Cancellati i Round di Gran Bretagna, Olanda e Qatar

Nonostante tutti gli sforzi delle parti coinvolte, tre appuntamenti della stagione 2020 non si svolgeranno a causa della pandemia da Covid-19. Per la prima volta nella storia della Superbike non si disputerà alcun round nel Regno Unito, mentre il TT Circuit Assen dal 1992 è una presenza fissa che ora, con l’annullamento di quest’anno, vede terminare il record per la tappa più longeva nel WorldSBK

1/3

Dopo tanti confronti e aver valutato molteplici possibilità e scenari, la FIM e Dorna WSBK Organization comunicano con rammarico la cancellazione di tre eventi che finora erano in attesa di definizione. La sicurezza di tutti coloro che fanno parte del Campionato del Mondo MOTUL FIM Superbike ha la priorità assoluta e mentre la stagione sta per partire non si è riusciti a trovare una soluzione che prevedesse lo svolgimento di tutti gli appuntamenti a causa della pandemia da COVID-19.

Il Round di Gran Bretagna in programma a Donington Park (precedentemente posticipato e in attesa di definizione), il Round di Olanda in calendario sul TT Circuit Assen (precedentemente riprogrammato, poi posticipato e in attesa di definizione) e il Round del Qatar sul Losail International Circuit (precedentemente posticipato e in attesa di definizione) sono stati cancellati. Per la prima volta nella storia del WorldSBK non si disputerà alcun Round nel Regno Unito mentre il TT Circuit Assen dal 1992 è una presenza fissa che però ora con l’annullamento di quest’anno vede terminare la striscia come appuntamento più longevo nel WorldSBK.

Gregorio Lavilla, Direttore Esecutivo delle Aree Sporting & Organization commenta:

“Personalmente sono molto triste nell’annunciare la cancellazione di questi tre Round. Da appassionato del nostro sport mi sento profondamente rattristato di non poter andare nel luogo che ha visto la nascita del WorldSBK, ovvero Donington Park e nella ‘Cattedrale della Velocità’, cioè Assen, una pista che è presente nel nostro calendario dal 1992. Inoltre mi rattrista anche il non poter assistere allo spettacolo della gara notturna in Qatar, un appuntamento di cui sempre non vediamo l’ora. Abbiamo preso in considerazione tutte le eventualità per trovare una soluzione ma purtroppo non è stato possibile. Tutto questo però non rende meno interessante il Campionato. La maggior parte dei Round del 2020 si disputerà e siamo all’opera per dar vita a una stagione completa per il 2021. Vogliamo ringraziare tutte le parti coinvolte per il grande lavoro instancabile fatto e per la collaborazione oltre che i tifosi per aver atteso con pazienza la ripresa della stagione”.

Il Campionato 2020 proseguirà in base all’ultimo calendario diramato. Lo trovate qui.

1/18 Mondiale Superbike 2019, Assen: Marco Melandri - Yamaha
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli