2016-03-12 17:30:00 -
di Giorgio Sala

WSBK, Thailandia: vittoria n° 3 per Rea. podio per Sykes e VD Mark

Il campione del Mondo in carica vince ancora (terza volta nel 2016, terza volta in Thailandia dopo la doppietta 2015), precedendo il compagno di squadra e il poleman. Davies limita i danni ed è 4°, ottimo 5° Markus Reiterberger. Segue la coppia Yamaha, Lowes e Guintoli, davanti a Jordi Torres. De Angelis e Savadori in Top 10 con le su Aprilia. 13° Baiocco, solo 18° Giugliano
  • Salva
  • Condividi
  • 1/55 Jonathan Rea precede Tom Sykes sul traguardo

    SBK 2016, Tailandia: il report di Gara 1 giro per giro

    Partenza: semaforo verde! Parte male VD Mark, bene Rea, Giugliano è terzo, Chaz Davies quarto. VD Mark con una staccata al limite supera all’esterno Lowes e l’olandese è quinto. Hayden supera Lowes e si porta sesto. Male Guintoli che ora è 12esimo.
    1/20: Ora VD Mark supera Giugliano (che prima si è fatto superare da Davies) e il pilota Honda si porta in terza posizione. Guintoli rimonta due posizioni ed è decimo, 12° De Angelis e 13° Savadori. Sykes supera Rea ed è primo; sembra ci sia gioco di squadra tra i due che comunicano a gesti dopo il sorpasso
    2/20: combattuta lotta a tre quella tra Guintoli, Abraham e Ramos per la nona posizione. Intanto Brookes perde 3 posizioni, ora ed è 19°
    3/20: VD Mark, terzo, gira mezzo secondo più veloce di Rea che lo precede. Intanto Brookes sale in 17esima posizione. Hayden, 6°, segna tempi in linea con i piloti di testa, e sfrutta l’errore di Giugliano per ottenere la quinta posizione
    4/20: sul traguardo Sykes segna il giro di riferimento (1’34”292). Bagarre tra Hayden e Lowes, quest’ultimo ora è in settima posizione, e si trova alle calcagna il compagno di squadra Guintoli che sta effettuando una rimonta. Ma grazie ai sorpassi nei confronti di Giugliano e Hayden, Lowes si porta 5°
    5/20: De Angelis e Savadori sono momentaneamente 10° e 11°, Baiocco è 16°. Il gruppo di testa è composto dai primi tre (sykes, Rea e VD Mark). L’olandese perde un po’ di terreno a causa di una staccata lunga, ma rimane terzo
    6/20: 4 britannici nei primi 5 posti, seguiti da Giugliano (6°). Giuntoli e Reiterberger (8° e 9°) girano più veloce di Lowes e Giugliano che sono 5° e 6°. Insomma, la bagarre è più nelle posizioni intermedie che in testa, dove Sykes e Rea dettano il passo
    7/20: Sykes allunga il distacco su Rea: ora sono 6 i decimi tra i due piloti del KRT
    8/20: Tom Sykes fa un altro giro record: 1’34”098. Brookes nel frattempo scivola ancora in 19esima posizione. Lowes va lungo e perde l’anteriore; perde qualche posizione ed ora è nono
    9/20: Rea ha guadagnato 3 decimi da Sykes, cercando di raggiungere il comando della corsa. Giugliano è sempre 6° davanti ad Hayden 7°
    10/20: Intanto problemi alla moto di Nicky Hayden! Un peccato per lo statunitense, che stava facendo una prestazione notevole considerando che è la sua prima apparizione in Thailandia
    11/20: Bagarre molto accesa tra Davies e Giugliano per la quarta posizione! Guintoli ora è sesto davanti a Retierberger, Lowes, Torres, De Angelis e Savadori. Il distacco tra Rea e Sykes è 272 millesimi, il duo Kawasaki sta facendo una gara a sé.
    12/20: Van Der Mark, attualmente 3°, ha un ritardo 2 secondi da Rea e un vantaggio di 6 secondi da Davies. Ancora battaglia tra le due Ducati ufficiali, con Giugliano che supera Davies in Rettilineo, ma con una delle sue super staccate, Davies si riprende la posizione. Intanto Reiterberger si porta 6° davanti a Guintoli e Lowes. Torres è 9° davanti alle due Aprilia
    13/20: Il distacco tra Rea e Sykes aumenta a 7 decimi, con l’inglese sempre in testa alla corsa
    14/20: giro velocissimo di Rea, che abbatte il muro del minuto e 34 secondi e segna il giro di riferimento (1’33”936). Ancora scintille tra Davies e Giugliano per la quarta posizione.
    15/20: Camier supera Abraham per la 12esima posizione. Ma in testa alla corsa, Rea si avvicina pericolosamente a Sykes, che viene puntato continuamente dal campione in carica. Il distacco con VD Mark aumenta a 4 secondi. Il sorpasso arriva all’ultima curva: Rea è 1° davanti a Sykes!
    16/20: Sykes sta organizzando il suo attacco per riprendersi il primo posto; Giugliano è più veloce di Davies di circa mezzo secondo: l’italiano può ancora sperare per la quarta posizione
    17 -18/20: Rea cerca di aumentare il distacco su Sykes, che comunque non molla il contatto. Giugliano ha provato ad attaccare Davies, ma il numero 34 del team Aruba.it va largo ed è costretto a recuperare il tempo perso. Attenzione: caduta di Giugliano! Non ci voleva per il pilota laziale, che ritorna in sella alla Panigale 1199 R al 19° posto
    19/20: Rea ha difficoltà a doppiare Sebestyen, e così Sykes sfrutta l’occasione per racimolare qualche decimo. I due piloti si avvicinano ancora, con Sykes prepara l’attacco per l’ultima curva
    Bandiera a scacchi: l’attacco di Sykes non riesce, e Rea vince la terza gara su 3. Spettacolare prestazione per il pilota campione in carica, ma altrettanto di rilievo la tenacia con cui Sykes ha provato ad ottenere la sua prima vittoria stagionale. Van Der Mark chiude terzo davanti a Davies ed un ottimo Reiterberger (5°). Le due Yamaha ufficiali chiudono 6° e 7°, posizioni occupate rispettivamente da Lowes e Guintoli. Ottava posizione per l’altra BMW del Team Althea guidata da Torres. Chiudono la Top 10 De Angelis e Savadori, con le Aprilia, 11esima la MV Agusta di Leon Camier dopo una gara in rimonta a causa di una brutta partenza. Baiocco 13°, mentre Giugliano termina deluso con la 18esima posizione

