Ride Vision, telecamere a 360° e sensori anti-incidenti

19 June 2018
di Giuseppe Cucco
  • Salva
  • Condividi
  • 1/9 Ride Vision è un nuovo dispositivo di sicurezza passiva che attraverso telecamere a 360° e sensori aiuta i motociclisti a prevenire gli incidenti.
    Ride Vision è un nuovo dispositivo di sicurezza passiva che attraverso telecamere a 360° e sensori aiuta i motociclisti a prevenire gli incidenti. Un video ci mostra il suo funzionamento

    Una giovane azienda israeliana ha messo a punto Ride Vision, un dispositivo di sicurezza passiva in grado di avvisare i motociclisti dei pericoli della strada. Ride Vision sfrutta la tecnologia CAT (Collision Aversion Technology) che mixa intelligenza artificiale alle immagini ricevute tramite un sistema di telecamere a 360°. Gli sviluppatori assicurano che CAT è in grado di analizzare e rilevare solo le minacce reali, senza dare "falsi allarmi" al pilota. Il tutto senza la necessita di installare sulla moto hardware costosissimi o apparecchiature fantascientifiche: due camere grandangolari, una serie di sensori, una centralina che analizza le immagini e i dati ricevuti e un sistema di avvisatori acustici e visivi, stop. Il tutto ha quindi costi contenuti e ingombri ridotti: oltre alle due camere lo spazio occupato dalla centralina è equivalente a quello di uno smartphone.

    Ride Vision, telecamere a 360° e sensori anti-incidenti

    Come funziona?

    La centralina analizza in tempo reale le immagini ricevute dalle telecamere (che avendo una visione a 360° possono captare anche pericoli invisibili all'occhio umano) e in caso di pericoli, in soli 100 millisecondi, avverte il pilota e gli altri utenti della strada del pericolo imminente, tramite segnali luminosi e sonori.

    Un dispositivo "semplice" ed economico che potrebbe salvare molte vite. Il video qui sotto vi mostra il funzionamento di Ride Vision, sfogliate le immagini nella gallery per saperne di più.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Sposta