Previsto l’aumento dei pedaggi autostradali

Autostrade per l'Italia S.p.A. ha fatto sapere in una nota che è previsto l’aumento delle tariffe al casello di circa l’1,5%, ma per ora non c’è ancora nulla di ufficiale. Ecco le parole di Roberto Tomasi, CEO di Aspi

1/10 Porte Telepass

In un seminario dedicato al piano di ammodernamento e potenziamento della rete Autostradale nella regione, e durante l’incontro Roberto Tomasi (CEO di Aspi) ha dichiarato: ”Prevediamo un aumento delle tariffe autostradali, intorno all’1,5%, parliamo veramente di poco, ne stiamo discutendo in questa fase con il ministero. Sarebbe previsto dal piano economico finanziario a partire da fine giugno-luglio di quest’anno. Ricordo che le nostre tariffe sono rimaste bloccate a partire dal 2018".

Sempre Tomasi ha precisato che i rincari non sono dovuti all’aumento dei costi dei materiali, che comunque rimane un problema serio che ha inciso pesantemente sul bilancio annuo della società. A seguire Aspi in una nota ha precisato che l’aumento delle tariffe autostradali è ancora in fase istruttoria e non è stato ancora deciso dalle istituzioni competenti. Inoltre il rincaro non sarebbe dovuto all’aumento dei costi dei materiali e delle materie prime. “in questi primi sei mesi noi abbiamo avuto un incremento importante in termini di costi dei materiali che varia dal 20 al 30% mediamente, poi ci sono voci di prezzo con incrementi superiori anche a questo. Ma non può essere un meccanismo col quale blocchiamo i nostri investimenti, ha aggiunto . Anzi, dobbiamo continuare a investire nella speranza che poi ci sia anche un elemento speculativo in questa fase che possa in qualche modo rientrare, non possiamo non pensarlo".

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA