di Beppe Cucco - 14 marzo 2020

I motociclisti rispettano il “decreto #IoRestoaCasa”

Da un’indagine di Focus2R, grazie ai dati della scatola nera di moto.app, è emerso che da lunedì 24 febbraio a giovedì 12 marzo sono quasi dimezzati i mezzi a due ruote in circolazione sulle strade

Il decreto del premier Conte (DCPM 11/03/2020), messo in atto per contrastare la pandemia di Coronavirus, vieta qualsiasi spostamento non necessario (e se dovete per forza muovervi ricordatevi l’autocertificazione!) su tutto il territorio italiano. Così è nato l’hashtag #IoRestoaCasa, per invitare la popolazione intera ad uscire dalle proprie abitazioni solo quando realmente necessario. E anche noi, come motociclisti, invitiamo tutti voi a lasciare la moto in garage finché questa brutta situazione non sarà passata!

Ma come stanno rispondendo gli utenti delle due ruote al decreto ministeriale? FOCUS2R, l’osservatorio sulla mobilità a due ruote di Confindustria ANCMA e socio unico di EICMA, grazie ai dati raccolti dalla scatola nera di moto.app, installata su oltre 100 mila veicoli, ha potuto monitorare e verificare gli spostamenti delle persone. Dai dati raccolti emerge una sensibile diminuzione dell’uso di veicoli e quindi anche la grande attenzione e responsabilità che i possessori di due ruote hanno messo in pratica dall’emissione del DCPM 11/03/2020.

Nel dettaglio, da lunedì 24 febbraio 2020 in cui circolavano il 34,18% dei mezzi del campione si è passati al 18,06% del giorno 12 marzo 2020. Nello stesso periodo i km percorsi in media sono scesi da 22,1 a 15,7. I dati si riferiscono al 77% agli scooter e il rimanente 23% alle moto.

Qui sotto un grafico che indicano la percentuale dei veicoli circolanti, i km percorsi in media e il dato combinato veicoli/km (indice utilizzo veicolo).

© RIPRODUZIONE RISERVATA