    WSBK, Thailandia: vittoria n° 3 per Rea. podio per Sykes e VD Mark

    En plein di Jonathan Rea

    WSBK, Thailandia: vittoria n° 3 per Rea. podio per Sykes e VD Mark

    Il protagonista della prima delle due gare Thailandesi è ancora lui, Jonathan Rea, che vince la terza gara su tre disputate fino ad ora (sia in campionato 2016, sia nella storia del tracciato Thailandese). Il nordirlandese, autore del giro più veloce, sta per la maggior parte della gara alle spalle del compagno di squadra Tom Sykes, che conclude al secondo posto. Il Poleman Michael Van Der Mark parte male, ma grazie alla sua ottima performance chiude sul gradino più basso del podio: per lui si tratta del terzo podio stagionale. Chaz Davies si porta a casa il quarto posto, dopo una splendida bagarre con il compagno di squadra Davide Giugliano che, a causa di una caduta al penultimo giro, conclude 18°. La quinta posizione è occupata da un sorprendente Markus Reiterberger in sella alla BMW S 1000 RR del Team Althea: non si vedeva un tedesco nella top 5 dal 2009, anno in cui Neukirchner ottenne la terza posizione a Valencia. Il teutonico precede la coppia di piloti Yamaha Alex Lowes (6°) e Sylvain Guintoli (7°). Torres conclude ottavo con l’altra BMW del team di Genesio Bevilacqua, mentre le due Aprilia RSV4 RF del Team Ioda guidate da Alex de Angelis e Lorenzo Savadori chiudono la top 10. Nicky Hayden è stato costretto al ritiro a causa di alcune noie tecniche alla sua Honda. Leon Camier, a bordo della MV Agusta F4 1000 R, chiude 11°; due posizioni più in basso troviamo Matteo Baiocco. 

    Gara 1: ordine di arrivo

    WSBK, Thailandia: vittoria n° 3 per Rea. podio per Sykes e VD Mark
    Sposta