Confronto BMW R 1200 RT vs Moto Guzzi Norge 1200

Bicilindriche di prima classe.

La Norge




Il carattere e la versatilità della Moto Guzzi Norge contro il perfetto equilibrio della BMW RT. Due vere ammiraglie che offrono grande protezione aerodinamica, maneggevolezza, prestazioni brillanti e consumi contenuti. Infine abbiamo messo a confronto gli ABS (di serie su entrambe) su vari tipi di fondo e anche con il passeggero

L'italiana, moderna e aggressiva

Il design è moderno aggressivo grazie al bel cupolino con i proiettori polielissoidali e agli spigoli vivi che lasciano solo intravedere le grosse teste dei cilindri.
Serbatoio-sella-codino sono perfettamente raccordati
.
Il retrotreno è ben riempito a destra dal Cardano Reattivo Compatto (CA.R.C.) e a sinistra dal grosso terminale di scarico a sezione tonda.

Su una granturismo ci si aspetterebbero gli specchi integrati nella carenatura, qui invece sono sul manubrio.

La strumentazione è comune alla Breva: alla chiara lettura degli strumenti analogici fa riscontro la scarsa leggibilità del ricco computer di bordo con la luce diurna. Nel sottosella trovano posto documenti, la ricca dotazione attrezzi, la presa di corrente e uno spazio per piccoli oggetti. Agevole l’accesso ai fusibili e alla batteria.
La qualità costruttiva è buona, ma si potrebbe fare qualcosa di più
. Soprattutto per quanto riguarda gli accoppiamenti delle plastiche

Le borse laterali (di serie su GT e GTL) sono capienti e ben sfruttabili ma sono poco agevoli da togliere e mettere sulla moto.

La ciclistica è quella della ottima Breva: stesse quote, stessa compattezza.
Nonostante il “vestito” integrale (le versioni T e TL sono sprovviste della parte inferiore paragambe integrata al puntale e ottenibile a richiesta), la Norge si rivela piacevolmente snella. Non a caso la larghezza della carenatura è contenuta in 66 cm (87 cm la larghezza max al manubrio), valore molto inferiore alla concorrenza.

La R 1200 RT





L’imponenza è il tratto estetico caratteristico della R 1200 RT.

Incute quasi soggezione per le sue dimensioni.
Massiccio il cupolino con la grossa presa d’aria di richiamo automobilistico e gli specchi che integrano gli indicatori di direzione.
La regolazione del plexiglas (millimetrica) è elettrica.
L’estetica del cardano è stata alleggerita piazzando superiormente l’asta di contrasto e forando ampiamente il perno ruota.

Le borse laterali sono perfettamente integrate, ottimamente rifinite, hanno il coperchio verniciato in tinta (come la Norge) e sono facilmente asportabili.
Manubrio, comandi e strumentazione hanno un elevato grado di finitura.
La strumentazione, di tipo automobilistico con chiari elementi circolari analogici e display centrale, ha l’intensità luminosa regolabile.

Nella versione full optional della nostra prova il vano a destra del cruscotto era occupato dal lettore CD mentre a sinistra c’era la pulsanteria per la radio.
Non manca anche in questo caso la presa di corrente.
Il vano sottosella è ridotto al minimo
.
La sella del pilota è regolabile su due altezze (820 o 840 mm da terra). Il serbatoio è sormontato dalla slitta per affrancare l’eventuale borsa opzionale.

Come frenano





Nelle prove di frenata ha vinto la Moto Guzzi. Vediamo le differenze con la BMW.


Norge ottima anche in due

I freni Brembo della Norge 1200 sono potenti e non soggetti a fenomeni di fading: anche dopo prolungati sforzi e con moto a pieno carico mantengono un ottimo mordente e fermano a Moto Guzzi in spazi più ridotti rispetto alla BMW, ma la leva alla lunga diventa un po’ spugnosa. L’ABS lavora in maniera egregia e interviene solo in condizioni estreme, risultando così poco invasivo nell’utilizzo normale.





BMW può fare meglio

La R 1200 RT utilizza una pompa Magura e pinze Brembo marchiate BMW. I dischi anteriori sono da 320 mm, come per la Guzzi, mentre il posteriore è da 265 mm (contro 282 della Norge).
La frenata è potente (a lato, pinzando forte sul bagnato e con il passeggero siamo arrivati a  sollevare la ruota posteriore), ma il servofreno toglie modulabilità e sensibilità alla leva.

