Adria, l'Autodromo resterà chiuso per almeno altri due anni

Sono due gli scenari possibili: interviene la Banca d'Italia a mediare tra Bioitalia e Darma s.p.a. oppure se si attende una sentenza del Tribunale di Milano. I dettagli sulla vicenda relativa all'Autodromo di Adria

Un mese fa venivano posti i sigilli all'Autodromo di Adria. Dopo circa 4 settimane, arrivano notizie tutt'altro che di buon auspicio. Siccome la sua sorte è legata alla decisione del Tribunale di Milano che "riconosca l'accordo preliminare di acquisto sottoscritto fa Bioitalia e Darma s.p.a. con versamento già effettuato di 1,5 milioni di euro nelle casse della seconda", si attende l'arrivo della sentenza non prima del 2025, ovvero 3 anni. Ma c'è un'altra strada che può essere percorsa. A risolvere gli eventuali conflitti di interessi tra alcuni soggetti coinvolti in questa operazione, potrebbe intervenire la Banca d'Italia. Ma se questo accadesse, è difficile aspettarsi che qualsiasi tipo di provvedimento possa arrivare prima del 2024, ovvero tra due anni.


Queste indiscrezioni sono state annunciate dall'avvocato Giuseppe Cavallaro, legale di Bioitalia e di F&M. Presenti anche il presidente di F&M Luigi Scaglia e l'A.D. di Bioitalia Mario Altoè, quest'ultimo nelle vesti di direttore sportivo dell'impianto fino a quando era in attività.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA