a cura della redazione - 13 May 2016

Long Test, 50.000 km con la Yamaha Tracer: il punto dopo 30.000 km

La nostra Tracer inizia ad accusare i primi, fisiologici segni di stanchezza: catena, corona e  pignone sono arrivati "alla frutta", mentre per la prima volta registriamo un'inversione di tendenza al banco: potenza e coppia calano 

Primi, piccolissimi segni di stanchezza

FINE DELLA trasmissione

Un risultato comunque straordinario, certamente migliore di quello ottenuto dalla trasmissione finale. Infatti nonostante una puntualissima manutenzione di catena, corona e pignone, siamo arrivati con grande fatica al traguardo dei 30.000 km. Appena dopo i 25.000 km i giochi di trasmissione della moto negli apri/chiudi sono diventati davvero fastidiosi, e le curve al banco che vi mostriamo in apertura di questo servizio lo certificano. Insomma, se è vero che per gomme e pastiglie freno abbiamo sempre optato per dei cambi preventivi, a favore della sicurezza, forse nel caso della trasmissione finale ci siamo spinti un po’ oltre il limite che invece ci sentiamo di consigliare ai nostri lettori: 25.000 km. Non uno di più. Ce lo dicono anche i numeri: la catena, da nuova, e compresa la falsamaglia, misurava 1.765 mm; quando è stata sostituita ne misurava 20 in più, segno di un evidente allungamento. I denti della corona un po’ piegati a uncino hanno fatto il resto. 

Ora parte bene

COME SEGUIRE IL LONG TEST

Per tutti i dettagli, i numeri, i confronti, gli inconvenienti, i costi dei tagliandi, non perdetevi Motociclismo di maggio e non dimenticate di seguire la prova sul nostro sito. Ricordate inoltre che il nostro tester è sempre rintracciabile comodamente seduti da casa attraverso i Social. Ecco gli hashtag

  • #longtest
  • #cimettolatesta
  • #taketheroad
  • #daineseAirbag
  • #shoeiitalia
  • #metzeler
  • #yamahamotor
  • #yamahatracer
 
Oltre che sui canali web di Motociclismo, le foto saranno pubblicate da Alfredo Rota anche sui profili personali di Alfredo Rota:  

© RIPRODUZIONE RISERVATA