Zero FXE, nuova fun bike elettrica

Zero Motorcycles presenta la nuova moto elettrica FXE 2021, una motard stradale dalle linee moderne e sportive. È spinta dal motore ZForce 75.5 da 34 kW di potenza massima. Su strada si è rivelata una vera e propria fun bike, ma se non si gestisce con parsimonia la manopola dall’acceleratore l’autonomia…

1/23

Zero FXE 2021

1 di 4

Zero presenta la nuova moto elettrica FXE 2021, una motard stradale dalle linee moderne e sportive. La nuova nata della Casa californiana è sviluppata sulla base tecnica della sorella FX, con la quale condivide la parte tecnica, ma si distingue per un look all’avanguardia. Per lo sviluppo del design della moto Zero ha collaborato con Bill Webb, designer di Huge Design - pluripremiato studio di progettazione di San Francisco -, con l'obiettivo di dare alla moto una spinta “avanti verso il futuro”. Per questo motivo Webb ha voluto crea qualcosa che fosse innovativo, ma anche utilizzabile, e da qui è nata la FXE. “Un design che guarda al futuro e comunica fluidità e leggerezza. Le arti marziali del mitico Bruce Lee sono state la nostra fonte di ispirazione, così come la sua fisicità snella, muscolosa, agile e veloce”, racconta Bill Webb, in relazione alla creazione della FXE. “È un design che prende alcuni elementi 'grezzi' delle moto classiche e li mixa con la fluidità, il minimalismo e la pulizia delle moto elettriche”.

Come la sorella FX, anche la FXE è spinta dal motore elettrico ZForce 75-5 e controllata dal sistema operativo Cypher II. Il motore Z-Force presenta una configurazione a magnete permanente (IPM), che non richiede un sistema di raffreddamento a liquido o ad aria forzata e nessun intervento di manutenzione ordinaria. Il sistema operativo Cypher Operating System II funge invece da hub per l'integrazione di tutti i sistemi della moto e grazie alle app Zero permette di monitorare il veicolo e fornire i dati principali sul display del telefonino in modo immediato. Il motore della FXE è in grado di erogare una potenza massima di 34 kW (46 CV) a 4.300 Nm, ma dato più interessante è la coppia massima, di 106 Nm, disponibili fin da subito. Il motore è alimentato da una batteria agli ioni di litio da 7,2 kWh in grado, a detta della Casa, di assicurare un’autonomia di 161 km nel ciclo urbano e di 120 km nel misto extraurbano. Il tempo di ricarica con Zero Rapid Charger (1 kW) è di 3,6 ore (fino al 95%), utilizzando colonnine di ricarica rapida il tempo di ricarica può scendere fino ad un’ora e mezzo (con la normale presa di casa ci vogliono 9,7 ore). La trasmissione finale è a cinghia (a catena sulla FX).

Completano la moto sospensioni regolabili, schermo LCD a colori e faro tondo anteriore a LED (il posteriore e le frecce sono di tipo classico). La sella si trova a 836 mm dal suolo, il peso della moto è di 135 kg.

Dopo avervi detto com’è fatta la nuova Zero FXE, vi diciamo come va. Abbiamo avuto l’occasione di metterla alla prova in anteprima sulle strade del nord dell’Olanda, nelle pagine successive trovate le prime impressioni di guida, con i pregi e i difetti della moto, il prezzo e la scheda tecnica.

1/19

Zero FXE 2021

La FXE è una piacevole sorpresa fin dalla prima presa di contatto. La sella è alta (836 mm dal suolo) e comoda e a ciò aggiungiamo un bel manubrio largo e un peso contenuto in soli 135 kg (sono solo 4 kg in più rispetto alla FX, per via delle diverse sovrastrutture). Un valore, quest’ultimo, molto interessante se consideriamo che a bordo abbiamo una batteria da 7,2 kWh. Su strada la FXE è svelta e agilissima. Nel traffico non avere frizione e cambio ai cui pensare è un bel vantaggio a suo favore, e grazie ad un’erogazione prontissima e fluida non si sente nemmeno il bisogno di averli. Il motore è un brushless raffreddato ad aria con magnete interno che eroga 46 CV di potenza e 106 Nm di coppia, più che sufficienti per spingere la moto in modo… divertente. L’aspetto più emozionante è l’accelerazione, immediata, diretta. Di spinta ce n’è tanta, quasi fin troppa considerando che la moto può essere guidata con patente A2, tanto che se si spalanca decisi “il gas” l’anteriore tende a sollevarsi. E per questo motivo, pensando a fondi stradali viscidi, avremmo visto bene il traction control sulla moto, che invece ne è sprovvista. Ottimo il comportamento delle mappe motore, che cambiano radicalmente il carattere della moto. Con la Sport si ha piena potenza, risposta al gas immediata e poco freno motore, con la Eco erogazione più dolce e freno motore più invadente, tanto che se si imposta il cervello su “sto guidando una moto elettrica” si può quasi far a meno dei freni. In questo modo si recupera anche dell’energia, sfruttando appunto la frenata rigenerativa. Infine c’è la mappa Custon, completamente personalizzabile via app.


