per l’immagine sportiva dei Motclub e dannose per il regolare svolgimento del campionato. Si legge nel comunicato: “La Commissione Tecnico Sportiva Nazionale della Federazione Motociclistica Italiana ha preso visione e approvato l’informazione pervenuta dal Commissario Trial, signor Giulio Mauri, e dall’intero Gruppo di Lavoro della specialità. Prendendo atto di quanto è avvenuto nel corso delle ultime gare di Campionato Italiano in occasione delle quali i piloti, nel previsto periodo di ispezione del percorso, hanno modificato le zone, alterandole e addirittura rimovendo e riposizionando le segnalazioni, sentite le lamentele dei Moto Club organizzatori che vedono in queste azioni non solo il mancato rispetto dei regolamenti, ma anche una forma di atteggiamento antisportivo, il Commissario Trial invita tutti i partecipanti al Campionato Italiano ad assumere, nello svolgimento della loro attività, un atteggiamento più rispettoso delle regole e della componente sportiva. Se questi inviti non cambieranno la situazione, verranno attuate tutte le procedure previste dai regolamenti sportivi per sanzionare chi porterà avanti un comportamento non conforme. In secondo luogo, se la situazione dovesse perdurare, potrebbe essere presa la decisione di vietare la visita alle zone”. C’è da chiedersi quale possa essere il valore sportivo di un pilota che modifica il tracciato di gara, per trarne vantaggio. In generale è una cosa inaudita. Un gesto che va oltre il classico tentativo di accorciare la gara, tagliando il percorso.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA