di Nicolas Patrini - 31 maggio 2019

Gian Franco Nanni è il nuovo AD di Askoll EVA

Gian Franco Nanni è stato nominato nuovo Amministratore Delegato di Askoll EVA S.p.A., società che opera nel mercato della mobilità elettrica sviluppando, producendo e commercializzando e-bike e e-scooter, nonché kit e componenti nell'area dei motori elettrici e delle batterie

Laureato in Ingegneria Gestionale, Gian Franco Nanni ha iniziato la sua carriera in Askoll Holding nel 2003 ricoprendo negli anni ruoli sempre più rilevanti all’interno dell’area Marketing e Comunicazione fino a quella nel 2014 di Direttore Marketing del Gruppo. In oltre 15 anni di esperienza, Nanni ha maturato competenze in relazione all’intero processo di sviluppo del prodotto, all’ottimizzazione del placement sui mercati, alla comunicazione e alla promozione, nonché alle attività di pianificazione strategica di marketing sia in ambito B2B, sia B2C, in diversi settori industriali.

Gian Franco Nanni, che lavora al progetto mobilità elettrica di Askoll sin dalle sue prime fasi, partecipando allo sviluppo dell’identità del brand e al posizionamento strategico sia in Italia sia all’estero, potrà contribuire con la sua esperienza e professionalità all’attuazione delle strategie di crescita di Askoll Eva, legate non solo ai processi di sviluppo dei suoi prodotti ma soprattutto alla definizione di nuove soluzioni destinate ai segmenti business, ambito in cui apporterà nuove competenze legate alla sua consolidata esperienza nel settore B2B.

“Sono onorato e gratificato da questo nuovo ruolo e dalla fiducia che l’Azienda ha riposto in me. Lavorerò insieme a tutto il team per far crescere la notorietà del nostro brand e per rafforzare la nostra presenza sul mercato nei diversi segmenti che ci vedono protagonisti, con nuove proposte per i consumatori finali, per il mercato dello sharing e quello professional. Centrale nel mio mandato sarà la focalizzazione strategica sul mercato OEM: la nostra componentistica tecnica, ad altissima efficienza energetica e Made in Italy, è particolarmente richiesta da altri produttori di beni elettrici anche di altri settori. Si sente ancora troppo spesso parlare dell’elettrico come mercato non del presente ma del futuro, perché frenato purtroppo da falsi timori e informazioni improprie. I nostri sforzi andranno anche in questa direzione, per sfatare pregiudizi e costruire una cultura e un’accettazione dell’elettrico reale e veritiera”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA