Yamaha TMAX 530: i consigli per un buon usato

Con oltre 72 mila pezzi venduti negli ultimi 10 anni, il TMAX è nella top ten della classifica scooter. Un successo replicato sul mercato dell'usato, pur con prezzi elevati. Un modello Euro 3 del 2012 può anche superare 6.000 euro
1/12 Yamaha TMAX 530
Con il TMAX Yamaha ha trovato la quadratura del cerchio grazie a una miscela perfetta fra la praticità degli scooter e il piacere di guida delle moto e, dalla sua apparizione sul mercato italiano nel 2001, questo modello si è fatto largo in un settore che mai era riuscito a far diventare "amici" scooteristi e motociclisti. A livello costruttivo, lo scooter giapponese si è rivelato sufficientemente affidabile, soprattutto la versione che andiamo ad analizzare, quella di 530 cc. Gli esemplari del 2012-2014 non hanno fatto registrare particolari difettosità, ma è importante che sia stata eseguita la manutenzione ordinaria, verificabile come sempre, dal libretto dei tagliandi. Diventa fondamentale che lo scooter sia manutenuto da un concessionario ufficiale poiché alcuni interventi meccanici possono essere eseguiti solo con strumenti in dotazione alle rispettive officine. Ne è un esempio la regolazione del tensionamento della cinghia di trasmissione, che prevede la regolazione misurandone la frequenza di risonanza mediante un frequenzimetro digitale. Vi consigliamo, inoltre, di verificare che lo scooter non sia stato modificato a livello di meccanica. Numerosi proprietari hanno montato un variatore after market che, in alcune occasioni, ha creato problemi all'albero motore perché non installato a regola d'arte. Una volta trovato l'esemplare che vi piace chiedete garanzia sull'originalità completa del TMAX. Naturalmente, potete eseguire alcune verifiche semplici, che vi possono fornire un’indicazione più chiara sullo stato complessivo dell’esemplare. Meglio avviarlo, per verificare l’assenza di vibrazioni, rumorosità o fumosità dalle quali diffidare. Le plastiche devono presentare un degrado commisurato all’età dello scooter. È meglio controllare le zone più esposte a colpi e sfregamenti, soprattutto nella parte sottostante dello scooter. La loro presenza può significare che il TMAX è sceso troppo frequentemente dai marciapiedi, dando origine a danni più o meno gravi e meno visibili immediatamente.

Quanto spendere per l'usato

  • 2012: da 6.200 a 7.200 euro
  • 2013: da 6.900 a 7.900 euro
  • 2014: da 7.700 a 8.500 euro
Lo scooter giapponese ha avuto (e ha tutt'ora) un successo molto elevato. Ne consegue che gli esemplari di ogni anno di produzione hanno un valore residuo piuttosto alto, ma il consiglio è di diffidare dai modelli troppo "pasticciati". Un modello usato del 2012-2014 ben tenuto, però, può raggiungere cifre abbastanza elevate, proprio perché lo scooter è ancora molto attuale. Ricordatevi che anche la manutenzione non è particolarmente economica: sono previsti tagliandi che sfiorano i 500 euro. Una volta individuato lo scooter, di solito partendo da una ricerca sul web dove si trovano migliaia di esemplari, andate a vederlo e verificate la presenza del libretto tagliandi. Ricordate che ogni dealer ufficiale può trovare la corrispondenza dello scooter ai relativi interventi periodici attraverso il numero di telaio, approfittatene.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA