SPECIALE SALONE EICMA 2022
Tutte le novità Casa per Casa

Bimota e Alstare insieme a 360°: corse, prodotto, comunicazione

Accordo di 5 anni: in Belgio il nuovo Reparto Corse, ma Alstare si occuperà anche di marketing e ricerca e sviluppo, per le corse (SBK e Moto2) e le moto di serie. Presto il ritorno in gara? Comunicato ufficiale

Bimota e alstare insieme a 360°: corse, prodotto, comunicazione

Nell’articolo di presentazione del campionato SBK 2014, accennavamo alla possibilità di un contatto tra Bimota e Batta, finalizzati a far rientrare la Casa riminese nel mondiale per derivate di serie con la BB3 motorizzata BMW e Ayrton Badovini in sella (cliccate qui). Oggi arriva una notizia che conferma l’ipotesi, anche la questione diventa più complessa e le corse non sono l’unico e immediato obiettivo. Ecco il comunicato ufficiale, dopo il quale facciamo qualche considerazione.

 

Il prestigioso costruttore italiano di moto Bimota ed Alstare – aziende rinomate per la loro competenza a livello tecnico e i loro successi sportivi – sono lieti di annunciare di avere raggiunto un accordo di collaborazione a lungo termine per un periodo di 5 anni.

 

La collaborazione prevede la creazione - presso gli stabilimenti di Alstare in Belgio - del nuovo Reparto Corse di Bimota, il quale fornirà supporto tecnico a tutti i team ufficiali Bimota a livello mondiale e preparerà i pezzi speciali da utilizzare sulle moto da corsa. Alstare si occuperà di Ricerca e Sviluppo per la Bimota e lavorerà sul perfezionamento della Moto2 e della Bimota BB3. Il reparto Ricerca e Sviluppo si dedicherà anche dello sviluppo dei nuovi modelli sportivi e supersportivi di Bimota.

 

Alstare con la sua agenzia di comunicazione - forte della sua grande esperienza e capacità di esseresempre innovativi - gestirà la strategia di marketing e comunicazione del Reparto Corse Bimota, attraverso un’accurata ricerca di mercato per conto di Bimota e l’organizzazione di campagne e eventi promozionali. La nuova struttura garantirà la promozione del marchio Bimota per rilanciare questo famoso brand al livello di qualità che merita.

 

Alstare ha come ulteriore obiettivo il potenziamento del business network di Bimota e  l’ottimizzazione della comunicazione interna con gli importatori e i concessionari nel mondo. Sarà costituito un database generale dei clienti e una “community online” ufficiale e tutti i fan club Bimota riceveranno l’appoggio dell’azienda.

 

INIZIANO I SECONDI 40 ANNI

Cominciano oggi 5 anni importanti per Bimota. Questo accordo con Alstare, arrivato mentre Bimota inizia il proprio 41° anno di vita, è un ulteriore passo della nuova proprietà dopo la presentazione a Eicma della nuova BB3, la supersportiva motorizzata BMW su cui si baserà il rilancio sul mercato e nelle corse. Si capisce che c’è l’intenzione di fare le cose per bene e con sguardo lungo. Non c’è la frenesia di tornare subito in pista, nonostante la storia sportiva della Casa: titolo mondiale 350 nel 1980 Jon Ekerold; titolo mondiale TT F1 1987 con la YB4 R pilotata da Virginio Ferrari; nel 1988 vittoria con Davide Tardozzi e la YB4 della prima gara del neonato Campionato Mondiale SBK, chiuso al 2° posto tra i Costruttori e al 3° in quello piloti; presenza in SBK fino al 2000, anno in cui arriva l’ultima vittoria, quella di Anthony Gobert a Phillip Island con la SB8; presenza nel mondiale Moto2. Ma ovviamente non possiamo fare a meno di immaginarci le moto riminesi in pista a breve, di nuovo tra le derivate di serie e in Moto2 con la HB4. Quando? Probabilmente non nel 2014 in SBK, per il solito scoglio del numero minimo di moto da produrre necessarie per l’omologazione, anche se l'introduzione della nuova categoria Evo e un certo tipico "chiudere gli occhi" in SBK sui suddetti numeri potrebbe dare origine a qualche sorpresa, magari qualche wild card (con Badovini?). Dal 2015 in avanti, quando in Superbike diventerà obbligatoria per tutti la configurazione Evo, “optional” quest’anno, è più probabile che vedremo le moto riminesi in pianta stabile. Forse è addirittura più facile aspettarsi il rientro prima in Moto2, categoria per prototipi.

 

OTTIMA SCELTA

Legarsi ad Alstare è comunque una mossa strategica per vari motivi, soprattutto perché Batta possiede competenze che vanno al di là della mera conduzione di un team. La sua struttura, in particolare, è già stata impiegata nella gestione della comunicazione strategica e degli eventi promozionali di marchi prestigiosi, quali Corona e Diesel: si tratta di un "know how" che Chiancianesi e Longoni, i nuovi proprietari di Bimota, non vogliono lasciarsi scappare. Ovviamente il coinvolgimento di Batta nel mondo delle corse fin dal 1982 non è secondario, infatti Bimota affida ad Alstare praticamente tutto quel che concerne l’attività racing, sia per le moto “factory” sia per quelle dei clienti. Interessante notare come, fin da subito, l’esperienza di Alstare verrà travasata anche nella produzione di serie, sotto forma di contributi allo sviluppo di modelli attuali, quali la BB3, e di quelli futuri nel campo delle moto sportive e supersportive (solo il tempo potrà dirci quali saranno le differenze tra le due categorie ma intanto, al Salone di Milano, la Casa ci ha parlato della possibilità che arrivi in futuro un motore a 3 cilindri…). Ovviamente alla struttura belga immaginiamo sarà affidato il futuro ritorno in pista delle Bimota ufficiali, anche perché Francesco Batta, dopo la prematura separazione da Ducati, non riuscirà a stare lontano dalle gare di moto più di tanto, per quanto bene posa fare nel campionato automobilistico Super Touring Series in cui sarà impegnato nel 2014.

 

In bocca al lupo e arrivederci tra i cordoli e dietro le vetrine dei concessionari.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>

Tags

© RIPRODUZIONE RISERVATA