Il banco





Notevole la disparità grafica delle curve di potenza delle due moto: BMW sopravanza Moto Guzzi lungo tutto l’arco di erogazione, ma la curva dell’italiana appare più lineare.
Quella della coppia invece mostra una vistosa flessione in prossimità dei 4.000 giri, mentre il boxer ha tre - ma poco apprezzabili - cali, il maggiore dei quali a 4.500 giri.

In sintesi





BMW R 1200 RT


Motore
: a 4 tempi, Boxer bicilindrico, alesaggio per corsa 101x73 mm, cilindrata 1.170 cc, rapporto di compressione 12,0:1, distribuzione a monoalbero a camme in testa, 4 valvole e 2 candele per cilindro, contralbero di equilibratura centrale, lubrificazione a carter secco con pompa trocoidale, raffreddamento ad aria-olio, potenza max 110 CV (81,0 kW) a 7.500 giri, coppia max 11,8 kgm (115 Nm) a 6.000 giri.
Alimentazione
: BMW Motorrad BMS-K con cut-off, diametro dei corpi farfallati n.d.
Cambio
: a 6 marce, valore rapporti: 2,277 in prima, 1,583 in seconda, 1,259 interza, 1,033 in quarta, 0,903 in quinta, 0,805 in sesta.  
Telaio
: in tre parti: anteriore, posteriore e gruppo motore/cambio con funzone portante; inclinazione cannotto di sterzo 26,6°, avancorsa 110 mm. Sospensioni: anteriore sistema Telelever con forcella con steli da 35 mm, escursione ruota 120 mm; posteriore Paralever monobraccio con ammortizzatore centrale regolabile, escursione ruota 135 mm. Ruote: cerchi in lega leggera a 5 razze, anteriore 3,50x17”, posteriore 5,50x17”; pneumatici tubeless, anteriore 120/70-17, posteriore 180/55-17.
Dimensioni (in mm) e peso
: lunghezza 2.230, larghezza 905, altezza 1.430 (cupolino basso), interasse 1.485, altezza sella 820/840, peso a vuoto 259 kg. Prestazioni: velocità max oltre 200 km/h.
Dati anagrafici

Costruttore: BMW Motorrad, Hufelandstrasse 4, D-80937 Munchen, Germania.
Importatore: BMW Motorrad Italia Spa,via dell’Unione Europea 1, 20097 San Donato Milanese (MI), telefono 02-51610111, fax 02-51610222, www.bmw-motorrad.it.
Gamma colori: argento, grigio scuro, rosso. Garanzia: 2 anni con chilometraggio illimitato.
Prezzo:
16.550,00 euro, indicativo chiavi in mano.
Optional
: Sella grigia, scarico cromato, E.S.A., sella riscaldabile, manopole riscaldabili, cruise-control, computer di bordo, radio con lettore CD, antifurto, presa corrente supplementare, indicatori di direzione bianchi.

Moto Guzzi Norge 1200


Motore
: a 4 tempi, bicilindrico a V di 90°, alesaggio per corsa 95x81,2 mm, cilindrata 1.151 cc, rapporto di compressione 9,8:1, distribuzione ad aste e bilancieri con 2 valvole per cilindro, lubrificazione a carter umido con pompa a lobi, raffreddamento ad aria/olio, potenza max 95 CV (66 kW) a 7.500 giri, coppia max 10,2 kgm (100 Nm) a 5.800 giri.
Alimentazione
: iniezione elettronica, diametro dei corpi farfallati 45 mm.
Cambio
: a 6 marce,
Telaio
: tubolare in acciaio; inclinazione cannotto di sterzo 25,5°, avancorsa 120 mm.
Ruote
: cerchi in lega leggera a 3 razze, anteriore 3,50x17”, posteriore 5,50x17”; pneumatici Metzeler Roadtec Z6, anteriore 120/70-17, posteriore 180/55-17.
Dimensioni (in mm) e peso
: lunghezza 2.195, larghezza 870, altezza 1.125, interasse 1.495, altezza sella 800, peso a vuoto 246 kg.
Dati anagrafici

Costruttore: Moto Guzzi S.p.A., Via E.V. Parodi 57, 23826 Mandello del Lario (LC), Italia.
Gamma colori: grigio chiaro.
Garanzia: 2 anni.  
Prezzo:
13.500,00 euro per la versione base Turismo e 15.500,00 per la versione GTL, prezzi indicativi chiavi in mano.
Optional
: bauletto posteriore e navigatore satellitare Tom Tom Rider (tranne GTL, di serie); borse laterali, protezione piedi e manopole riscaldate (per T e TL); sella ribassata, antifurto elettronico, borsa serbatoio, telo coprimoto.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA