Motociclismo d'Epoca di giugno 2017 è in edicola

18 maggio 2017
di Alberto Pasi
  • Salva
  • Condividi
  • 1/30 Motociclismo d'Epoca di giugno 2017
    Anteprima di Motociclismo d'Epoca di giugno 2017. In copertina la Yamaha V-Max del 1984. All'interno Guzzi V7; Gilera Saturno Sport; Fantic Caballero; BMW R 11; Bianchi 400 Cross; Gilberto Parlotti; le ruote in lega...

    In copertina

    Motociclismo d'Epoca di giugno 2017 è in edicola

    È in edicola il fascicolo di giugno di Motociclismo d’Epoca, la rivista leader per gli appassionati di storia e motori.
    La copertina è dedicata ad una Yamaha che ha fatto epoca non solo per il suo stile unico ma anche per le sue doti motoristiche. Si tratta della V-Max 1200, presentata nell’autunno del 1984 in funzione del mercato americano dove debutta con un motore V4 da 145 CV con tutte le caratteristiche degne di un dragster. Viene poi distribuita anche in Europa nella versione da 100 CV (limite di potenza per alcuni importanti mercati, come Francia e Germania) dove ottiene ancor più successo tanto da restare in vendita fino al 2007.

    Guardate la gallery per l'anteprima di questo servizio e del giornale in generale.
    Cliccate qui per sfogliare il giornale online.

    Guzzi V7 story

    Motociclismo d'Epoca di giugno 2017 è in edicola

    Restando sempre sulle motociclette di produzione di serie, Motociclismo d’Epoca punta l’attenzione sulla Moto Guzzi V7, dedicando un ampio dossier per celebrare i 50 anni dall’inizio della produzione. Come e perché nasce questa famosissima bicilindrica che da allora è diventata il simbolo della Casa di Mandello, anche attraverso le testimonianze e i ricordi di chi c’era, dal progettista Carcano all’ingegner Lino Tonti, dal tecnico Umberto Todero, all’esperto Bruno Scola. A proposito di carcano e Todero, insieme a Enrico Cantoni diedero vita alla moto da corsa più famosa della storia, la mitica Moto Guzzi 8 cilindri GP 500: cliccate qui per la storia, le foto, i segreti, il video, i risultati sportivi...

    Dal tubo alla lamiera

    Motociclismo d'Epoca di giugno 2017 è in edicola

    Sempre in tema di bicilindriche, un salto indietro nel tempo per raccontare la BMW R 11, bicilindrica boxer 750 cc, la prima moto della Casa tedesca dotata del telaio in lamiera stampata in sostituzione di quello in tubi. In produzione dal 1928 al 1935 con diversi aggiornamenti.

    Il fratello maggiore

    Segue una fuoristrada, la prima Fantic Motor con cilindrata superiore ai 50 cc. E’ il Caballero Cross Strada 100, realizzato nel 1970 per il mercato USA come Broncco Apache, ma commercializzato anche da noi fino al 1972. Un modello con valide caratteristiche e che sarà utile alla Casa di Barzago per realizzare il successivo Caballero 125.

    Motociclismo d'Epoca di giugno 2017 è in edicola

    Come spendere bene ed evitare fregature

    Motociclismo d'Epoca di giugno 2017 è in edicola

    La consueta Guida all'acquisto riguarda una delle 500 cc simbolo degli anni Cinquanta, la Gilera Saturno Sport 500 nella sua massima evoluzione, ovvero quella prodotta dal 1952 al 1958 e nota anche come “telescopica”. Pregi e difetti, esperti, consigli di guida e di manutenzione nonché i suggerimenti per evitare di comprare un falso.

    La moto del campione

    Motociclismo d'Epoca di giugno 2017 è in edicola

    Per la parte sportiva Motociclismo d’Epoca approfondisce la storia e la tecnica della Bianchi Cross 400 utilizzata dal 1959 al 1963 e che ottenne i migliori risultati nelle mani di Emilio Ostorero.

    Uno dei piloti italiani più forti (e sfortunati)

    Sempre per lo sport, ma sul versante delle corse su asfalto, proponiamo la biografia di un grande campione come Gilberto Parlotti, tragicamente scomparso al TT del 1972 quando era al culmine della carriera, ad un passo dalla vittoria nel Mondiale 125.

    Motociclismo d'Epoca di giugno 2017 è in edicola

    Dalla pista alla strada

    Motociclismo d'Epoca di giugno 2017 è in edicola

    Infine un grande servizio tecnico e storico sulle ruote in lega leggera, sviluppate per le competizioni e successivamente diventate di primo equipaggiamento sulle moto stradali dalla metà degli anni Settanta in sostituzione di quelle classiche a raggi.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Sposta