2012-10-03 08:05:00

Suzuki Intruder C1500T

È la bicilindrica raffreddata a liquido più potente della sua categoria, la giusta via di mezzo tra le sorelle cruiser Suzuki di 800 e 1.800 cc. Il suo obbiettivo sono i viaggi: ha le borse di serie e un ampio parabrezza
  • Salva
  • Condividi
  • 1/24

    Suzuki intruder c1500t

    Loading the player...

    A presentarci la nuova Suzuki Intruder C1500T direttamente dallo stand della Casa di Hamamatsu a Colonia è Fabio Meloni, di Motociclismo. Guardate il video, poi continuate la lettura.

    TECNOLOGIA (QUASI) DA SPORTIVA
    La nuova Intruder 1500 è equipaggiata con un bicilindrico a V di 54° a corsa lunga di 1.462 cc, progettato per associare grandi doti di coppia a facilità di guida e consumi contenuti. È alimentato da un avanzato sistema di iniezione elettronica, lo stesso usato sulle sportive - doppia farfalla, centralina digitale 32 bit. Ha a distribuzione a 4 valvole per cilindro con albero in testa, la doppia candela e il raffreddamento a liquido (ma mantiene il look classico grazie ai cilindri alettati). Tra le caratteristiche speciali sono da citare l'air-box a triplo filtro (come la 1800), che incrementa le prestazioni senza penalizzare la linea e la capacità del serbatoio, i cilindri in alluminio placcati al nikel (con il noto sistema SCEM), che minimizza gli attriti e disperde il calore, i pistoni con fascia di tenuta e raschiaolio trattate al nitruro di cromo. La frizione ha l'antisaltellamento, che "ammorbidisce" le scalate facendo innestare dolcemente la frizione in rilascio; il cambio è a cinque marce.


    LATO B IMPORTANTE, COL GOMMONE E LE BORSE
    Dal punto di vista stilistico sono da segnalare gli accoppiamenti delle coperture (al posteriore spicca un panciuto 200 mm), i cerchi in lega, la forcella con gli steli ricoperti e il look hardtail del telaio a doppia culla, con l'articolazione posteriore invisibile e l'ammortizzatore ben nascosto. Le sospensioni sono tarate per assicurare il massimo comfort di viaggio.


    PROTEZIONE E CAPACITÀ DI CARICO
    In sella c'è spazio per tutti, le dimensioni sono abbondanti e il serbatoio è ben sagomato nella confluenza con la sella. Quest'ultima è disegnata anche pensando al passeggero, che ha a disposizione un'ampia porzione ben imbottita. Le borse laterali sono di serie, di ABS rivestito in tema pelle e disegnate sulla moto per non disturbare il passeggero e offrire una generosa capacità di carico, e c'è anche l'ampio parabrezza, per offrire un'adeguata protezione nei trasferimenti, anche autostradali.

    Sposta