di Beppe Cucco - 13 marzo 2020

Brembo “frena” la produzione

A causa della difficile situazione di emergenza nelle aree di Bergamo e Brescia (tra le più colpite al mondo dalla pandemia di Covid-19) Brembo ha disposto la chiusura delle proprie attività produttive

Le zone di Bergamo e Brescia sono tra le più colpite dalla pandemia di Coronavirus. Così Brembo, per salvaguardare la salute dei propri dipendenti e contenere la diffusione del virus Covid-19, ha deciso, come già fatto da Moto Morini, KTM, Ducati, di chiudere i propri stabilimenti italiani per una settimana. Da lunedì cancelli chiusi a Stezzano, Curno, Mapello e Sellero. Lo stop interessa 3.000 lavoratori.

Ecco il comunicato diffuso dall’azienda: “A causa dell’oggettiva situazione di emergenza nelle aree di Bergamo e Brescia (tra le più colpite al mondo dalla pandemia di Covid-19), dove hanno sede gli stabilimenti italiani di Brembo, l’azienda ha disposto che dal 16 al 22 marzo le proprie attività produttive a Stezzano, Curno, Mapello e Sellero saranno temporaneamente sospese.


La decisione è in linea con le disposizioni straordinarie del Governo Italiano e ha l’obiettivo di tutelare la salute e sicurezza delle persone, a fronte dell’evoluzione della pandemia del Covid-19 e alla conseguente oggettiva impossibilità di operare con continuità.


Brembo ha preso questa decisione con grande senso di responsabilità e d’accordo con tutte le parti sociali coinvolte, per intensificare le misure già adottate fin dalle prime fasi di diffusione del virus e per garantire una maggiore sicurezza e serenità di tutte le proprie persone. L’azienda continua a monitorare con la massima attenzione l’evolversi della situazione ed è pronta a riprendere le proprie attività con l’impegno e lo sguardo rivolto al futuro che da sempre la caratterizzano”.

AGGIORNAMENTO DEL 19 MARZO: A causa del protrarsi dell’oggettiva situazione di emergenza in Lombardia e dei provvedimenti straordinari assunti dal Governo nazionale e da altre autorità in Europa, Brembo ha deciso di estendere la sospensione temporanea dell’attività nei propri stabilimenti italiani di Stezzano, Curno, Mapello e Sellero fino al 29 marzo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA