Bayliss contro Edwards a Imola, indimenticabile

L’ultima volta in cui Honda ha gareggiato in Superbike con una squadra ufficiale è stata nel 2002: Edwards contro Bayliss, una battaglia all’ultima gara per la vittoria del mondiale. Oggi, la CBR1000RR SP2 ufficiale verrà affida a Camier e Kiyonari con l’obiettivo di tornare al vertice
1/6 Bayliss davanti a Edwards: dopo una gara tiratissima l'ordine di arrivo sarà invertito
I dettagli sono ancora pochi, ma la notizia fondamentale è già nota: Honda Racing Corporation torna a correre nel Campionato Mondiale Superbike 2019. HRC ha annunciato la collaborazione con Althea e Moriwaki, che porterà il costruttore giapponese ad avere due Fireblade ufficiali sulla griglia di partenza del prossimo anno. Leon Camier e Ryuichi Kiyonari saranno i piloti incaricati di portare la CBR1000RR SP2 ai massimi livelli: Honda è a caccia della vittoria, che manca dal 2016, e del titolo, l’ultimo vinto nel 2007 dal Team Ten Kate. Il passato di HRC serve come riferimento e la Fireblade potrebbe diventare una grande rivale della ZX-10RR e della Panigale V4 R. Ricordate cosaa successe 16 anni fa?

Torniamo indietro, fino al 2002

Colin Edwards, Castrol Honda HRC e la VTR1000: all’inizio del millennio questa era probabilmente la più grande collaborazione nel Mondiale Superbike, raggiunta solo da Troy Bayliss e dalla sua Ducati. Texas Tornado aveva conquistato il suo primo titolo mondiale nel 2000, dopo otto vittorie; un anno dopo è stato il turno di Bayliss, che disputava la sua prima stagione da titolare in SBK. Con un titolo ciascuno, il 2002 prometteva di essere una stagione indimenticabile e così è stato.

Bayliss ha vinto 14 delle prime 17 gare disputate e sembrava destinato a conquistare il titolo per il secondo anno consecutivo. Ma con un’ultima rimonta, Edwards e la Honda si portarono a un punto dall’australiano. Ultima gara a Imola: a Edwards Gara 1, divisa in due parti a causa di una bandiera rossa.
Gara 2 sarebbe stata l’ultima di HRC nel campionato. ‘L’ultimo scontro di Imola’ offrì ai tifosi uno spettacolo che rimarrà nella storia della competizione. Edwards e Bayliss disputarono l’intera gara appaiati, scambiandosi le posizioni curva dopo curva e portando le proprie moto oltre il limite. Allo statunitense bastava un secondo posto per vincere il titolo, ma si era ugualmente preso dei rischi per chiudere con un trionfo. L’ultimo giro della gara è leggendario, il canto del cigno di Edwards e di HRC, l’ultima partecipazione al campionato.

Oggi, Texas Tornado è felicemente ritirato, ma HRC è lontana dall’aver messo la parola fine alla sua partecipazione al Mondiale Superbike. A Phillip Island, infatti, la Casa giapponese ritroverà tutte le altre squadre per la prima volta dopo sedici anni e l’aspettativa è quella di far rivivere le stesse emozioni di allora.

Qui sotto trovate una "photo-story" della carriera di Colin Edwards.
1/59 1992 - Colin Edwards (45) e Kenny Roberts jr sulle 250 GP

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA