Test Michelin Power RS: balzo in avanti

31 marzo 2017
a cura della redazione
  • Salva
  • Condividi
  • 1/20 Le Michelin Power RS montate sulla Yamaha YZF-R1. Sono le nuove gomme sportive stradali dedicate alle moto più cattive.
    Prova dei Power RS, nuovi pneumatici Michelin per moto sportive. Abbiamo testato le gomme a Losail, pista che ha aperto il Motomondiale 2017. Le impressioni di guida: comparativa con Power 3, in azione con le 300 cc, full gas con Yamaha R1M, BMW S 1000 RR, Honda CBR1000RR

    Mescola ad hoc e carcassa brevettata

    Test Michelin Power RS: balzo in avanti
    Michelin Power RS

    Allo scorso Salone di Milano Salone di Milano Michelin ha presentato il nuovo Power RS, uno pneumatico sportivo stradale che si pone come diretto concorrente di Pirelli Diablo Rosso III, Dunlop Sportsmart 2, Continental Sportattack III, Bridgestone S21 e Metzeler M7RR.
    In questo prodotto la Casa francese riunisce tutto il know-how che arriva dalle competizioni, MotoGP in primis ovviamente. Caratteristica principale di Power RS è una mescola completamente nuova che, associata ad una innovativa carcassa brevettata (Michelin ACT+), è stata studiata per migliori performance sull’asciutto in termini di aderenza, maneggevolezza e stabilità, soprattutto alle alte velocità.

    Così, per mettere alla prova i nuovi Michelin Power RS siamo volati a Losail. Ecco le nostre impressioni di guida e le foto del test.

    La prova dei 6.000 CV!

    Test Michelin Power RS: balzo in avanti
    La schiera di moto pronte per la prova in pista con le Michelin Power RS (BMW S 1000 RR, Ducati Panigale, Honda CBR1000RR, Kawasaki Ninja, Yamaha R1M...)

    Il tramonto che cala sul rettilineo del circuito di Losail è senza dubbio un colpo d'occhio difficilmente dimenticabile. Se poi nella corsia box ci sono circa 6.000 CV equamente suddivisi su 30 moto, il quadro è completo. Michelin ha voluto fare le cose in grande come a sottolineare l'importanza del nuovo Power RS. A nostra disposizione ci sono: BMW S 1000 RR, Ducati Panigale, Honda CBR1000RR, Kawasaki ZX-10R, Yamahha YZF-R1 e R1M...

    Comparativa, le piccole belve, la sicurezza

    Test Michelin Power RS: balzo in avanti
    Filippo Behar, di Motociclismo, prova le Michelin Power RS in pista a Losail sulla KTM RC390

    Il test si è svolto con tre diverse prove. La prima è una comparativa con il precedente Power 3 in pista. Tre giri con ogni pneumatico che hanno fatto risaltare i miglioramenti ottenuti. In particolare con il vecchio le perdite di aderenza del posteriore in una lunga curva da percorrere in accelerazione provocavano anomale reazioni dell'avantreno. Sensazione questa non rilevata con l'RS. Nella seconda prova l'abbiamo testato con moto da 300 cc in un piccolo tracciato ricavato nel paddock che rispecchia la fisionomia della pista vera. Michelin punta molto su questa fascia di mercato proponendo misure giuste per equipaggiare queste piccole belve. Agilità e buon grip anche qui, nonostante il fondo ispirasse poco a causa della presenza di un po' di sabbia. Anche la prova della frenata d'emergenza sul bagnato ha dato un buon feeling. In queste condizioni di fondo scivoloso c'è stato però solo un assaggio.

    La "Blade" conferma: Michelin ha fatto centro

    Test Michelin Power RS: balzo in avanti
    Filippo Behar, di Motociclismo, prova le Michelin Power RS in pista a Losail sulla Honda CBR1000RR

    Ma sono i tre turni in orario serale il vero cuore del test. Bastano poche curve in sella alla prima moto che abbiamo scelto, la nuova CBR1000RR, per chiarire subito che Michelin ha fatto centro. Il pneumatico anteriore regala la giusta fiducia per entrare con i freni ancora pinzati senza creare alcun fastidioso effetto autoraddrizzante. Negli impegnativi curvoni in appoggio da terza attorno ai 150 km/h non ci hanno mai trasmesso perdite di grip.

    Che posteriore!

    Test Michelin Power RS: balzo in avanti
    Filippo Behar, di Motociclismo, prova le Michelin Power RS in pista a Losail sulla Yamaha YZF-R1M

    Anche nei turni successivi in sella alla Yamaha YZF-R1M e alla BMW S 1000 RR, il posteriore ci ha davvero sorpreso. Un prodotto con destinazione stradale solitamente mostra il fianco di fronte alle super potenze delle 1000 odierne, invece il Power RS ci ha permesso di spingere e divertirci. Ha seguito il nostro apprendistato su una pista nuova e complessa senza farci sorprese. Solo dopo 7-8 giri tirati abbiamo notato un intervento più frequente del traction control, a significare un surriscaldamento del battistrada con conseguente minore grip e trazione. In termini di maneggevolezza, pur non essendo fulmineo, ci è sembrato trasmetta in modo sincero ed equilibrato il carattere della singola moto.
    Insomma questo Power RS ha tutte le carte in regola per dare uno scossone al mercato ponendosi al vertice della categoria.

    Misure disponibili

    PNEUMATICO ANTERIORE

    • 110/70 ZR17 54W
    • 110/70 R17 54H
    • 120/60 ZR17 55W
    • 120/70 ZR17 58W
    PNEUMATICO POSTERIORE
    • 140/70 R17 66H
    • 150/60 ZR17 66W
    • 160/60 ZR17 69W
    • 180/55 ZR17 73W
    • 180/60 ZR17 75W
    • 190/50 ZR17 73W
    • 190/55 ZR17 75W
    • 200/55 ZR17 78W
    • 240/45 ZR17 82W

    Test Michelin Power RS: balzo in avanti
    La schiera di moto pronte per la prova in pista con le Michelin Power RS (sono oltre 6.000 CV totali!)
    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Sposta