Dal punto di vista dinamico i pesi sono ben distribuiti, e in movimento l’ingombrante pacco batterie in mezzo al telaio non si percepisce. Le strette gomme della FXE (Pirelli Diablo Rosso II, nelle misure 110/70-17 e 140/70-17) la rendono agilissima, a discapito, però, dell’appoggio in curva. La guida, disimpegnata e gradevole, è quella tipica delle motardone stradali, con una posizione alta ma sospensioni “giuste”, con l’enorme plus di… zero vibrazioni! A proposito di sospensioni, queste sono regolabili e si comportano bene anche sul pavé, solo il mono ha risposte un po’ troppo secche sulle buche più profonde. Il freno anteriore ha una buona potenza e una buona modulabilità, ma il suo attacco è piuttosto brusco. Il freno posteriore, invece, è nella media, ma la sua leva è posizionata troppo in alto (non è regolabile) e obbliga a sollevare il piede dalla pedana per frenare.

Ma veniamo alla domanda classica di quando si parla di elettrico: qual è l’autonomia reale? Non è facile rispondere. Perché dipende dallo stile di guida, dalla strada e soprattutto dal riding mode impostato. Se con una moto con propulsione tradizionale la variazione di consumi tra una mappa e l’altra (a parità di percorso, guida e pilota, ovviamente) è contenuta, con un motore elettrico il divario è molto più accentuato. Output batteria, freno motore, tipo di erogazione: tutto è gestito dall’elettronica. Quindi, per tornare a noi, possiamo dirvi che abbiamo spremuto la nuova FXE dal 100% della sua batteria fino allo 0% su percorso 85% extraurbano e 15% urbano, con un paio di sparate alla sua velocità massima (140 km/h di tachimetro). Risultato: abbiamo percorso 85 km. E se state pensando “vabbè, la carico quando mi fermo al ristorante per il pranzo”, ricordatevi di mettervi in spalla lo zainetto con il cavo di ricarica. La FXE è sprovvista infatti di un vano dove alloggiare il cavo.

Troverete il test completo della nuova Zero FXE, con interviste e approfondimenti, su Motociclismo di agosto 2021.

1/10

Zero FXE 2021

La nuova Zero FXE 2021 arriverà nei concessionari italiani a partire dalla seconda metà di settembre 2021. Disponibile nella sola colorazione alluminio con dettagli rossi, sarà in vendita a 14.240 euro c.i.m.. La versione “full power” sarà affiancata dalla versione con potenza limitata a 11 kW, in vendita allo stesso prezzo.

Il prezzo presente in questo articolo è da considerarsi con la formula “chiavi in mano”, comprensiva di “messa in strada”, che Motociclismo quantifica in 250 euro.

1/23

Zero FXE 2021

MOTORE Z-Force 75-5 brushless a raffreddamento ad aria passivo, magnete permanente interno e a flusso radiale. Controllore brushless trifase a elevata efficienza, 550 A, con decelerazione rigenerativa. Coppia massima 106 Nm; potenza massima 46 CV a 4.300 giri/min, potenza continua 21 CV a 4.300 giri/min.

SISTEMA OPERATIVO Cypher II

BATTERIE Ioni di litio Z-Force integrati in modo intelligente. Capacità massima 7,2 kWh, capacità nominale 6,3 kWh. Tipo caricatore: 650 W, integrato. Tempo di ricarica standard (220 V) al 100% in 9,7 ore; tempo di ricarica al 100% con fast charge in 1,8 ore.

TRASMISSIONE diretta senza frizione, finale a cinghia.

SOSPENSIONI forcella Showa a steli rovesciati da 41 mm, regolazione del precarico della molla e smorzamento in compressione ed estensione regolabile; corsa 178 mm. Posteriore con ammortizzatore Showa da 40 mm a pistone, con serbatoio esterno, regolazione del precarico della molla e smorzamento in compressione ed estensione; corsa 227 mm.

FRENI ABS Bosch generazione 9. Anteriore con pinza flottante a due pistoni J.Juan, disco 320 x 5 mm; Posteriore con pinza flottante monopistone J.Juan, disco 240 x 4,5 mm.

RUOTE pneumatico anteriore 110/70-17, posteriore 140/70-17, equipaggiati di serie con Pirelli Diablo Rosso II.

DIMENSIONI (IN MM) E PESO interasse 1.422 mm; altezza sella 836 mm; inclinazione cannotto di sterzo 24,4°; avancorsa 71 mm. Peso 135 kg, capacità di carico 151 kg.

AUTONOMIA CICLO URBANO 161 km, in autostrada a 113 km/h 64 km, ciclo misto 92 km.

COLORE argento

PREZZO E DISPONIBILITÀ da 14.240 euro c.i.m., dalla metà di settembre 2021.

1/6

Zero FXE 2021

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA