Social

Cerca nel sito

Ecco la Scrambler con motore Ducati

Prima foto ufficiale della nuova Scrambler Borile con motore monocilindrico di derivazione Ducati. Intanto sono cominciate le consegne della Multiuso

Scarica gli allegati:

La Borile e Co (cliccate qui per i nostri articoli sulla Casa euganea) mostra le prime foto della Scrambler motorizzata con il monocilindrico progettato e prodotto dalla stessa Borile MOTORCYCLES in collaborazione con Ducati. In particolare, la Casa bolognese fornisce il gruppo termico (alesaggio per corsa di 98 mm per 60 mm), mentre la Borile produce il basamento. Il cambio è estraibile, l’alimentazione ad iniezione e l’avviamento elettrico. La Scrambler, che nelle prossime settimane concluderà tutti i test in strada, verrà fatta provare alla stampa entro settembre per entrare subito dopo in produzione.

Costerà 12.700 euro (cliccate qui per il listino prezzi Borile)

INIZIANO LE CONSEGNE
Intanto i concessionari Futur Bike (Milano)  e Factory Bike (Albiate, MB) hanno ricevuto le prime Borile Multiuso, consegnate ai clienti direttamente da Umberto Borile. Si tratta dei primi due esemplari in assoluto, mentre la produzione “vera e propria” inizierà a fine agosto. Della moto tuttofare inventata da Borile è un po’ che si parla e noi l’abbiamo anche già provata (leggete qui). La produzione, però, ha subito un po’ di ritardo per via del coinvolgimento di alcuni fornitori nella dalla tragedia del terremoto dell'Emilia.

ABBIAMO FATTO IL MIRACOLO
"Il successo delle nostre moto decretato dalle liste di attesa allungatesi in questi mesi - ha dichiarato Umberto Borile - ci ha creato non pochi problemi e ansie di fronte ai ritardi imposti dal fermo produzione che hanno dovuto subire i nostri fornitori tutti concentrati in Emilia".

"La nostra - ha dichiarato Alberto Bassi, AD di Borile Motorcyclesi - è una piccola azienda dai programmi ambiziosi. Produrre due moto nuove ed un motore in meno di due anni è un miracolo. È chiaro che essere piccoli non aiuta, soprattutto se si deve anche far fronte a condizioni avverse non programmabili. Il terremoto dell'Emilia di maggio, oltre ad essere stato la tragedia che tutti abbiamo vissuto, ha interrotto il lavoro di tanti piccoli artigiani e fornitori, che rappresentano il nucleo produttivo strategico della nostra realtà".

www.borile.it

Commenta con
Commenta con
AGGIORNA COMMENTI

Commenta la notizia